enero 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Kyrie Irving ritorna: ecco cosa deve dimostrare il PG dei Nets nel debutto stagionale di mercoledì contro i Pacers

Keri Irving Torna a Reti di Brooklyn Mercoledì sera, per la sua condizione di giocatore part-time, il suo egocentrismo, il suo talento straordinario ma a volte inaffidabile, la sua personale attitudine alle vaccinazioni contro il basket, la sua costante consapevolezza di guardarmi aspetta una semplice domanda che solo Irving stesso potrà per rispondere, in tribunale, lungi da tutto il resto:

Ne vale la pena?

Tra tutte le stranezze di questa stagione NBA, c’è il fatto curioso che Irving non è mai stato in una posizione migliore per dimostrare che il suo talento si traduce in modo vero ai Nets.

Penseresti che un giocatore della sua statura, un campione NBA con sette scelte All-Star a suo nome, sarebbe fuori da tali domande. Pensi di superarlo steve curry I momenti finali delle NBA Finals 2016 decideranno le cose. Penseresti, e molte persone già lo pensano, che l’abilità individuale di Kyrie in campo sia stata la risposta a tali dubbi. E ti sbagli.

Una recente conversazione con il general manager NBA ha riassunto la contraddizione. Quando gli è stato chiesto di Kyrie, il GM ha fatto un monologo momentaneo su tutte le cose che arrivano con Irving dietro le quinte: una celebrazione di pettegolezzi rapidi di segnali di pericolo e comportamento delle dive che potrebbero far arrossire Antonio Brown. Mi è stato detto: «È un disastro». «È un disastro negli spogliatoi».

Eviteresti di includerlo nella tua squadra se si presentasse l’occasione?

Sospirò: «No». «No, l’avrei portato io. Ha troppo talento per non farlo.»

E così Catch-22 The Nets ora trova se stesso. Irving è un disastro, certo, ma hanno bisogno di lui, ora più che mai, con molte assenze legate al COVID. E così Kyrie Irving è tornata. Senza alcuna garanzia che funzionerà.

La vera ricompensa per avere Irving in campo è sempre stata sconcertante e bizzarra tanto quanto il suo comportamento fuori dal campo. Parlare di terra piatta ha fatto notizia. Ma era il suo impatto vincente e quello che contava davvero, e non era facile da correlare come la forma del terreno oi punti del quadrato di Irving.

READ  Lo studente italiano in scambio Mattia Casagrande porta le abilità di pallavolo nella squadra maschile di Taunton لفريق

Keri si è unita a ciò che era molto buono Celtics Quando è arrivato nel 2017, una squadra giovane sarebbe già arrivata alle finali della Eastern Conference senza di lui, e questo avrebbe creato un’altra squadra con Irving infortunato al Celtic. Eppure non fecero il salto successivo con Irving tra loro. Si sono ritirati.

I Nets sono stati anche un intrigante banco di prova per ciò che significa avere Irving nel mix.

Alcuni numeri su queste due stazioni:

Kerry ha giocato 127 partite per Boston nelle stagioni 2017-18 e 2018-19. I Celtics erano 78-49 con lui sul pavimento per una percentuale di vittorie di 0,614. Tuttavia, sono andati 16-11 senza Kyrie durante questo periodo per una percentuale di vittorie molto più alta di 0,702.

Questa stessa influenza si è trasferita a Brooklyn.

Kyrie ha giocato 20 partite per i Nets nella stagione 2019-20 contro Spencer Dinwiddy e Karis Levert. Sono andati 8-12 durante quel periodo, il segno di 0,400. Tuttavia, Brooklyn è stato 27-25 in 52 partite senza di lui – poco più di 0,500, e notevolmente meglio di quando ha giocato.

La scorsa stagione, Kyrie ha giocato 54 partite per i Nets, e in quelle partite sono andati 36-18 e 12-6 senza di lui, in pratica.

C’è molto da dire poco: il suo talento non è necessariamente una via sicura per il successo.

Da allora sono successe molte cose, ovviamente, con la pandemia di Heart of the League e la decisione di Kerry di rimanere immune, il che significa che, date le regole di New York City, non può giocare le partite in casa a Brooklyn. Fino a poco tempo, anche la disperazione che i Nets stanno vivendo come giocatore NBA Inserisci i protocolli di salute e sicurezza specifici della lega La squadra è stata costretta a cambiare: la sua squadra ha affrontato questa situazione con una sospensione completa della squadra.

Il che ci porta al ritorno di Kyrie Irving contro pacers A Indianapolis stasera.

