diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Italia – La Suprema Corte ha stabilito che le pause caffè nei luoghi di lavoro non sono un diritto

11 novembre 2021

La Corte di Cassazione ha stabilito che i lavoratori coinvolti in un infortunio non dovrebbero ricevere alcun indennizzo quando lasciano temporaneamente il proprio ufficio per una “pausa caffè”.

L’agenzia di stampa riferisce che i giudici dell’Alta Corte hanno accolto il ricorso dell’Istituto nazionale contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) nel caso di un lavoratore che chiedesse il licenziamento e l’indennità per infortunio durante l’orario di lavoro. EFE.

L’operaia, una dipendente dell’ufficio dell’avvocato di Firenze nel nord Italia, è scivolata sul marciapiede e si è rotta il polso mentre usciva dall’ufficio per prendere un caffè con il consenso del suo supervisore.

Secondo Telegrafo (Payal), entro 40 giorni dal suo ritiro da casa, è stato negato il risarcimento dalla sua compagnia di assicurazioni, Inail, che ha stabilito che l’infortunio non era legato al lavoro. La donna ha portato l’azienda in tribunale e ha vinto la causa in un tribunale di Firenze nel 2013, quando i giudici hanno ordinato a Iniyal di pagare un risarcimento e un’indennità di invalidità.

Tale verdetto è stato confermato dalla Corte d’Appello nel 2015, quando i giudici hanno stabilito che l’incidente era avvenuto nell’ambito del suo lavoro. La compagnia di assicurazioni ha poi citato in giudizio la Corte Suprema d’Italia. Tuttavia, il tribunale ha dato ragione al ricorrente.

La Suprema Corte, esaminata la pratica e il ricorso INAIL, ha stabilito che i lavoratori non devono essere risarciti per gli infortuni che si verificano quando lasciano il posto per una “pausa caffè”.

I giudici hanno stabilito che andare al bar o al caffè per ritirarsi dall’ufficio era «un rischio assunto a discrezione del dipendente» e «non un requisito fisiologico legato alla sua attività lavorativa».

READ  Il presidente italiano insiste per una soluzione al broker Onu W. Sahara

Inoltre, andava bene se il supervisore della donna permetteva a lei e ai suoi colleghi di andare al bar locale sulla base del fatto che non c’era una mensa o una macchina per il caffè in ufficio.

La sentenza stabilisce che questo pensionamento “non è necessariamente legato al lavoro, ma piuttosto una libera scelta”.

La Corte Suprema ha ora condannato una donna in pensione al pagamento di 5.300 spese legali.