septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Cina non segnala nuovi casi domestici di Covid-19 per la prima volta da luglio, poiché l’epidemia di Delta si attenua

La Cina sta combattendo la diffusione della variante altamente contagiosa del Delta dal 20 luglio, quando è stato scoperto un gruppo di infezioni da Covid-19 tra il personale addetto alle pulizie degli aeroporti nella città orientale di Nanchino.

Da allora, si è intensificata fino alla peggiore epidemia che la Cina abbia visto dal 2020, diffondendosi in più della metà delle 31 province del paese e infettando più di 1.200 persone. I casi in aumento guidati da Delta sono visti come la più grande sfida per la dura politica di tolleranza zero della Cina sul virus.

Le autorità locali hanno risposto con un rigoroso blocco di decine di milioni di residenti, lanciando campagne di test e tracciamento su larga scala e limitando i viaggi nazionali.

Lunedì, il Paese ha riportato 21 casi importati e nessuna infezione asintomatica trasmessa localmente: è la prima volta che non sono stati registrati casi domestici dal 16 luglio. Ha anche riportato 16 casi asintomatici, tutti anche importati, secondo il NHC. La Cina mantiene un conteggio separato dei casi asintomatici e asintomatici e non include i portatori di virus asintomatici nel conteggio ufficiale dei casi confermati.

Se questa tendenza continua, la Cina potrebbe diventare il primo paese al mondo a controllare un grave focolaio nella regione del delta.

Doppio su zero Covid

La Cina è uno dei numerosi paesi, tra cui Singapore, Australia e Nuova Zelanda, che hanno cercato di sradicare completamente il Covid-19 all’interno dei loro confini.

Le autorità hanno chiuso le frontiere a quasi tutti gli stranieri, imposto rigorose quarantene agli arrivi e avviato blocchi mirati e rigide politiche di test e tracciabilità per reprimere tutti i casi che hanno oltrepassato le difese. E per più di un anno, queste misure hanno avuto grande successo nel mantenere i casi vicini allo zero.

Ma nuovi focolai guidati dalla variabile delta stanno spingendo alcuni paesi a farlo Ripensare il loro approccio.
In Australia, diverse grandi città, tra cui Sydney, Melbourne e la capitale Canberra, sono chiuse da settimane, ma i casi hanno continuato ad aumentare. Sabato il Paese ha registrato il maggior numero di casi in un solo giorno dall’inizio dell’epidemia, mentre migliaia di persone Sono scesi in piazza Per protestare contro le chiusure prolungate.
In un articolo pubblicato domenica sui media australiani, il primo ministro Scott Morrison ha dichiarato: Ha suggerito di porre fine alle restrizioni Covid-19 nel paeseHa detto che gli arresti sono “purtroppo necessari al momento” ma “non saranno necessari per molto più tempo del necessario”. Ha affermato che il governo australiano intende spostare la sua attenzione dalla riduzione del numero di casi all’esame del numero di persone che si sono ammalate gravemente di Covid-19 e richiedono il ricovero in ospedale.
Anche Singapore si è sviluppata carta stradale Per passare alla ‘nuova normalità’ per convivere con il Covid-19.
Nel frattempo, la Cina sembra fermamente impegnata nel proprio approccio alla non proliferazione del coronavirus, con l’emittente statale CCTV. Avvertimento Lunedì che l’epidemia non è ancora finita e che le persone non dovrebbero ignorare la prevenzione dell’epidemia.
Lo stato ha anche continuato a intensificare la sua campagna di vaccinazione. A partire da domenica, secondo l’NHC, ha somministrato più di 1,94 miliardi di dosi di vaccini Covid-19 prodotti a livello nazionale. più di 135 dosi È stato dato per 100 persone, che è più alto che nel Regno Unito e negli Stati Uniti.