octubre 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Italia 1, navi da crociera 0. Roma si muove per vietare le navi da crociera a Venezia.

Roma — L’Italia ha sospeso il passaggio delle grandi navi da crociera attraverso il centro storico di Venezia, dopo il rientro Navi giganti verso la città lagunare Da giugno ha ristabilito le divisioni tra l’industria turistica di Venezia ei residenti che vogliono mettere al bando i due colossi.

Il governo italiano ha deciso martedì di impedire alle grandi navi da crociera di avvicinarsi ai canali e alle piazze di Venezia fino a quando non saranno costruiti nuovi ormeggi sulla riva del lago. Gli attivisti contro le grandi navi da crociera sostengono da decenni che le navi, le onde e l’inquinamento che provocano distruggono il delicato tessuto di Venezia.

La decisione del Consiglio dei Ministri presieduto da Mario Draghi risolve, per il momento, un annoso contenzioso sul lucroso traffico di navi da crociera che ha contribuito a mantenere L’economia di Venezia era a galla ma fece arrabbiare molti residenti.

La riapertura di Venezia al turismo dopo le restrizioni del Covid-19 dello scorso anno ha alimentato il conflitto tra le imprese locali dipendenti dal turismo e i residenti che vogliono evitare un ritorno al sovraffollamento e alle pressioni ambientali sulla città e sul lago circostante.

Il traffico marittimo sempre più intenso negli ultimi anni ha causato un’escalation di contraccolpi a Venezia, con molti che affermano che le pesanti scie delle grandi navi hanno eroso le fragili fondamenta degli edifici storici sul lungomare.

“Questo è un passo essenziale per proteggere l’integrità ecologica, il paesaggio, l’arte e la cultura di Venezia”, ​​ha affermato il ministro dei Trasporti italiano Enrico Giovannini.

Il decreto di martedì, che entrerà in vigore dal 1° agosto, rende improbabile che le navi giganti, che per anni sono rimaste in cima ai palazzi veneziani decorati, si avvicineranno di nuovo a monumenti famosi come Piazza San Marco. L’Autorità Portuale di Venezia ha indetto una gara per la ristrutturazione di posti barca in un’area industriale a distanza di sicurezza dal centro storico di Venezia, che fungerà da attracco temporaneo per le navi da crociera. La soluzione permanente prevista è quella di realizzare un nuovo attracco per grandi navi fuori dall’imbocco del lago. Il governo non ha detto quanto tempo ci vorrà.

READ  Le fiamme divorano le torri più alte di Milano; I residenti sono stati evacuati

“Sono felice e spero che ora trovino soluzioni ragionevoli per questi grattacieli galleggianti. Non sono contrario al loro arrivo a Venezia, ma è ora di impedire loro di passare da San Marco”, ha detto Marco Lutebrandi, un Grafico di 52 anni.

L’Autorità Portuale di Venezia ha in programma di ristrutturare le banchine a distanza di sicurezza dal centro storico della città, che fungeranno da attracco temporaneo per le navi da crociera.


immagine:

Luca Bruno/The Associated Press

Ma i veneziani che lavorano nel turismo hanno difeso le navi da crociera come linfa vitale della città.

È una decisione stupida. Come si può interrompere improvvisamente tale attività? “Vorrei che guardassero questi lavoratori che non hanno lavorato in 18 mesi per rendersi conto di quanti danni stanno facendo”, ha detto Antonio Felica, che lavora per le forniture di navi da crociera e per i bagagli.

Nel 2020, l’area della città ha perso circa 200 milioni di euro, o 237 milioni di dollari, di entrate a causa di Nessuna nave da crociera.

Il viaggio che ha portato alla decisione del governo è stato arduo. Roma inizialmente ha vietato alle grandi navi di avvicinarsi troppo alla costa italiana nel 2012, poi Nave da crociera Costa Concordia Si incagliò al largo della costa toscana nel gennaio di quell’anno.

Tuttavia, il governo fece un’eccezione per Venezia, finché non fu trovata una via alternativa attraverso il lago. Finora, grandi navi da crociera sono passate a circa 300 metri da Piazza San Marco, attraverso le famose vedute del Canale della Giudecca, per attraccare al porto passeggeri.

Nel giugno 2019, una nave da crociera si è schiantata al molo di Venezia, danneggiando un’imbarcazione più piccola e ferendo cinque persone. L’incidente ha scatenato una campagna locale per tenere le navi lontane dal cuore di Venezia.

Le autorità italiane non hanno trovato una soluzione fino all’inizio di quest’anno, quando hanno deciso di aprire una gara per lo sviluppo di un sito di attracco alternativo temporaneo all’interno del lago. I turisti possono quindi prendere barche più piccole per la città storica o prendere un autobus per raggiungerla attraverso il ponte della città verso la terraferma.

L’industria delle crociere ha accolto con favore la decisione.

“L’industria delle crociere ha sostenuto un nuovo approccio per molti anni, quindi questo è un enorme passo avanti”, ha affermato la Cruise Lines International Federation, un ente industriale con sede a Washington. “Stiamo ora cercando di fare progressi verso la fornitura di accordi di attracco alternativi in ​​tempo per il 2022”.

scrivere a Giovanni Legorano a [email protected]

Copyright © 2021 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8