agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Cina mette in guardia la Lituania sull’apertura di un’ambasciata di Taiwan a Taiwan

PECHINO/TAIBI (Reuters) – Martedì la Cina ha avvertito la Lituania di non “inviare segnali sbagliati alle forze indipendentiste di Taiwan” dopo che l’isola rivendicata dai cinesi ha dichiarato che avrebbe aperto di fatto un’ambasciata nel Paese baltico. Gli Stati sostengono fortemente.

Pechino considera l’isola governata democraticamente come parte di “One China”, la questione regionale più delicata del Paese.

L’ufficio cinese per gli affari di Taiwan ha affermato di essere contrario a qualsiasi paese con cui ha relazioni diplomatiche con cui ha relazioni ufficiali con Taiwan.

“Esortiamo la Lituania ad aderire al principio di una sola Cina e a non inviare segnali sbagliati alle forze indipendentiste di Taiwan”, si legge in una nota.

La Lituania ha dichiarato all’inizio di quest’anno che intende aprire un proprio ufficio di rappresentanza a Taiwan, una decisione che ha fatto arrabbiare anche Pechino. Il paese ha annunciato il mese scorso che avrebbe donato 20.000 dosi del vaccino COVID-19 a Taiwan. Leggi di più

Il ministro degli Esteri taiwanese Joseph Wu ha affermato che la nuova missione a Vilnius si chiamerà ufficio di rappresentanza taiwanese in Lituania, la prima volta che il nome dell’isola è stato utilizzato per uno dei suoi uffici in Europa, dove normalmente viene utilizzato solo il nome “Taipei”.

“Sia Taiwan che la Lituania sono in prima linea strategica nella difesa delle istituzioni democratiche”, ha detto Wu.

“Credo che attraverso la stretta associazione di valori condivisi, i popoli dei due Paesi possano lavorare insieme per svolgere un ruolo positivo nella comunità internazionale e contribuire alla pace, alla stabilità e alla prosperità nel mondo”, ha aggiunto.

READ  Tokyo 2020: Cori 'Coco' Gauff salterà le Olimpiadi dopo essere risultato positivo al Covid-19

La mossa è stata accolta con favore dagli Stati Uniti, con la loro ambasciata di fatto a Taiwan che afferma: “Tutte le nazioni dovrebbero essere libere di perseguire relazioni più strette e una maggiore cooperazione con Taiwan, una democrazia leader, una grande economia e una forza per il bene nel mondo .”

Solo 15 paesi hanno relazioni diplomatiche formali con Taiwan, ma molti altri hanno ambasciate fisiche che sono spesso chiamate uffici commerciali, così come l’Unione Europea, di cui la Lituania è uno stato membro.

La Cina ha aumentato la pressione sui paesi affinché non abbiano a che fare con Taiwan.

A febbraio, la nazione sudamericana della Guyana ha annullato un accordo per Taiwan per l’apertura di un ufficio di rappresentanza proprio un giorno dopo l’annuncio di Taipei. Taiwan ha attribuito la decisione al “bullismo” cinese.

(Rapporto della redazione di Pechino e Ben Blanchard). Montaggio di Simon Cameron-Moore

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.