septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Cina si vendica con sanzioni contro l’ex segretario al commercio degli Stati Uniti Ross e altri

Il segretario al commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross parla durante il terzo dialogo strategico annuale tra Stati Uniti e Qatar presso il Dipartimento di Stato di Washington, Stati Uniti, 14 settembre 2020. REUTERS/Erin Scott/Paul/File Photo

PECHINO/WASHINGTON (Reuters) – La Cina ha dichiarato venerdì di aver imposto contro-sanzioni a individui statunitensi, tra cui l’ex segretario al Commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross, in risposta alle sanzioni statunitensi contro i funzionari cinesi a Hong Kong.

Le sanzioni sono le prime imposte dalla Cina in base alla nuova legge sulle sanzioni anti-stranieri, approvata a giugno, e giungono giorni prima della visita del vice segretario di Stato americano Wendy Sherman in Cina in mezzo a relazioni estremamente tese.

La Cina ha anche imposto “controsanzioni reciproche” non specificate a rappresentanti attuali ed ex di una serie di organizzazioni, tra cui il Comitato esecutivo del Congresso sulla Cina e il Comitato di revisione economica e di sicurezza USA-Cina.

Altre istituzioni menzionate includono il National Democratic Institute for International Affairs, l’International Republican Institute, Human Rights Watch e l’Hong Kong Council for Democracy con sede a Washington.

“La parte statunitense ha preparato la cosiddetta consulenza aziendale di Hong Kong, ha offuscato in modo infondato l’ambiente imprenditoriale di Hong Kong e ha imposto sanzioni illegali ai funzionari cinesi a Hong Kong”, ha affermato il ministero degli Esteri cinese in una nota.

“Queste azioni violano gravemente il diritto internazionale e i principi di base delle relazioni internazionali e interferiscono gravemente con gli affari interni della Cina”, ha affermato il ministero.

La Casa Bianca e il Dipartimento di Stato non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento sulle recenti azioni cinesi, che è arrivata dopo che Washington ha imposto sanzioni la scorsa settimana a più funzionari cinesi per il giro di vite di Pechino sulla democrazia a Hong Kong. Leggi di più

READ  Tesla lancia un pacchetto di abbonamento completo per la guida autonoma a $ 199 al mese

Il governo degli Stati Uniti ha anche avvertito la scorsa settimana del deterioramento delle condizioni commerciali nell’ex colonia britannica, tornata sotto il controllo cinese nel 1997.

Non è stato possibile raggiungere Ross per un commento.

È la seconda volta quest’anno che la Cina impone sanzioni ai funzionari che hanno prestato servizio sotto l’ex presidente Donald Trump, che ha adottato una linea dura nei confronti di Pechino e l’ha affrontata su commercio, pratiche commerciali, diritti umani e altre questioni.

Quando Biden ha prestato giuramento come presidente a gennaio, la Cina ha annunciato sanzioni contro il segretario di Stato uscente Mike Pompeo e 27 alti funzionari di Trump. Leggi di più

L’amministrazione Biden ha definito la mossa “improduttiva e cinica”. Leggi di più

Sophie Richardson, direttore cinese di Human Rights Watch, che venerdì ha sanzionato la Cina per nome, ha definito la mossa “vuota”.

“Queste sono esplosioni diplomatiche progettate per distrarre dalla complicità di Pechino nei crimini contro l’umanità”, ha detto, riferendosi alle presunte violazioni dei diritti umani da parte della Cina nella regione occidentale dello Xinjiang. La Cina ha negato le accuse.

Segnalazioni aggiuntive di Tony Munro a Pechino, Michael Martina, David Shepardson, David Bronstrom e Karen Freifeld a Washington; Montaggio di Kevin Levy, Peter Graf e Andrew Heavens

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.