enero 28, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La caccia al titolo Carlo Ancelotti affronta un ostacolo familiare in Diego Simeone | La Liga

Ciao di nuovo. Il giorno in cui Carlo Ancelotti è tornato al Real Madrid, una conversazione casuale su qualcosa di completamente diverso lo ha riportato inaspettatamente in Spagna sei anni dopo, si è guardato intorno a Valdebebas e ha visto volti familiari ovunque, che riposavano senza alcun cambiamento. «Gli stessi fisici, le stesse attrezzature, gli stessi giornalisti, la stessa visione, le stesse esigenze di grandezza», afferma. «Tutto è immutabile: l’unica cosa che cambia è l’allenatore».

È lì, comunque. Dalla sua partenza, il Real Madrid ne ha subiti cinque: Rafa Benitez, Zinedine Zidane, Julen Lopetegui, Santi Solari e ancora Zidane. Il Barcellona è passato sei volte. Al contrario, gli avversari di domenica provenienti da tutta la capitale – rivali che hanno dimostrato di essere delle dimensioni del Barcellona, ​​almeno per Ancelotti – non hanno passato nulla. L’Atletico Madrid ha cambiato casa, lasciando Vicente Calderon per il Metropolitano, 22 chilometri a nord-est, ma non il loro allenatore. E così Ancelotti aspetta un volto noto al Santiago Bernabeu.

Diego Simeone era in carica all’Atletico quando Ancelotti è arrivato per la prima volta ed era in carica quando se n’è andato. Era ancora in carica quando Ancelotti è entrato per la seconda volta, e non è un grande salto dire che lo sarà quando l’italiano tornerà di nuovo. Questo mese sarà un decennio, non 14 come diceva Ancelotti, ma Simeone è diverso, e più lontano. Non solo in Spagna ma altrove. E non è solo diverso, è un «sogno» usare le parole di ammirazione di Ancelotti alla vigilia del suo primo derby nel suo secondo periodo. «A Dio piacendo, sarò qui 14 anni come se fosse all’Atletico», ha detto, con un sorriso che mostra che sa che non accadrà.

Ma poi anche Ancelotti non pensava che sarebbe successo. È finito con una telefonata in estate sugli acquisti di un potenziale giocatore con lui. «Una meravigliosa sorpresa», ha detto Corriere dello Sport. «Non c’è posto migliore al mondo in cui vivere o lavorare.» Non c’è posto migliore nemmeno per il derby. Una seconda possibilità inaspettata, tornare in un posto che ha perso e che credeva di aver lasciato è stata un’occasione per gli italiani da godersi finché è durato, ogni giorno un bonus.

Mentre Ancelotti dice che le sconfitte lo hanno ferito fisicamente, rendendolo incapace di dormire, è un uomo rilassato, lontano da tutte le stronzate e il clamore ora. «Sono in un punto della mia vita in cui voglio solo essere in pace con il mondo», ha detto. “Gioco a calcio dal 1977, quasi 46 anni, di cui 30 da allenatore. Non ho né il tempo né la voglia di lottare. Quando Florentino [Pérez] Vuole buttarmi fuori, non mi arrabbierò».

Diego Simeone ha cambiato la rosa dell’Atletico Madrid da quando ha rilevato il club spagnolo quasi dieci anni fa. Foto: Zed Jameson/MB Media/Getty Images

C’è stato un sollievo nella familiarità, ma forse non questa volta quando guarda alla sua destra, verso l’area tecnica del visitatore. «Quello che Simeone ha fatto all’Atletico – costruire qualcosa di importante, mettere il club tra i migliori in Europa, lottare ogni anno, vincere titoli e farlo ancora in maniera impeccabile – è qualcosa che tutti gli allenatori vogliono», ha detto Ancelotti. «Stare a lungo in un club, lasciare il segno, firmarlo, questo è il sogno di tutti gli allenatori».

