noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Jacob Zuma, ex presidente sudafricano, è stato arrestato

NKANDLA, Sudafrica – Jacob Zuma, l’ex presidente del Sudafrica, è stato arrestato mercoledì per iniziare a scontare una pena detentiva di 15 mesi, a coronamento dello sbalorditivo tracollo di un combattente per la libertà che ha combattuto il regime dell’apartheid al fianco di Nelson Mandela.

La Corte Costituzionale, il più alto organo giudiziario del paese, Ho ordinato l’incarcerazione del signor Zuma il mese scorso Dopo essere stato riconosciuto colpevole di oltraggio per non essersi presentato davanti a una commissione d’inchiesta sulle accuse di corruzione che hanno offuscato il suo mandato di presidente dal 2009 al 2018.

Sotto il signor Zuma che era costretto a dimettersiLa portata della corruzione del nepotismo all’interno dell’African National Congress al governo è diventata evidente, trasformando il movimento di liberazione precedentemente annunciato in un veicolo di autoarricchimento per molti funzionari. La corruzione ha portato a sventramento dell’agenzia fiscale del paese, amati contratti di lavoro e Colpo dei rivali In una lotta per la ricchezza e il potere.

Sig. Zuma, 79, arrendersi volontariamente Mercoledì, 40 minuti prima della scadenza della mezzanotte per la consegna da parte della polizia ai funzionari della prigione. La polizia ha detto che è stato cacciato dal suo complesso in un lungo convoglio di auto e arrestato poco dopo. L’arresto è arrivato dopo una settimana di tensione sul rischio, in cui l’ex presidente ei suoi alleati hanno criticato la decisione della Corte Suprema, lasciando intendere, senza prove, di essere stato vittima di un complotto.

I commenti si sono scagliati contro i sostenitori di Zuma, che domenica erano di stanza a centinaia fuori dalla sua casa di campagna a Nkandla e hanno detto che la polizia avrebbe dovuto ucciderli se volevano raggiungere l’ex presidente. Ma mercoledì sera c’è stata poca resistenza e solo le luci delle telecamere dei giornalisti hanno illuminato la strada buia fuori dal complesso.

Mentre gran parte del paese ha salutato la sentenza della corte come un’affermazione dell’ordine democratico del Sudafrica e del principio che nessuno è al di sopra della legge, lo stallo della scorsa settimana ha messo in luce profonde divisioni in questa giovane democrazia e nell’African National Congress, o ANC. Hizb ut-Tahrir, che ha governato la nazione dalla caduta dell’apartheid nel 1994.

READ  Enormi mosaici svelati nel castello del deserto di Gerico | Territori palestinesi

Il signor Zuma che La presidenza è stata segnata da scandali e cattiva gestioneTuttavia è una figura populista profondamente amata in alcuni angoli, in particolare tra gli Zulu nella sua provincia natale di KwaZulu-Natal. I suoi sostenitori si sono radunati domenica fuori dal suo complesso, una serie di edifici dal tetto di paglia arroccati su una scogliera – un sito legato all’avidità quando è stato accusato come presidente di usare i soldi dei contribuenti per la promozione.

Molti hanno sostenuto che gli oppositori di Zuma all’interno dell’ANC hanno cercato di usare i tribunali per impedirgli di riprendere il controllo del partito dal suo ex vicepresidente e attuale presidente, Cyril Ramaphosa.

L’immagine del Sudafrica come leader nel continente africano – affinata da Mandela e dal suo successore, Thabo Mbeki – è diminuita durante il governo di Zuma. Il signor Zuma, che non aveva un’istruzione formale, era visto come il campione in lotta del Sud Africa nelle aree rurali e cittadine.

Ma ha affrontato accuse di corruzione anche prima della sua elezione e ha lasciato il paese con un’economia stagnante, alti tassi di disoccupazione e ancora più impantanato nella grave disuguaglianza che ha preceduto il suo governo.

Il governo ora sostiene che decine di miliardi di dollari sono stati rubati dalle casse dello stato durante il mandato di Zuma, cosa che lui nega.

Durante una manifestazione di domenica pomeriggio, il signor Zuma si è alzato su una piattaforma affollata per rivolgersi ai suoi seguaci, che si sono stretti spalla a spalla, commentando ogni sua parola. Ridevano alle sue battute e cantavano canzoni di lotta con lui. Sventolavano cartelli con messaggi come «Richiediamo la nostra terra che è stata rubata 573 anni fa» e «Ci rifiutiamo di essere governati dalle spie dell’apartheid».

«Ho combattuto per la libertà», ha detto il signor Zuma alla folla. Stavo combattendo proprio per questi diritti. Nessuno si prenderà i miei diritti. Anche i morti che hai combattuto durante la lotta di liberazione verranno rigettati nelle loro tombe”.

