septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Banca centrale cubana sta ora riconoscendo criptovalute come Bitcoin

Cuba ora riconoscerà e regolerà le criptovalute come Bitcoin, adducendo “ragioni di interesse sociale ed economico”.

Risoluzione n. 215 emessa giovedì scorso dall’Amministrazione dello Stato Gazzetta UfficialeLa banca centrale afferma che stabilirà nuove regole per la gestione delle valute digitali. I fornitori di servizi commerciali ora avranno bisogno di una licenza dalla banca centrale per continuare le operazioni.

L’embargo degli Stati Uniti allo stato comunista ha trasformato Cuba in uno stato paria nell’economia globale. La decisione di Cuba di Unisciti a El Salvador L’adozione di denaro virtuale decentralizzato potrebbe aiutare il paese a eludere il regime di sanzioni degli Stati Uniti, che è stato richiesto Durante l’era dell’ex presidente Trump e È stato esteso sotto il presidente Biden ora.

“È storico che lo stiano abbracciando”, ha affermato Boaz Soprado, un analista di dati fintech con sede a Londra che ha trascorso quattro anni a lavorare nel settore delle criptovalute a Cuba.

“Questo è un governo conservatore ancora in vigore nei modi tradizionali marxisti. In effetti, la Banca centrale cubana comunista è stata fondata da Che Guevara. Il fatto che si stiano organizzando con cura dimostra che sono interessati a ciò che può portare loro”, Boaz continuato.

Inviare e ricevere denaro tra gli Stati Uniti e Cuba è diventato molto difficile sotto l’amministrazione Trump, secondo la dottoressa Marinelli Tanga, professore di antropologia alla Portland State University, che fa ricerche su Cuba da dieci anni.

Nel 2020, Western Union – un canale particolarmente importante per i trasferimenti di denaro, che opera a Cuba da più di 20 anni – ha chiuso tutti i suoi oltre 400 siti, tra sanzioni sempre più dure sotto Trump.

READ  Il regolatore anti-monopolio cinese prevede di multare Mituan per quasi $ 1 miliardo

Il processo di ottenere fondi da e per il Paese è diventato più complicato a causa della pandemia di Covid-19.

Prima dell’epidemia di Covid, Tanga ha affermato che alcuni cubani si sarebbero rivolti ai servizi di corriere un po’ semi-formali chiamati Molas, dove le agenzie avrebbero portato i soldi a Cuba e li avrebbero distribuiti alle persone sull’isola. Ma poiché la pandemia ha bloccato i voli in tutto il mondo, afferma che anche il percorso per ottenere denaro è diventato più difficile.

Gli esperti affermano che è questo disperato bisogno di liquidità – sullo sfondo di una pandemia globale e del blocco dell’accesso all’economia globale – che ha contribuito ad aumentare la proliferazione delle criptovalute a Cuba.

“C’è una sorta di settore di nicchia di persone che sono passate alle criptovalute”, ha detto Tanka.

Attribuisce alla comunità cripto in forte espansione l’avvento di Internet a Cuba, oltre al fatto che ci sono molte persone con smartphone e una connessione 3G. Una valuta locale debole è anche un fattore che probabilmente contribuirà all’attrattiva di Bitcoin.

Il caso d’uso delle criptovalute a Cuba va oltre il trasferimento di denaro transfrontaliero. Riguarda anche i cubani che stanno cercando di sbloccare il loro potenziale di generazione di reddito.

“Se sei uno sviluppatore di software, o se sei un artista NFT, puoi effettivamente essere pagato con criptovaluta per il tuo lavoro, e penso che sia qui che sta davvero il potenziale”, ha detto Tanka. “Apre un’economia completamente nuova a cui i cubani possono partecipare”.

Questo è esattamente ciò che fa il fotografo Gabriel Guerra Bianchini. Bianchini, con sede all’Avana, è stato uno dei primi artisti a Cuba a irrompere nel mondo dei token non fungibili, o NFT.

READ  Jesse Jackson Sr., Jacqueline Jackson è risultata positiva al test per COVID-19 ed è attualmente in ospedale nel Northwestern

“Il mio primo lavoro è stato venduto in sei giorni per 1.6 Ethereum”, ha detto Bianchini. “Questo è più che fare soldi. Questa è davvero libertà.”

Tuttavia, ricevere fondi, anche tramite canali crittografici, richiede una certa creatività, poiché molti scambi richiedono il rispetto della tua conoscenza del cliente.

“Nel momento in cui i cubani partecipano a questo ecosistema, corrono molti rischi, anche se operano con una VPN in cui possono nascondere la loro posizione”, ha affermato Tanka.

Tanka ha detto alla CNBC che molti exchange, compresi quelli che non hanno sede negli Stati Uniti, continuano a geo-bloccare i cubani.

Gli esperti dicono alla CNBC che c’è ancora molta strada da fare per l’adozione di massa delle criptovalute a Cuba.

La decisione in sé – sebbene sia un segnale promettente per i cubani desiderosi di partecipare all’economia globale tramite le barre bitcoin – non rappresenta un caldo abbraccio di tutte le criptovalute. Il testo include una buona dose di scetticismo, come un disclaimer che mette in guardia i cittadini sui rischi delle risorse virtuali e dei fornitori di servizi aggiuntivi, che secondo il governo operano ai “margini del sistema bancario e finanziario”.

Ma Soprado è ottimista sul fatto che qualsiasi tipo di interesse normativo nella criptovaluta sia una buona cosa.

“I legislatori di tutto il mondo, dalla Banca centrale comunista di Cuba, alla Securities and Exchange Commission, stanno cercando di controllare l’industria delle criptovalute. Ciò significa che le criptovalute sono un fenomeno globale e le autorità di regolamentazione hanno deciso che è qui per restare e vale affrontare”, ha detto Soprado.

“È strano che porti una sorta di legittimità nello spazio. È diventato troppo grande per essere ignorato”, ha detto.

READ  Il Dow Jones scende mentre i rendimenti dei Treasury diminuiscono; Le azioni di Tesla crollano a causa delle forti vendite in Cina