octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Insegnanti di Hong Kong fuori dalla legge sulla sicurezza, le scuole faticano a colmare le scappatoie

HONG KONG (Reuters) – Nella sua ultima lezione a Hong Kong a luglio, l’insegnante di studi liberali Fung ha mostrato ai suoi studenti una linea all’attivista tardo democratico del territorio Szeto Wah: “Scegli la strada giusta e attieniti ad essa”. Emigrò in Gran Bretagna pochi giorni dopo.

Fung è uno dei tanti insegnanti che hanno lasciato Hong Kong prima dell’inizio dell’anno scolastico a settembre, alcuni affermano di essere rimasti delusi e minacciati dalla trasformazione autoritaria della città da quando Pechino ha imposto una severa legge sulla sicurezza nazionale nel giugno 2020.

“Il giorno in cui ho lasciato, ho detto alla mia scuola: ‘Se alcuni studenti nel seminterrato cantano slogan, dovrò chiamare la polizia per arrestare i miei studenti'”, ha detto Fong, 45 anni, che ha chiesto di essere identificato. attenzione delle autorità.” Non potevo farlo. Non ho potuto trattenere le lacrime”.

Diversi amministratori scolastici che hanno parlato con Reuters hanno affermato che gli insegnanti lasciano quest’anno a circa il doppio del normale, lasciando alcuni di loro a lottare per trovare nuove reclute.

L’Associazione dei capi delle scuole superiori di Hong Kong ha avvertito il governo a luglio che ciò potrebbe causare una “fuga di cervelli” che ridurrebbe la qualità dell’istruzione in città. Circa 700.000 studenti frequentano le circa 1.000 scuole primarie e secondarie di Hong Kong.

“L’ambiente di insegnamento e l’atmosfera sono cambiati drasticamente negli ultimi due anni”, ha detto a Reuters Samuel Cheng, preside dello United Christian College Cologne East. “Le persone sono entusiaste dei loro amici e colleghi che se ne sono andati, quindi devo almeno aiutarli a sistemarsi emotivamente. Devo stabilizzare la scuola”.

In risposta alle domande di Reuters, l’Education Bureau di Hong Kong ha affermato che gli insegnanti potrebbero aver lasciato la professione per intraprendere altri lavori o studi, o per altri motivi personali, e non hanno affrontato la questione della fuga di cervelli. Ha detto che la legge sulla sicurezza nazionale non influisce sul settore dell’istruzione o sulla qualità dell’insegnamento.

“Le accuse degli insegnanti uscenti sono completamente faziose e prive di fondamento”, ha affermato l’Economic Development Board in una dichiarazione a Reuters. “È fuorviante e statisticamente distorto considerare le opinioni di questi singoli insegnanti come rappresentanti dei professionisti dell’istruzione in generale”.

READ  È probabile che si formi la tempesta tropicale Fred

Lezioni di sicurezza nazionale

È impossibile dire quanti dei circa 60.000 insegnanti dell’ex colonia britannica siano partiti quest’estate o abbiano intenzione di partire quest’anno. I dati sull’occupazione degli insegnanti per questo anno accademico raccolti dal Consiglio per lo sviluppo economico non sono ancora disponibili.

Il sindacato degli insegnanti professionisti (PTU), che era il più grande sindacato di Hong Kong prima del suo scioglimento questo mese, ha dichiarato a maggio che il 40% degli insegnanti intervistati voleva lasciare il settore dell’istruzione.

Alcuni sono emigrati, anche se Hong Kong non rilascia informazioni su quante persone hanno lasciato o occupato il territorio.

Gran Bretagna, Canada e altri paesi hanno affermato che decine di migliaia di residenti di Hong Kong sono immigrati nell’ultimo anno circa, su una popolazione totale di 7,5 milioni.

Tra questi c’era Grace Kwok, l’insegnante di musica di 33 anni che si è trasferita in Gran Bretagna a gennaio. Ha detto a Reuters che alcuni genitori si sono lamentati con il preside della scuola dopo che lei ha detto agli studenti che Tian Han, che ha scritto il testo dell’inno nazionale cinese “Marcia dei volontari”, è morto in prigione durante la Rivoluzione culturale di Mao Zedong negli anni ’60.

“Non voglio insegnare ai miei studenti valori in cui non credo”, ha detto Kwok. “Non voglio essere in pericolo.”

Il sistema educativo è diventato uno dei principali obiettivi di un piano più ampio dei leader cinesi per riformare i giovani ribelli di Hong Kong dopo le violente manifestazioni a favore della democrazia nel 2019.

Quasi il 20% delle oltre 10.000 persone arrestate durante le proteste era in età scolare. Secondo il ministro dell’Istruzione della città, sono stati arrestati anche circa 100 insegnanti e personale scolastico.