READ  Sixers at Thunder: Seth Curry ha una massiccia vittoria nel primo trimestre su OKC

È un momento unico. il Kevin DurantJames Harden-Triumvirato Kyrie Irving Non lontano dall’estate, Harden e Irving potrebbero ritirarsi dai loro accordi, se lo desiderano. L’est sta diventando più duro di quanto non fosse quando KD e Kyrie considerarono per la prima volta Brooklyn una destinazione. E sappiamo, dalla sua storia, che Irving può essere piuttosto imprevedibile riguardo al suo futuro nel gioco.

In più: non è facile vincere un campionato, anche se hai il talento di Brooklyn. Irving non ce l’avrebbe mai fatta senza LeBron. Durant non ce l’ha fatta senza Steve. Molti, molti uomini non lo facevano affatto.

Quindi c’è pressione, un senso del tempo che scorre veloce e un bisogno, il tutto mescolato con le aspettative che circondano Brooklyn. Tutti sono perfetti per Irving per intervenire e mostrare più del suo talento. per mostrarne il valore. Per mostrare il suo valore a una squadra che lotta per vincere, non, dopo tutto, statistiche appariscenti e grandi capacità.

Potrebbe incontrare quel momento. C’era umiltà e originalità – o almeno così sembrava – nei primi commenti di Kerry ai media la scorsa settimana mentre si profilava il suo ritorno.

«Sapevo le conseguenze», ha detto. «Non ero pronto per loro, in nessun modo. Entro la stagione pensavo che sarei stato un compagno di squadra a tempo pieno e sarei uscito, divertirmi e fare un ottimo tipo di basket là fuori, ma sfortunatamente non è andata così. Le cose accadono per una ragione, ora siamo qui e ne sono grato.

«Incredibilmente grato di riaverti nell’edificio, di essere accolto a braccia aperte dai miei compagni di squadra e dall’intera organizzazione. Non mentirai. È stato relativamente difficile guardare da bordo campo con tutto quello che sta succedendo nel mondo.»

Questi commenti sono buoni. Sono stati accolti, anche. Ma è anche irrilevante come, ad esempio, I colpi passivo-aggressivi di Kerry in un LeBron James In un podcast nel 2020, o come si sentiva a giocare nell’ombra di LeBron a Cleveland, o in uno qualsiasi degli altri grandi e piccoli segni nel corso degli anni che Kyrie può essere tutt’altro che idilliaco e semplice nello spogliatoio.

READ  Gli eventi artistici e musicali italiani ITsART inizieranno ad apparire in Europa e negli Stati Uniti (Esclusivo)

Ciò che conta ora è come queste cose si traducano in guadagni o perdite.

Prendi ad esempio Aaron Rodgers. Ieri è scoppiata un’intera conversazione sui social media e in tutto l’ecosistema dei media sportivi su quanto piacesse a Rodgers e sul suo improvviso incrocio con la sua nomina come miglior giocatore. Questo è successo dopo che un elettore di MVP della NFL ha detto a una stazione radio di Chicago che avrebbe bloccato il voto di MVP dei Green Bay Packers perché, in pratica, non gli piaceva questo ragazzo.

È un lifting alla fronte, e piuttosto stupido. Rodgers potrebbe effettivamente essere il giocatore più non amato della NFL, ma è anche quasi certamente l’uno, due o tre più «prezioso». Gli Hazam sono 13-3, hanno bloccato la testa di serie NFC e sarebbero – forse, generosamente – una squadra con quattro vittorie senza di lui.

I rifiuti fuori dal campo a volte possono essere un segno di ciò che accadrà in campo e del suo impatto. Vedi: Antonio Brown.

Ma non sempre, come mostra l’esempio di Rodgers.

Kyrie è la versione NBA di un giocatore di grande talento e poco simpatico. È scortese con i media. È scortese e sottovalutato dai suoi ex colleghi, comprese le stelle. Lui in passato, con follia passivo-aggressiva, ha scalzato gli uomini che a quel tempo erano compagni di squadra. Ha calpestato i loghi delle squadre precedenti, era così egocentrico, ha perso le partite di cui non aveva bisogno, era, spesso, ancora e ancora, il casino in cui mi ha messo il GM.

Ah, ma il talento.

O Irving rende i Nets i contendenti per il titolo che dovrebbero essere, il che li spinge a un altro livello e li aiuta a fare una corsa davvero profonda una volta arrivati ​​ai playoff.

Altrimenti è quello che ha suggerito per anni: non ne vale la pena.