diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Bielorussia allontana migranti e rifugiati dal confine polacco | notizie sull’immigrazione

Secondo i media e i funzionari bielorussi, la Bielorussia ha allontanato migranti e rifugiati dai principali campi al confine con la Polonia, in un cambiamento di rotta che potrebbe aiutare ad alleviare una crisi che si è aggravata nelle ultime settimane.

Dall’estate migliaia di rifugiati e migranti hanno cercato di raggiungere l’Unione europea attraverso la Bielorussia.

I paesi europei hanno accusato la Bielorussia di aver deliberatamente provocato la crisi trasportando persone dal Medio Oriente per cercare di attraversare i suoi confini in Polonia e Lituania. Minsk ha respinto le accuse.

I media statali bielorussi hanno riferito giovedì che diversi richiedenti asilo si sono trasferiti in un magazzino riscaldato non lontano dal confine e hanno svuotato un campo improvvisato.

Un portavoce delle guardie di frontiera polacche ha affermato che i campi al confine nella Bielorussia occidentale erano completamente vuoti giovedì, come confermato da un funzionario della stampa bielorusso, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa Reuters.

«Questi campi sono ora vuoti e molto probabilmente i migranti sono stati portati al Centro di trasporto e logistica, che non è lontano dal valico di frontiera di Brozje», ha detto il portavoce polacco.

Non c’erano altri campi del genere… ma gruppi apparvero in altri luoghi cercando di attraversare il confine. Vedremo cosa accadrà nelle prossime ore».

La mossa arriva dopo una raffica di attività diplomatica. All’inizio di questa settimana, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha parlato per telefono due volte con il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, che di solito è evitato dai leader europei.

Il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto giovedì un dialogo con i suoi avversari, che hanno rapidamente respinto l’idea a meno che Lukashenko non rilasci i prigionieri politici.

READ  Lituania vs Cina: i pesci baltici sfidano una superpotenza in ascesa

Della crisi ha parlato con Putin anche il presidente francese Emmanuel Macron.

Germania e Unione Europea respingono la proposta di Lukashenko

Nel frattempo, la Commissione europea e la Germania hanno respinto una proposta della Bielorussia che i paesi dell’UE accolgano le migliaia di rifugiati e richiedenti asilo che si trovano attualmente sul suo territorio.

Giovedì scorso, una portavoce del presidente Alexander Lukashenko ha affermato che durante la prima chiamata con la Merkel, Minsk ha chiesto all’UE di accogliere 2.000 rifugiati e migranti.

“L’Unione Europea ha istituito un corridoio umanitario per i 2.000 profughi del campo e ci impegniamo a facilitare – per quanto possibile e se lo desiderano – il rimpatrio dei restanti 5.000.

Tuttavia, il ministro degli interni tedesco Horst Seehofer ha categoricamente respinto la proposta.

«Se accettiamo i rifugiati, se cediamo alle pressioni e diciamo ‘stiamo portando i rifugiati nei paesi europei’, questo significa mettere in atto le basi di questa infida strategia», ha detto Seehofer giovedì in una conferenza stampa a Varsavia.

Poco prima dell’annuncio del piano, la Commissione europea ha affermato che non potevano esserci negoziati con la Bielorussia sulla difficile situazione dei migranti.

Ha rifiutato di commentare la proposta, con il suo portavoce che ha detto: «Abbiamo chiarito la nostra posizione: questa è una crisi artificiale orchestrata dallo stato, ed è responsabilità del regime di Lukashenko fermarla e risolverla».

Nel frattempo, centinaia di iracheni che si erano accampati per settimane al confine giovedì si sono imbarcati su un volo di ritorno a Baghdad.

Sfortunatamente, solo circa 400 rifugiati hanno accettato di tornare a casa. Per l’esattezza, c’erano 374 passeggeri sull’aereo che è partito oggi, ha detto Esmont, la maggior parte di loro cittadini iracheni.

«Stiamo mantenendo le nostre promesse, mentre l’Unione europea non ha ancora rispettato un singolo impegno», ha aggiunto.

situazione in peggioramento

L’Unione Europea ha recentemente esteso le sanzioni contro la Bielorussia a causa della crisi migratoria.

Il blocco ha accusato il governo di Lukashenko di attirare richiedenti asilo e rifugiati al confine della Bielorussia con la Polonia in rappresaglia per le precedenti sanzioni sulle contestate elezioni dell’agosto 2020, che gli hanno concesso un sesto mandato e hanno scatenato massicce proteste antigovernative.

Minsk lo ha liquidato come assurdo e ha affermato che l’UE dovrebbe revocare le sanzioni se volesse risolvere la crisi.

I gruppi di aiuto hanno affermato che almeno 11 richiedenti asilo e rifugiati sono morti su entrambi i lati del confine dall’inizio della crisi all’inizio di quest’anno.

Oltre alla Polonia, i paesi dell’UE orientale, Lettonia e Lituania, hanno rifiutato di accettare richiedenti asilo e rifugiati che intendevano entrare nel blocco attraverso la Bielorussia.

Le persone che sono riuscite a entrare nell’Unione europea sono riluttanti a tornare, molte di loro sono effettivamente intrappolate nelle foreste di confine con l’arrivo dell’inverno.