A febbraio, Hong Kong ha introdotto nuove linee guida sul curriculum che assicurano che i bambini sotto i sei anni imparino di più sulla Cina e vengano istruiti sulla legge sulla sicurezza nazionale, che ha reso punibile qualsiasi atto ritenuto da Pechino come separatismo, sovversione, terrorismo o complicità con forze straniere anche Life in prigione.

READ  Un vescovo lascia la chiesa dopo essersi innamorato dello scriba satanico

L’Economic Development Board ha sostituito il tema degli studi liberali – che ha introdotto nel 2009 per aumentare la partecipazione sociale e sviluppare il pensiero critico – con un’unità più piccola chiamata “Cittadinanza e sviluppo sociale” che si concentra sul patriottismo.

I riferimenti alla sanguinosa repressione del 1989 nei confronti dei manifestanti a Pechino e nei dintorni di Piazza Tiananmen e alle proteste del “Movimento degli ombrelli” del 2014 a Hong Kong sono stati rimossi dai libri di testo recensiti da Reuters, insieme ad altri eventi a favore della democrazia.

L’anno scorso l’amministratore delegato di Hong Kong, Carrie Lam, ha affermato che gli insegnanti che erano “mele marce” dovevano essere esclusi dal sistema educativo. Il Consiglio per lo sviluppo economico ha dichiarato a Reuters di aver ricevuto 269 denunce per cattiva condotta degli insegnanti tra giugno 2019 e dicembre 2020. Non ha fornito alcun dettaglio delle denunce.

Sotto la pressione delle autorità, il PTU è stato ufficialmente sciolto all’inizio di questo mese. Il governo di Hong Kong aveva già interrotto i legami con il sindacato di 95.000 persone, che i media statali cinesi hanno descritto come un “tumore tossico”. Per saperne di più

La corsa del preside

L’Economic Development Board ha detto a Reuters che dal 4% al 5% degli insegnanti delle scuole primarie e secondarie ha abbandonato ogni anno negli ultimi quattro anni. Non contiene dati per l’anno scolastico appena iniziato.

Alcuni dirigenti scolastici hanno detto a Reuters che il turnover degli insegnanti quest’estate è stato molto più alto. Dion Chen, capo dell’Hong Kong Direct Support Scheme School Board, ha affermato che molte scuole hanno avuto cinque o sei dimissioni di insegnanti, con alcune dimissioni da 15 a 20, più che negli anni precedenti. Non è stata tutta immigrazione, ha detto, ma le partenze hanno causato un “effetto sedia musicale” sugli insegnanti che cambiano lavoro.

Tai Tak-cheng, che ad agosto si è ritirato dalla carica di presidente della Conferenza dei presidi del distretto di Wan Chai, ha stimato da cinque a sette dimissioni per scuola, rispetto alle due o tre degli ultimi anni.

READ  La Germania pagherà alla Namibia 1,3 miliardi di dollari per il riconoscimento ufficiale del genocidio dell'era coloniale

Polly Chan, vicepresidente del Consiglio dei presidi delle scuole primarie assistite di Hong Kong, ha affermato che quattro insegnanti della sua scuola elementare cattolica di Yaomati: Hui Wang Rudd è emigrata e ha dovuto sostituire 10 insegnanti in totale durante l’estate. L’elevato turnover del personale è stato causato dall'”epidemia, dai disordini sociali e da ragioni politiche”, ha affermato Chan. Solo quest’anno, ha detto, l’immigrazione è diventata un fattore importante.

Allo United Christian College – Cologne East, Cheng ha detto che quest’estate ha dovuto sostituire 14 dei suoi 80 insegnanti: nove di loro sono emigrati, quattro hanno cambiato scuola e uno è andato in pensione. Ha detto che non aveva mai dovuto sostituirne più di tre o quattro.

Ha detto che la maggior parte di quelli che se ne sono andati aveva studiato alla scuola per più di 15 anni, ma alcuni di quelli che li hanno sostituiti non avevano il diploma post-laurea richiesto per qualificarsi pienamente come insegnante, che Cheng ha definito un “compromesso”.

Cheng ha detto a Reuters di aver riportato un insegnante in pensione per fare da mentore a una delle nuove reclute, ha assunto una società esterna per aiutare il nuovo insegnante giapponese e ha nominato mentori interni per il resto delle nuove reclute. Ha detto di aspettarsi che il “grande fardello” dell’immigrazione durerà altri due o tre anni.

“Il settore dell’istruzione sta subendo un duro colpo perché le persone esperte se ne stanno andando a frotte”, ha detto a Reuters Vong Wai Wah, ex capo del PTU, prima che il sindacato fosse sciolto.

(Segnalazione di Sarah Cheng a Hong Kong) Scritto da Marius Zaharia Montaggio di Bill Rigby

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.