mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Cina segnala 2 nuovi casi umani di influenza aviaria H5N6

Altre due persone nella Cina continentale sono risultate positive all’influenza aviaria H5N6, portando il numero di casi segnalati questo mese a otto, affermano i funzionari. Un recente picco di casi umani ha portato a richiedere una maggiore sorveglianza.

Il dipartimento della salute di Hong Kong ha dichiarato in una dichiarazione di essere stato informato di altri due casi negli esseri umani nelle province di Sichuan e Zhejiang. Entrambi i casi si sono verificati all’inizio di questo mese ma non sono stati immediatamente resi pubblici dai funzionari locali.

Il primo caso, un uomo di 68 anni di Langzhong nella provincia di Sichuan, si è ammalato il 3 gennaio ed è stato portato in un ospedale locale il giorno successivo, dove rimane in condizioni critiche. Non si sapeva come potesse essere stato infettato.

Il secondo caso, una donna di 55 anni di Hangzhou nella provincia di Zhejiang, si è ammalata il 6 gennaio dopo l’esposizione al pollame macellato. È stata ricoverata in un ospedale della zona il 9 gennaio e rimane in condizioni critiche.

Solo 67 persone sono state infettate dall’influenza aviaria H5N6 dal primo caso confermato nel 2014, ma più della metà di loro è stata segnalata negli ultimi 6 mesi. Otto casi, tra cui due decessi, sono stati segnalati finora quest’anno.

Clicca qui per un elenco di tutti i casi umani fino ad oggi.

L’influenza aviaria H5N6 è nota per causare gravi malattie negli esseri umani di tutte le età e ha ucciso quasi la metà delle persone infette, secondo l’OMS. Non ci sono casi confermati di trasmissione da uomo a uomo, ma una donna risultata positiva l’anno scorso ha negato di aver avuto contatti con pollame vivo.

READ  Hay detalles asombrosos al acecho en las últimas imágenes de Juno de Júpiter

«La tendenza all’aumento dell’infezione umana con il virus dell’influenza aviaria è diventata un importante problema di salute pubblica che non può essere ignorato», hanno affermato i ricercatori in uno studio pubblicato dal Centro cinese per il controllo delle malattie a settembre. Lo studio ha evidenziato diverse mutazioni in due recenti casi di influenza aviaria H5N6.

Thijs Kuiken, professore di patologia comparata presso l’Erasmus University Medical Center di Rotterdam, ha espresso preoccupazione per il numero crescente di casi. «Potrebbe essere che questa variante sia un po’ più contagiosa (per le persone)… o potrebbe esserci più di questo virus nel pollame al momento ed è per questo che più persone sono infette», ha detto Kuiken a Reuters in ottobre.

All’inizio di quel mese, un portavoce dell’OMS ha affermato che il rischio di trasmissione da uomo a uomo è rimasto basso perché l’H5N6 non ha acquisito la capacità di una trasmissione prolungata tra esseri umani. Tuttavia, il portavoce ha aggiunto che è «urgentemente necessaria» una maggiore sorveglianza per comprendere meglio il numero crescente di casi umani.