julio 1, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La carenza di generi alimentari peggiora negli Stati Uniti quando la pandemia esaurisce le forniture

14 gen. (Reuters) – La crescente domanda di generi alimentari, unita all’aumento dei costi di spedizione e alla carenza di manodopera legata a Omicron, ha creato una nuova serie di arretrati nelle aziende di alimenti trasformati e prodotti freschi, svuotando gli scaffali dei supermercati dei principali rivenditori negli Stati Uniti. Stati.

I coltivatori di prodotti deperibili in tutta la costa occidentale pagavano quasi tre volte i prezzi dei trasporti pre-pandemia per spedire cose come lattuga e bacche prima che si deteriorassero. Shay Myers, CEO di Owyhee Produce, che coltiva cipolle, angurie e asparagi lungo i confini dell’Idaho e dell’Oregon, ha affermato di aver ritardato la spedizione delle cipolle ai distributori al dettaglio fino a quando i costi di spedizione non saranno diminuiti.

Myers ha affermato che le interruzioni dei trasporti nelle ultime tre settimane, causate dalla carenza di autisti di camion e dai recenti temporali che hanno chiuso le autostrade, hanno raddoppiato i costi di spedizione per i produttori di frutta e verdura, oltre ai prezzi già elevati della pandemia. «Di solito spediamo dalla costa orientale alla costa occidentale – lo facevamo per circa $ 7.000», ha detto. «Oggi è tra $ 18.000 e $ 22.000».

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Verdure surgelate dei marchi Bird’s Eye Maker Conagra Brands (CAG.N) Il CEO Sean Connolly ha detto agli investitori la scorsa settimana che le forniture dai suoi stabilimenti statunitensi potrebbero essere limitate almeno il prossimo mese a causa delle assenze legate a Omicron.

All’inizio di questa settimana, gli Albertson (ACI.N) Il CEO Vivek Sankaran ha affermato che si aspetta che la catena di supermercati affronterà più sfide della catena di approvvigionamento nelle prossime quattro o sei settimane poiché Omicron ha avuto un impatto sui suoi sforzi per colmare le lacune della catena di approvvigionamento.

READ  Un'interruzione di massa fa sì che i siti Web, inclusi Amazon e i principali siti di notizie, smettano di funzionare

Gli acquirenti sui social media si sono lamentati dei corridoi vuoti di pasta e carne in alcuni negozi Walmart (WMT.N) I negozi. Meijer’s a Indianapolis aveva un pollo nudo; un Publix a Palm Beach, in Florida, era senza carta igienica e prodotti per l’igiene della casa mentre Costco (COSTO O) Ha ripristinato i limiti di acquisto sulla carta igienica in alcuni negozi nello stato di Washington.

La situazione non dovrebbe placarsi per almeno qualche altra settimana, ha affermato Katie Dennis, vicepresidente delle comunicazioni e della ricerca per la Consumer Brands Association, e ha accusato la carenza di manodopera.

Ha detto che all’industria dei beni di consumo confezionati mancano circa 120.000 lavoratori, solo 1.500 posti di lavoro sono stati aggiunti il ​​mese scorso, mentre la National Grocery Association ha affermato che molti dei membri dei suoi negozi di alimentari stavano lavorando a meno del 50% della loro capacità lavorativa.

Gli scaffali dei prodotti sono visti quasi vuoti in un negozio di alimentari Giant Food mentre gli Stati Uniti continuano a confrontarsi con le turbolenze della catena di approvvigionamento a Washington, USA, 9 gennaio 2022. REUTERS/Sarah Silbiger

I rivenditori statunitensi ora devono affrontare livelli di scorte di circa il 12% di prodotti alimentari, bevande, prodotti per la pulizia della casa e l’igiene personale rispetto al 7-10% in tempi normali.

La Consumer Brands Association ha affermato che il problema è più acuto con i prodotti alimentari in cui i livelli delle scorte sono del 15%.

Spartan Nash, un distributore di generi alimentari americano, la scorsa settimana Egli ha detto Sta diventando sempre più difficile ottenere forniture dai produttori di alimenti, in particolare articoli trasformati come cereali e zuppe.

I consumatori hanno continuato a fare scorta di generi alimentari mentre erano a casa per ridurre la diffusione della variante Omicron. Dennis ha affermato che la domanda negli ultimi cinque mesi è stata alta o superiore rispetto a marzo 2020 all’inizio della pandemia. Problemi simili compaiono in altre parti del mondo.

READ  I lavoratori di Starbucks a Buffalo votano per aderire ai sindacati; Café è il primo negozio di proprietà dell'azienda negli Stati Uniti con Etihad

In Australia, il Woolworths Group, l’operatore della catena di generi alimentari, ha dichiarato la scorsa settimana che oltre il 20% dei dipendenti nei suoi centri di distribuzione è senza lavoro a causa del COVID-19. Nei negozi, il virus ha causato l’interruzione del lavoro di almeno il 10% dei dipendenti.

La società, giovedì, ha reintrodotto un limite di due confezioni per cliente di carta igienica e antidolorifici in tutto il paese sia in negozio che online per far fronte alla carenza di personale.

Negli Stati Uniti, le recenti tempeste di neve e ghiaccio che hanno intrappolato il traffico per ore lungo la costa orientale hanno ostacolato le spedizioni di generi alimentari dirette ai negozi di alimentari e ai centri di distribuzione. Questi ritardi si sono diffusi in tutto il paese, ritardando la spedizione di frutta e verdura con una durata di conservazione limitata.

Mentre gli agricoltori con prodotti deperibili sono costretti a pagare tariffe di trasporto gonfiate per attirare forniture limitate di camion, produttori come Myers stanno scegliendo di aspettare per alleviare l’arretrato.

«Cibo in scatola, bevande analcoliche, patatine: queste sono rimaste», ha detto, «perché non erano disposti a pagare il doppio o il triplo del biglietto e le loro cose non si erano andate a male in quattro giorni».

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Praveen Paramasivam. Montaggio di Vanessa O’Connell e Diane Craft

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.