octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Cina si oppone alla visita di Arunachal di Venkaiah Naidu, l’India dice che non c’è motivo, risolve il problema del LAC

Due giorni dopo che l’India e la Cina si sono accusate a vicenda per non aver fatto progressi nei colloqui su uno scontro militare in … Linea di controllo reale In Ladakh, Pechino ha detto mercoledì di “si oppone fortemente” al vicepresidente M Venkaiah NaidooVisitando Arunachal Pradesh lo scorso fine settimana. Ha chiesto a Nuova Delhi di “smettere di prendere misure che complicherebbero ed espandono la questione dei confini”.

Negli orari del Ministero degli Affari Esteri Dichiarazione di Pechino respinta, affermando che l’Arunachal Pradesh è una “parte integrante e inalienabile” dell’India, e l’obiezione alle visite dei leader indiani in uno degli stati dell’India è “irragionevole”.

In Arunachal Pradesh, il Vicepresidente si è rivolto all’Assemblea di Stato, ha interagito con i “fattori”, ha inaugurato la Biblioteca dell’Assemblea, la Dorji Khandu Hall e l’Unità di riciclaggio della carta di Itanagar, insieme alla riunione guidata dallo stato che includeva il Governatore e il Primo Ministro.

L’obiezione di Pechino alla visita dei leader indiani in Arunachal Pradesh non è insolita. Ha obiettato alle visite in passato del Primo Ministro Narendra Modi e del Ministro della Difesa Rajnath Singh nel 2019 e del Ministro degli Interni Amit Shah nel 2020. Ogni volta, la sua obiezione ha richiesto una risposta dura da parte del governo indiano. Ma mercoledì New Delhi ha anche sottolineato la situazione del confine, il che ha reso la sua risposta un po’ diversa.

Vicepresidente Venkyah Naidu dell’Arunachal Pradesh Society. (Segreteria VPS)

La Cina rivendica un’area di 90.000 chilometri quadrati in Arunachal Pradesh nel settore orientale, mentre l’India vede la Cina occupare illegalmente 38.000 chilometri quadrati ad Aksai Chin nel settore occidentale.

READ  52 morti nell'incendio di una fabbrica di succhi in Bangladesh Bangladesh

Alla domanda sulla visita di Venkaiah Naidu in Arunachal Pradesh, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha detto: “La posizione della Cina sulla questione del confine è coerente e chiara”.

“Il governo cinese non ha mai riconosciuto il cosiddetto Arunachal Pradesh che è stato istituito unilateralmente e illegalmente dalla parte indiana e si oppone fermamente alle visite dei leader indiani nella regione interessata”, ha affermato.

Esortiamo la parte indiana a rispettare seriamente le principali preoccupazioni della Cina, a smettere di intraprendere qualsiasi azione che possa complicare ed espandere la questione dei confini e ad astenersi dal minare la fiducia reciproca e le relazioni bilaterali. Invece, ha affermato Zhao, dovrebbero essere prese misure concrete reali per mantenere la pace e la stabilità nelle aree di confine tra Cina e India e aiutare a riportare le relazioni bilaterali sulla strada di uno sviluppo sano e costante.

spiegare

Promemoria di Delhi

Sollevando la questione dell’America Latina e dei Caraibi, New Delhi afferma che dietro lo slittamento delle relazioni c’è il tentativo di Pechino di alterare lo status quo del confine. E non può essere separato da alcun colloquio tra le due parti.

In risposta, il portavoce del Ministero degli Affari Esteri Arindam Bagshi ha dichiarato: “Abbiamo preso atto dei commenti fatti oggi dal portavoce cinese. Respingiamo tali commenti. L’Arunachal Pradesh è una parte inalienabile e inalienabile dell’India. I leader indiani si recano regolarmente nello stato di Arunachal . Pradesh come fanno in qualsiasi altro stato dell’India. L’obiezione ai leader indiani che visitano uno degli stati dell’India non rappresenta la logica e la comprensione del popolo indiano. “

READ  Montagna. Vulcano Nyiragongo: 92 terremoti e terremoti sono stati registrati nelle ultime 24 ore

Bagchi ha poi accusato i cinesi della situazione lungo la regione dell’America Latina e dei Caraibi. Inoltre, come accennato in precedenza, l’attuale situazione lungo la regione latinoamericana e caraibica nel settore occidentale delle aree di confine tra India e Cina è il risultato di tentativi unilaterali da parte cinese di modificare lo status quo in violazione degli accordi bilaterali. Pertanto, ci aspettiamo che la parte cinese lavori per una soluzione tempestiva ai problemi rimanenti lungo la regione latinoamericana e caraibica nel Ladakh orientale, aderendo pienamente agli accordi e ai protocolli bilaterali piuttosto che cercare di collegare questioni non correlate”.

Il vicepresidente Venkaiah Naidu si rivolge all’Assemblea Arunachal. (Twitter / Segreteria VPS)

In Ladakh, disimpegno delle forze sulle sponde settentrionali e meridionali del Pangong Tsou e Gogra Post, ma non a Hot Springs, dove hanno continuato a fronteggiarsi da quando i cinesi hanno attraversato il LAC nel maggio 2020. I cinesi hanno anche impedito alle forze indiane di raggiungere i tradizionali punti di pattuglia nelle pianure di Depsang, non lontano dal posto strategico indiano a Daulat Beg Oldie vicino al Passo del Karakorum a nord.

Lunedì, dopo il 13° round di colloqui a livello di comandante di corpo d’armata, l’India ha affermato che la sua delegazione ha fornito “suggerimenti costruttivi” per risolvere la situazione nelle “aree rimanenti” ma che la parte cinese “non era accettabile” e “non poteva fare eventuali proposte future”. – alla ricerca di proposte”. D’altro canto, la Cina ha accusato l’India di aver sollevato quelle che ha descritto come “richieste irragionevoli e irrealistiche” che, secondo lei, “hanno aggiunto difficoltà ai negoziati”.

Questo brusco scambio di parole è stato un allontanamento dal passato poiché le due parti stavano rilasciando dichiarazioni congiunte, mostrando una comprensione comune dell’esito dell’incontro.

READ  Ha battuto il record del mondo in pista mentre il CIO stava ispezionando la Bielorussia per lo sprint

Alla vigilia dell’incontro, il capo generale dell’esercito MM Naravani, parlando all’incontro di India Today, ha affermato che i cinesi stanno costruendo infrastrutture dalla loro parte della regione e questo significa che “sono lì per restare”. Aveva fatto una dichiarazione simile durante il tour del Ladakh orientale.

All’inizio di questo mese, a Tawang, nell’Arunachal Pradesh, si è verificato uno scontro quasi totale dopo che i soldati indiani hanno incontrato più di 150 soldati cinesi. Si sono scontrati tra loro prima che i leader locali intervenissero per controllare la situazione. Alla fine di agosto, circa 100 soldati cinesi hanno preso d’assalto il territorio indiano a Parahuti, nell’Uttarakhand.