enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La carenza di supply chain aiuta la Furniture City in North Carolina

Hickory, North Carolina – Sei mesi dopo la pandemia di coronavirus, milioni di lavoratori hanno perso il lavoro e le aziende erano preoccupate per il loro futuro economico, è successo qualcosa di inaspettato alla Hancock & Moore, il fornitore di divani e sedie in pelle personalizzati in questa piccola cittadina del North Carolina .

I comandi hanno iniziato a piovere.

Le famiglie bloccate in casa hanno deciso di aggiornare le loro divisioni. I single che erano stanchi di guardare i loro mobili tristi volevano mobili nuovi e più belli per il soggiorno. Ed erano disposti a pagare, il che si rivelò un bene, perché il costo di ogni singolo mobile di produzione, dal tessuto al legno alla spedizione, iniziò ad aumentare rapidamente.

Più di un anno dopo, alle aziende di mobili di Hickory, nella Carolina del Nord, ai piedi delle Blue Ridge Mountains, viene offerta un’opportunità inaspettata: la pandemia e le conseguenti interruzioni della catena di approvvigionamento hanno bloccato le fabbriche in Cina e nel sud-est asiatico che hanno spazzato via fuori produzione americana Negli anni ’80 e ’90 del secolo scorso, le importazioni erano più economiche. Allo stesso tempo, la domanda di mobili è molto forte.

In teoria, ciò significa che hanno la possibilità di ricostruire parte del business che hanno perso a causa della globalizzazione. Le aziende di arredamento locali hanno rinunciato al lavoro e si sono reinventate sulla scia dell’offshoring, passando a tappezzerie personalizzate e mobili in legno artigianali per sopravvivere. Ora, aziende come Hancock & Moore hanno ordini arretrati. L’azienda cerca di assumere lavoratori.

«Non sembra un cliché, ma è senza precedenti», ha affermato Amy Gayer, vicepresidente delle risorse umane e dei benefici per la società madre che include marchi di mobili Rock House Farm come Hancock & More e Century Furniture.

Tuttavia, le stesse forze che rendono difficile per i produttori esteri vendere i loro prodotti negli Stati Uniti – e danno ai lavoratori americani la possibilità di ottenere salari più alti – pongono anche ostacoli.

Molte aziende si affidano a parti dall’estero, che sono state più difficili e più costose da ottenere. Pochissimi lavoratori qualificati sono alla ricerca di posti di lavoro nel settore per coprire i posti vacanti e le aziende non sono sicure di quanto tempo impiegherà la domanda, rendendo alcuni riluttanti a investire in nuove fabbriche o espandersi in città con una maggiore concentrazione potenziale di manodopera.

«Vorremmo aumentare la capacità, ma guidiamo mobili in North Carolina – ogni altra azienda di mobili è nella nostra stessa barca», ha affermato la signora Gower.

Alex Shuford, CEO della società proprietaria dei marchi di mobili Rock House Farm, ha affermato che anche se ci fossero abbastanza lavoratori, «l’aumento non durerà il tempo necessario per rivolgersi a una forza lavoro completamente addestrata e portarli da loro come rapidamente.»

READ  Nvidia prevede di dividere le azioni per la prima volta in quasi 14 anni, dopo aver aumentato gli utili del 1.600%

Ha aggiunto che il momento attuale è «anormale sotto tutti gli aspetti e non è in alcun modo sostenibile».

Attualmente, le aziende di Hickory stanno vivendo un grande rilancio grazie alla forte domanda e all’offerta limitata. Divani, letti, tavoli da cucina e biancheria da letto sono saliti alle stelle quest’anno 12 percento nazionale nel mese di ottobre. Mobili e arredi costituiscono una piccola fetta del paniere di beni e servizi che l’inflazione misura – circa l’1 per cento – quindi questo aumento non è stato sufficiente a spingere i prezzi complessivi da soli a livelli scomodi. Ma l’aumento è arrivato con l’impennata dei prezzi di auto, carburante, cibo e affitti che hanno fatto salire l’inflazione 6,2 percento, il livello più alto in 31 anni.

