enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Cina chiude il 2021 con la peggiore settimana di eventi COVID da quando ha domato l’epidemia originale

Un operatore sanitario in tuta protettiva raccoglie un campione di tampone da un uomo per il test del DNA in un complesso di appartamenti, durante un altro ciclo di test di massa a seguito dello scoppio della malattia da coronavirus (COVID-19) a Xi’an, nella provincia dello Shaanxi, in Cina il 27 dicembre 2021. cnsphoto via Reuters/file foto

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

  • La Cina continentale ha segnalato 1.151 nuovi casi asintomatici localizzati nell’ultima settimana
  • L’ultimo focolaio di infezione nella città di Xi’an

PECHINO (Reuters) – La Cina ha concluso la sua ultima settimana del 2021 con il maggior numero di casi di coronavirus domestico in un periodo di sette giorni da quando ha debellato la prima epidemia del Paese quasi due anni fa, nonostante avesse un arsenale di alcuni dei casi di coronavirus più difficili al mondo. scala -19.

Sabato, la Commissione sanitaria nazionale ha segnalato 175 nuove infezioni comunitarie con sintomi clinici confermati al 31 dicembre, portando il numero totale di casi locali asintomatici nella Cina continentale nell’ultima settimana a 1.151.

L’aumento è stato principalmente determinato da un focolaio nel centro industriale e tecnologico nel nord-ovest di Xi’an, una città di 13 milioni di persone.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

È probabile che il peggioramento dell’epidemia a Xi’an sia la risoluta determinazione delle autorità a ridurre rapidamente la trasmissione e quando emergono casi. La città, che è sotto un blocco di 10 giorni fino a sabato, ha segnalato 1.451 casi asintomatici locali dal 9 dicembre, il numero più alto per qualsiasi città cinese nel 2021.

READ  Donna bandita dallo zoo dopo una relazione malsana con uno scimpanzé: mi ama

Sebbene il numero di casi in Cina sia ridotto rispetto a molti focolai in altre parti del mondo, sarà importante prevenire grandi esplosioni nel 2022. Pechino ospiterà le Olimpiadi invernali a febbraio e il Partito comunista al potere terrà un congresso ogni cinque anni, previsto in autunno, quando è probabile che il presidente Xi Jinping si assicuri un terzo mandato come segretario del partito.

L’emergere della variante Omicron altamente trasmissibile spingerà anche Pechino a rimanere vigile contro il virus. La Cina ha segnalato un piccolo numero di casi di Omicron importati e almeno un caso trasmesso localmente.

Da agosto, la Cina ha cercato di tenere sotto controllo qualsiasi epidemia in circa due settimane, molto meno delle quattro-sei settimane delle precedenti battaglie contro sporadici bombardamenti sulla scia dell’epidemia nazionale iniziale, secondo la National Health Commission.

Le città lungo i confini della Cina sono a maggior rischio di contrarre il virus, a causa della presenza di collegamenti di trasporto stradale o dell’ingresso di viaggiatori infetti da altri paesi. Alcuni sono stati colpiti da un’epidemia nella regione del Delta che ha portato a gravi restrizioni ai viaggi lo scorso anno.

La provincia dello Yunnan, che confina con Myanmar, Laos e Vietnam, ha riportato casi asintomatici più localizzati in 92 giorni su 365 l’anno scorso, o il 25% delle volte, rispetto a qualsiasi altra provincia, regione autonoma o comune.

Grafica Reuters

Blocco di Xi’an

L’epidemia di Xian, che ha portato casi in altre città tra cui Pechino, può essere fatta risalire a un volo dal Pakistan, ma non è chiaro come si sia diffuso alle comunità locali.

A molte persone è stato impedito di lasciare i loro complessi di appartamenti, ma un funzionario del governo ha detto venerdì che le restrizioni saranno allentate nei complessi meno pericolosi quando sarà il momento.

READ  L'Indonesia adotta misure di emergenza dopo l'aumento dei casi di coronavirus

Li Jia Xin, una studentessa laureata di 23 anni, ha detto che nessuno può lasciare il suo campus universitario. Ha trascorso il capodanno con i suoi tre coinquilini e non ha potuto incontrare il suo ragazzo e la sua famiglia.

«Potrei essere qualcuno con un forte senso del rituale, quindi mi sento ancora un po’ triste per il fatto che non stiamo insieme in questo momento», ha detto.

Grafica Reuters

crisi economiche

Le dure politiche della Cina contro la pandemia hanno contribuito a impedire al suo vasto settore industriale di scivolare in arresti prolungati e a raccogliere importanti guadagni nelle esportazioni mentre altri pilastri della crescita si indeboliscono.

Ma l’inaspettato tumulto ha scosso il sentimento dei consumatori e ha colpito i settori della ristorazione, dell’ospitalità e del turismo.

Un dipendente di nome Wang in un caffè tradizionale a Kunming, la capitale dello Yunnan, ha affermato che le entrate della sua azienda si sono dimezzate rispetto ai livelli pre-pandemia.

«Molti ospiti di altre province sono venuti nella nostra casa da tè appositamente per assaggiare il tè Pu’er dello Yunnan, ma ora il loro numero è diminuito», ha detto Wang.

«Il mio stipendio non è stato ridotto, ma sento che potrei perdere il lavoro in qualsiasi momento».

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Grafica Reuters

Segnalazioni aggiuntive di Ryan Wu, Roxanne Liu, Martin Quinn Pollard e Beijing Newsroom; Montaggio di Kim Coogle

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.