Parlando per esperienza. Simeone ha lasciato il segno anche su Ancelotti; È una testimonianza di come la rivoluzione in Atlético abbia rianimato la rivalità, portandola a un picco che potrebbe non aver mai raggiunto. Come manager non potrebbero essere più diversi, soprattutto non ora, almeno esteriormente. L’argentino salta, cammina e urla, saluta freneticamente, dirigendo la folla, non rimanendo sulla linea laterale fino al momento in cui si gira e si lancia nel tunnel. Un italiano raramente fa altro che masticare una gomma in gola e alzare un sopracciglio. Tuttavia, hanno scatenato l’inferno tra di loro e sono entrati nelle battaglie più grandi.

Ancelotti è a Madrid solo da due stagioni, ma ha affrontato Simeone in 13 derby, comprese le semifinali di Copa del Rey e la prima finale di Coppa dei Campioni tra due squadre della stessa città, e 70.000 tifosi si sono diretti a ovest sul Badajoz- Strada di Lisbona. Nessun gioco è stato giocato molto spesso, né è stato di grande importanza. Nessuno di loro si sentiva così importante, nemmeno classici. Forse il derby non è mai stato così competitivo e non è stato nemmeno sempre bello. «Che squadra orribile», ha detto un membro della squadra dietro le quinte di Madrid mentre lasciava Calderon una notte. Sapevano di essere in una vera battaglia.

Ancelotti ha visto l’Atletico vincere il campionato – il suo primo in 14 anni, secondo solo in 38 – forse l’evento più probabile di tutti, un vero capovolgimento dello status quo, e forse il più grande successo per l’Atlético. Solo perché esattamente sette giorni dopo, il gol del 92,48 di Sergio Ramos, nega loro la Coppa dei Campioni e regala al Real Madrid un decimo posto, un’ossessione. Senza di essa, Ancelotti avrebbe potuto essere licenziato; Invece sarà sempre l’allenatore a vincere una gara Decimo. Nel suo periodo lì, ha subito una sconfitta per 4-0, senza mai vincere il campionato.

Il manager del Real Madrid, Carlo Ancelotti, alza il trofeo della Champions League 2014.
Carlo Ancelotti ha portato il Real Madrid a vincere la Champions League contro l’Atletico Madrid nel 2014. Foto: Frank Fife/AFP/Getty Images

Una vittoria qui non sarebbe solo il suo primo successo nel derby della Liga; Farà anche un enorme passo avanti verso la vittoria del titolo di questa stagione. Sarà la prima squadra di Ancelotti in Spagna a schierarsi con i vincitori in Inghilterra, Francia, Italia e Germania. La posizione non avrebbe potuto essere molto migliore di quanto chiunque si aspettasse quando è arrivato come un allenatore popolare, stabile e rilassato se si fosse trattato di una selezione improvvisata dell’allenatore, un uomo con un tranquillo distacco su tutto ciò che fa e dice. Compreso il rifiuto di dire che è finita, il rispetto del suo avversario per troppo e il volto familiare che li conduce.

Il Real Madrid è a disposizione di tutti, Karim Benzema è tornato dopo l’infortunio, sono nove imbattuti. Ma Ancelotti ha insistito: «Quello che posso dire è quello che è successo – abbiamo fatto meglio di altre squadre – ma questo parla del passato. Se il campionato finisce oggi, è finito. Purtroppo non finisce oggi: dobbiamo giocare un altro sei mesi e non lo so.» Cosa potrebbe succedere dopo.»

The Fiver: Iscriviti e ricevi la nostra email quotidiana sul calcio.

E ha aggiunto: «Mezzo scudetto? Non lo so. Avremo tre punti in più sull’avversario che lotterà per il campionato vinto la scorsa stagione. Ma non voglio mettere più pressione su questa partita perché il la pressione c’è già, e questa è una buona cosa».

Hanno molti giocatori che mi piacciono. Griezmann, Suarez è un grande attaccante. Rodrigo de Paul ha giocato molto bene. In difesa hanno giocatori «pessimisti», e questo mi piace nei difensori. Hanno un grande portiere.

«Sono un’intera squadra. Sarà una partita naturalmente competitiva, con duelli, contro una squadra che lotta per il nostro stesso obiettivo».

READ  Robbie Grossman dei Tigers segna una vittoria casalinga tra le chiamate sporche degli arbitri