La domanda per i decisori politici e per i consumatori è quanto dureranno l’aumento della domanda e i vincoli sull’offerta. Una parte fondamentale della risposta sta nella rapidità con cui i metodi di spedizione possono essere chiariti e se produttori come gli artigiani di Hickory possono aumentare la produzione per soddisfare la crescente domanda. Ma almeno a livello locale, questo si è rivelato un compito più difficile di quanto si possa immaginare.

In un’umida mattina di fine ottobre, il ronzio delle levigatrici elettriche si è riverberato e il suono di un artigiano che disegna la gamba di una sedia è echeggiato in uno dei cavernosi magazzini di Century Furniture. La fabbrica un tempo ospitava 600 operai che si occupavano delle linee di montaggio. Ora circa 250 sono impegnati a costruire tavoli, sedie e scrivanie.

Il direttore della fabbrica Brandon Mallard ha affermato che lo stabilimento ha in genere 2.000 ordini in cantiere, ma in questi giorni più di 4.000 ordini. I mobili ordinati dovevano essere consegnati entro sei-otto settimane; Ora possono volerci fino a sei mesi.

Gli stessi problemi della catena di approvvigionamento che affliggono quasi tutti i settori stanno colpendo anche il secolo. I pomelli dei cassetti dei comò sono intrappolati sulle navi portacontainer da qualche parte tra il Vietnam e la Carolina del Nord. Per alcuni prodotti, il legname importato ha riscontrato ritardi.

«Continua,» disse il signor Mallard.

Il lavoro è stato anche una sfida. I dipendenti di Century fanno gli straordinari per stare al passo con l’arretrato, ma i lavoratori stanno finendo e i margini dei mobili sono così esigui che pagare gli straordinari può danneggiare i guadagni. Molti dei marchi di Mr. Shuford hanno aumentato i prezzi, ma poiché le parti sono preordinate con settimane o mesi di anticipo, a volte non riescono ad aumentarle abbastanza velocemente da tenere il passo.

L’esperienza di Hickory è un microcosmo di ciò che viene implementato in modo più ampio nell’economia globale.

La domanda è rimbalzata dopo essere caduta all’inizio della pandemia, sostenuta dai controlli di stimolo del governo e dai risparmi raccolti durante la pandemia. La spesa si è spostata dai servizi verso i beni, e questo mix è tornato alla normalità solo lentamente.

READ  Tesla amplia le sue gamme Model 3 e Model Y con Model Year 2022

Un brusco cambiamento ha messo fuori gioco la catena di approvvigionamento globale delicatamente equilibrata: i container hanno faticato a raggiungere i magazzini di merce dove sono necessari, navi portacontainer I porti non possono essere sdoganati abbastanza velocemente e quando le merci importate arrivano a terra, non ce ne sono abbastanza A proposito di camion Per consegnare tutto. Tutto ciò è esacerbato dalla chiusura delle fabbriche straniere legate al virus.

Con i pezzi di ricambio prodotti all’estero che non sono riusciti a raggiungere i produttori e i magazzini nazionali, i prezzi dei prodotti finiti, delle parti e delle materie prime sono aumentati vertiginosamente. Le fabbriche e i rivenditori statunitensi stanno aumentando i propri prezzi. E una carenza di lavoratori, spingendo le aziende ad aumentare i loro salari e aumentare l’inflazione, aumentando i prezzi per coprire quei costi.

Chad Ballard, 31 anni, si è trasferito a $ 20 all’ora costruendo mobili a Hickory all’inizio della pandemia mentre si è trasferito in un ruolo più specializzato.

