mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

John Stamos ha notato qualcosa di «strano» durante la scorsa notte con Bob Saget

Giovanni Stamo visto l’ultima volta il suo co-protagonista Bob Saggio appena un mese prima della prematura scomparsa del comico e notato qualcosa di “strano” durante il loro tempo insieme.

In una sincera intervista con Il New York Times, Stamos ha detto che il suo collega membro del cast di «Full House», che è stato trovato morto in una stanza d’albergo della Florida lo scorso gennaio. 9, era finalmente “in pace”. La causa della morte di Saget non è stata rivelata.

«Bob era sempre preoccupato per tutti gli altri, ma parlava molto della morte», ha detto Stamos al Times. «Sua moglie, Kelly Rizzo, ha detto di avere una premonizione. Non l’ho visto. L’ultima volta che siamo stati tutti insieme, siamo andati a un doppio appuntamento con Nobu, forse un mese prima che morisse».

Saget, ha detto, «non sembrava un ragazzo che stava per morire, ma era molto calmo, il che era strano per Bob».

«Era in pace in qualche modo», ha spiegato Stamos. “Ed ascoltò ed era premuroso e non interruppe; gli importava di quello che dicevamo. Odio dirlo, ma era il Bob che ho sempre voluto vedere. Ed è stata l’ultima volta che l’ho visto».

Saget, 65, è stato trovato morto a Orlando dopo aver eseguito uno spettacolo di cabaret a Jacksonville in un tour nazionale. Saget ha twittato ore prima di morire, scrivendo che era «di nuovo felicemente dipendente» dal suo lavoro.

Mentre si diffondeva la notizia della morte di Saget, i tributi si riversavano da amici, familiari e altre celebrità.

«Sono rotto. Sono sventrato. Sono in completo e totale shock», ha twittato al tempo. “Non avrò mai e poi mai un altro amico come lui. Ti amo così tanto Bobby.

Saget lascia il suo Rizzo e le sue tre figlie, Aubrey, Lara e Jennifer, con la sua ex moglie Sherri Kramer.

John Stamos e Bob Saget fotografati insieme a un evento di New York City il 19 novembre 9, 2009.

Bryan Bedder tramite Getty Images