READ  8 morti e decine di dispersi in Germania alluvioni; 2 muoiono in Belgio

Durante una conferenza stampa domenica sera, il signor Zuma ha sostenuto di essere stato condannato senza processo e ha paragonato la sua situazione alla lotta dell’apartheid.

«È mio dovere e obbligo garantire che la dignità e il rispetto della nostra magistratura non siano compromessi da disposizioni che ricordino al nostro popolo i tempi dell’apartheid», ha affermato.

Ore dopo essere apparso su un podio affollato di fronte a orde di sostenitori, spesso senza maschera, Zuma ha anche detto ai media che mandare in prigione qualcuno della sua età per una pandemia «è come una condanna a morte».

Mentre ha affermato che i suoi sostenitori dovevano usare mezzi pacifici per protestare a suo favore, in seguito ha affermato che non poteva essere ritenuto responsabile delle loro reazioni.

Temendo che la situazione potesse andare fuori controllo, i leader dell’ANC hanno inviato funzionari del partito a casa di Zuma prima della scadenza per aiutare a mantenere la calma e trovare una soluzione. Sebbene l’arresto dell’ex presidente possa aggravare le divisioni all’interno del partito, i leader di alto livello hanno affermato di ritenere che non farà a pezzi l’organizzazione. Precedenti disaccordi hanno portato all’esistenza di piccoli partiti separatisti, ma nulla per scuotere il dominio dell’ANC.

Tuttavia, le preoccupazioni per ciò che si stava svolgendo fuori dalla casa del signor Zuma erano grandi. In una dichiarazione, il partito ha affermato che la situazione «non rappresenta una rivolta popolare, ma è stata progettata all’interno dei ranghi dell’ANC».

Alcuni leader dell’ANC erano preoccupati di fomentare il nazionalismo Zulu in un paese che un tempo lottava per mantenere le divisioni etniche, quando l’apartheid lo usò per aiutare a mantenere il governo della minoranza bianca. «La sostenibilità della nostra democrazia richiede che assicuriamo costantemente l’affermazione dei valori della non etnia e il rifiuto di qualsiasi manifestazione di sciovinismo razziale», ha affermato l’ANC nella sua dichiarazione.

La pena detentiva del signor Zuma è arrivata a causa del suo rifiuto di testimoniare davanti alla Commissione Corruzione guidata dal giudice Raymond Zondo, vicepresidente della Corte costituzionale. Il signor Zuma ha sfidato un ordine a gennaio e ha iniziato un’aspra critica pubblica alla magistratura.

READ  Sono state pubblicate le immagini vincitrici del concorso fotografico 2021 della British Environmental Society

Ha poi ignorato diverse richieste della Corte Costituzionale per difendere la sua riluttanza a testimoniare. Il signor Zuma ha detto che avrebbe testimoniato davanti alla Commissione per la corruzione se il giudice Zundu si fosse dimesso perché sentiva che la giustizia era di parte contro di lui.

Annunciando la decisione del tribunale il mese scorso di mandare in prigione Zuma, il giudice El-Sisi Kambibe, all’epoca presidente ad interim, ha affermato che l’ex presidente ha compiuto «una serie di attacchi diretti» alla magistratura «oltre a sforzi calcolati e astuti». “per “erodere la sua legittimità e potere””.

«Se alle parti in causa è permesso impunemente di decidere quali comandi desiderano obbedire e quali scelgono di ignorare, allora la nostra costituzione non merita il foglio su cui è scritta», ha detto, leggendo da una decisione confermata dalla corte 7-2:

Giorni dopo, il signor Zuma ha presentato una petizione chiedendo alla corte di considerare la revoca dell’ordine di reclusione emesso contro di lei. Ha anche presentato una richiesta in un tribunale di grado inferiore chiedendo di impedire alla polizia di arrestarlo fino a dopo la sessione della corte costituzionale di lunedì per decidere sulla sua richiesta di annullamento.

All’udienza di questa settimana nella corte di grado inferiore, l’avvocato del signor Zuma ha raddoppiato l’argomento del suo cliente secondo cui non era giusto essere condannati al carcere senza processo. L’avvocato Dali Mpofu ha anche indicato la possibilità di disordini civili se Zuma fosse stato mandato in prigione, osservando che massacro del 2012 La polizia ha sparato e ucciso 34 minatori in uno sciopero nella città di Marikana.

Durante l’udienza, l’avvocato della commissione, Tembika Ngokaitubi, ha affermato che il sig. Zuma doveva essere arrestato con l’accusa di aver ripetutamente sfidato la magistratura.

«Abbiamo a che fare con un recidivo e ribelle trasgressore nella forma del signor Zuma», ha detto il signor Ngcukaitobi.