Il signor Ballard ha detto di essere arrivato in città quattro anni fa dopo aver lavorato nei lavori di costruzione e nei servizi di alberi in Florida. Era pronto per qualcosa di più stabile e meno esposto alle intemperie, e lo trovò nell’industria del mobile. Il lavoro gli ha fornito stabilità finanziaria e sicurezza sufficienti per poter ripagare la sua jeep e fare piani per comprare una casa con sua moglie che lavora anche lei nel settore.

Ma c’è un altro aspetto di alcuni fattori che aiutano a sostenere i lavoratori come il signor Ballard: se l’inflazione continua ad aumentare in un’economia ad alta domanda, significherà costi più elevati per loro e per gli altri consumatori che divorano i loro stipendi e renderanno più difficile permettersi necessità quotidiane come cibo e riparo. In effetti, l’economia del riscaldamento significa che l’obiettivo del signor Ballard di acquistare una casa sarà un po’ più difficile. Il prezzo normale di una casa a Hickory è aumentato del 21% nell’ultimo anno a $ 1,9,187, Secondo i dati di Zillow.

Mentre i prezzi continuano ad aumentare, i responsabili delle politiche economiche temono che i consumatori e le imprese possano aspettarsi un’inflazione sostenuta e richiedere salari costantemente più elevati, creando una spirale in cui salari e prezzi si spingono a vicenda.

C’è motivo di credere che un risultato così disastroso possa essere evitato. Molti economisti, compresi quelli dell’amministrazione Biden, ritengono che la domanda alla fine diminuirà man mano che la vita si sposterà verso modelli più normali e i consumatori spenderanno i loro risparmi, consentendo all’offerta di recuperare il ritardo, possibilmente entro la fine del prossimo anno.

«Abbiamo un mercato del lavoro ristretto e sta diventando sempre più stretto», ha affermato Jared Bernstein, consigliere economico della Casa Bianca. Bernstein ha affermato che la direzione si aspettava che una forte crescita dei salari avrebbe resistito a una rapida inflazione, portando a una migliore leva finanziaria per i lavoratori.

Anche la Casa Bianca si è impegnata a sponsorizzare di più produzione locale. Questo momento può aiutare quell’agenda perché espone la fragilità delle reti di approvvigionamento remoto.

Ma la carenza di personale pandemico, che si verifica negli Stati Uniti in parte perché molte persone scelgono di andare in pensione presto, può anche servire come anteprima del cambiamento demografico che si verifica con l’invecchiamento della forza lavoro della nazione. La carenza di manodopera è uno dei motivi per cui le ambizioni di riproduzione e i posti di lavoro dall’estero sono così complessi.

L’industria del mobile di Hickory stava lottando per assumere anche prima che il coronavirus colpisse. Ha una forza lavoro particolarmente invecchiata perché una generazione di talenti ha evitato un settore afflitto da licenziamenti legati all’offshoring. Ora, pochissimi giovani vi entrano per sostituire i pensionati.

Le aziende locali stanno automatizzando – Hancock & Moore sta utilizzando una nuova macchina digitale per il taglio della pelle per risparmiare lavoro – e stanno formando i dipendenti in modo più proattivo.

Molte importanti aziende sponsorizzano Community College Furniture Academy. In un recente giovedì sera, i datori di lavoro hanno allestito stand a una fiera del lavoro lì, formando un anello di speranza attorno all’ingresso del magazzino della scuola, accogliendo potenziali candidati con corde di marca e materiali multimediali. È stato il primo evento del genere dedicato all’arredamento.

Ma i progressi sono lenti, poiché le aziende cercano di garantire… e più piccolo – La giovane generazione che vale la pena perseguire sul campo. I rappresentanti della compagnia erano più numerosi dei cercatori notturni.

«È un mercato molto difficile trovare persone», ha affermato Bill McBrier, direttore delle risorse umane di Lexington Home Brands. Le aziende si rivolgono al lavoro a tempo determinato, ma anche le aziende specializzate nell’assistenza temporanea non riescono a trovare persone.

«Sono in questo campo da 35 anni», ha detto, «e non è mai stato così prima d’ora».