diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Italia e Francia avanzano nell’agenda tedesca

Come previsto, se il ministro delle finanze Olaf Scholes guiderà il nuovo governo di Berlino prima di Natale, Italia e Francia saranno in cima all’agenda politica europea della Germania.

Ci sono stati alcuni accenni di iniziative europee concrete Il documento tripartito è stato rilasciato il 15 ottobre Come precursore dei negoziati formali di coalizione tra i Socialdemocratici (SPD) delle Anime, i Verdi e i Liberal Democratici (FDP). Tuttavia, è probabile che Scholes collochi una grande banca per raccogliere la buona volontà europea. Riceverà una presidenza di un anno delle nazioni industrializzate del G7 della Germania e trarrà vantaggio dal suo incarico di sei mesi come capo della Francia per l’Unione Europea, entrambi a partire dal 1 gennaio.

I potenziali partner dell’alleanza nella prima alleanza «a semaforo» a livello federale della Germania – che prende il nome dai colori unici del trio – hanno mostrato quasi troppa dignità negli ultimi quindici giorni. Ma affronteranno polemiche sulle richieste per la carica di ministro delle finanze, dove Robert Habeb, il leader dell’FDP sempre competitivo Christian Linder, che è cresciuto bene in modo permanente, era il copresidente dei Verdi dall’aspetto più confuso.

Il documento preliminare di 4.500 parole è stato a lungo ambizioso e di alto profilo, ma riguardava i dettagli, in particolare la mitigazione climatica ambiziosa, i finanziamenti per le infrastrutture e i progetti comunitari. Molti di questi problemi, specialmente quelli che riflettono profonde differenze con l’FDP nella morale e nella spinta agli investimenti guidati dal deficit di uno stato, riaffioreranno quando avranno luogo i negoziati formali di coalizione.

Nel sorprendente calore delle idee di ingegneria finanziaria, la co-presidente dei Verdi Annalena Barbach parla della creazione di veicoli aziendali per fornire finanziamenti cartacei equilibrati per investimenti ecologici.

READ  Moody's taglia il debito a lungo termine al MCC italiano dopo il recupero della Popolare di Bari

Chi è vicino a Scholes crede che se diventa presidente, il provocatorio leader tedesco lancerà presto un attraente attacco su Roma. Il ministero delle finanze di Scholes dovrebbe sviluppare ulteriormente le idee precedenti per rafforzare l’unione bancaria con il sistema di assicurazione dei depositi per le banche europee a Berlino.

Il primo ministro italiano Mario Draghi, che attende con impazienza un mandato di otto mesi di successo come primo ministro, chiederà azione e parole affettuose da Berlino. È probabile che la sconfitta dell’Unione Cristiano Democratica e dei suoi alleati dell’Unione Cristiano Sociale Bavarese vadano all’opposizione, il che sarebbe altamente ostile alle dubbie concessioni tedesche in Europa.

Scholes vuole difendere un’alleanza SPD-Greenens-FDP non appena crede che sarà un presidente riformista. L’FDP vuole perdere ogni possibilità di riprendere i colloqui di coalizione con la ricostituita CDU/CSU dopo che i partiti conservatori hanno sostituito il loro peggior candidato, Armin Lachett, nel voto del 26 settembre.

Il legame italiano di Scholes con la Banca centrale europea deriva in parte dalla campagna per ricostruire i ponti. Dopo essere diventato ministro delle finanze nel marzo 2018 nell’ambito dell’accordo di alleanza della SPD con la Merkel, Scholes ha sviluppato un buon rapporto personale con Tracy, allora capo della BCE.

Scholes ha contribuito a spianare la strada a un piano di uscita dal debito per la Grecia dopo otto anni di cauzione internazionale. È tornato al normale finanziamento greco, ha ridotto il ruolo dell’ECP nel controllo del debito greco e ha sanato alcune delle spaccature tra Drake e la Germania durante gli otto anni di Wolfgang Schuff come ministro delle finanze.

READ  Roundup Italia: il patrimonio netto di Enpam sale a 24 miliardi di dollari

In una sezione stilata in Europa, il primo accordo tripartito del 15 ottobre puntava fortemente su Emmanuel Macron, il «sovrano strategico» d’Europa, lo slogan preferito del presidente francese. Tutti e tre gli alleati hanno espresso forti dichiarazioni di sostegno europeo nel manifesto elettorale. Ma l’integrazione SPD-Verde-FDP ferma i tentativi di aprire il terreno. Una caratteristica comune dello sforzo per superare le potenziali differenze è l’affermazione nell’accordo iniziale che sostiene «una forte cooperazione tra le forze nazionali ed europee». Non è all’altezza di un chiaro appello affinché un esercito europeo si elevi al di sopra delle mappe federali europee per 70 anni.

Figura 1: Parole negli accordi politici tedeschi

I confronti tra CDU, CSU e SPD sul documento iniziale «semaforo» del marzo 2018 e l’accordo di alleanza finale dettagliato sono distorti dalle lunghezze ampiamente diverse dei due documenti (vedi tabella). La lunga gravidanza dell’ultima alleanza della Germania, che ha seguito la rottura dei colloqui documentati nel 2017 tra CDU/CSU, Verdi e FDP, ha allertato tutte le parti sul recente accordo di coalizione.

L’arrivo dei Verdi 2021 è sottolineato dalla crescente importanza di termini come «clima», «sostenibilità» e «donna». Le parole più utilizzate nel linguaggio politico tedesco sono «digitale» e «digitalizzazione», con cui molti critici in patria e all’estero esprimono il desiderio generale di far progredire il paese in un campo che indica le sue gravi carenze. «Digitale» è utilizzato con approssimativamente la stessa frequenza in entrambi i testi (adattandosi alla lunghezza più breve della relazione 2021).

Tuttavia, tutti i partner sanno che la modernizzazione delle strutture economiche della Germania richiede uno sforzo maggiore rispetto alla creazione di frasi nei documenti della coalizione.

READ  Lazari, infortunato, è stato lasciato fuori dalla rosa

David Marsh è il presidente dell’OMFIF.

Venerdì 22 ottobre, l’OMFIF riunisce esperti del Ministero federale dell’economia, del Ministero federale delle finanze e dell’Istituto Der Dyson Wirtschoft per discutere del mutevole panorama politico ed economico della Germania. Richiedi di partecipare qui.