octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Inizialmente, gli scienziati hanno utilizzato la stimolazione cerebrale personalizzata per trattare con successo la depressione maggiore di una persona

Un esempio di come appare un dispositivo di stimolazione cerebrale profonda sotto una radiografia.

Un nuovo caso di studio pubblicato lunedì rileva che per alcune persone con depressione difficile da trattare, un impianto cerebrale personalizzato può fornire sollievo quando nient’altro può. I ricercatori affermano, per la prima volta, di aver utilizzato la stimolazione cerebrale profonda personalizzata per alleviare in modo significativo l’attacco decennale di depressione maggiore di un paziente. Sebbene ci siano molte domande sulla fattibilità di questa tecnologia su larga scala, sperano che questo si riveli un incredibile progresso nel campo.

La stimolazione cerebrale profonda, o DBS, è già stata utilizzata con successo per aiutare a gestire le condizioni neurologiche, tra cui il morbo di Parkinson e alcuni tipi di convulsioni. Il concetto alla base della stimolazione cerebrale profonda è quello di trasmettere impulsi elettrici per bilanciare i modelli irregolari di attività cerebrale associati a una condizione target e, si spera, eliminare o ridurre i sintomi di una persona. Questi impulsi vengono inviati tramite elettrodi impiantati nel cervello e sono regolati da un dispositivo solitamente impiantato in altre parti del corpo, proprio come funziona un pacemaker.

La stimolazione cerebrale profonda per la depressione è stata un’area di studio matura, poiché sembrano esserci marcate differenze tra il cervello delle persone con diagnosi di depressione e quelle che non lo sono. Ma finora, l’evidenza dei suoi benefici è stata incoerente, con le risposte dei pazienti ad esso variabili. Negli ultimi anni, gli scienziati dell’Università della California, a San Francisco, hanno lavorato su modi per migliorare la stimolazione cerebrale profonda, come ad esempio trovare Forse vengono stimolate le aree più rilevanti del cervello depresso. Sulla base di questa ricerca precedente, hanno sviluppato la propria tecnologia DBS unica, che loro una chiamata Stimolazione neurale personale a ciclo chiuso.

In un nuovo studio pubblicato I due di Nature Medicine, hanno descritto in dettaglio come il loro metodo sembra aver curato con successo una donna di 36 anni che era stata depressa fin dall’infanzia. In una conferenza stampa alla fine della scorsa settimana, la stessa paziente – identificata come Sarah – ha testimoniato l’immediato sollievo che ha provato dopo l’inizio del trattamento.

Sarah, la cui depressione è diventata più grave negli ultimi anni, ha detto a questo punto: “Quando ho ricevuto la stimolazione per la prima volta, si è verificato il momento ‘aha’, ho sentito il più grande senso di gioia e la mia depressione era un incubo irraggiungibile per il momento Ho sentito una costante ideazione suicidaria.” L’espressione si rese conto che la mia depressione non era un fallimento morale. Era un disturbo curabile e c’era speranza per la mia guarigione”.

Si dice che questo metodo funzioni trovando specifici modelli di attività cerebrale associati alla depressione di un paziente e quindi regolando gli impulsi necessari per contrastarli. Dopo aver dimostrato ciò, il paziente è dotato di un dispositivo in grado di rilevare quando compaiono questi momenti di attività cerebrale irregolare e inviare automaticamente la stimolazione al cervello. Questo è in contrasto con la tipica stimolazione cerebrale profonda, che comporta l’invio di impulsi in ogni momento o in specifici intervalli di tempo della giornata, come prima di andare a letto. Nel caso di Sarah, l’attività cerebrale disfunzionale ha coinvolto lo striato ventrale, un attore critico nel processo decisionale, così come l’amigdala, un importante regolatore della nostra risposta emotiva, in particolare paura e ansia.

Gli autori avvertono che questo è solo un caso e che l’esperienza di Sarah dovrebbe essere vista solo come prova del concetto. Ci vorranno più ricerche per vedere se questo trattamento può essere ripetuto con successo. Anche se così fosse, il trattamento di Sarah ha richiesto molte risorse e tempo per calibrare gli sforzi che attualmente renderebbero difficile che questa tecnologia diventi ampiamente disponibile per i pazienti depressi. Sebbene il dispositivo stesso sia disponibile in commercio, è probabile che il trattamento sia costoso, con i ricercatori che stimano un costo di circa $ 30.000, sulla base dei costi attuali per la DBS.

“Perché questo aiuti più persone, ci vorrà una semplificazione”, ha detto l’autore dello studio e ricercatore UCSF Edward Chang in risposta a una domanda di Gizmodo sul futuro a lungo termine di questo trattamento. “Ma vediamo anche molte opportunità per pensare a come possiamo utilizzare la tecnologia, ad esempio, per aiutare a ridurre o ridurre la quantità di lavoro manuale e lavoro necessari per fare queste analisi davvero complete che facevano parte di questo esperimento”.

L’autrice dello studio e ricercatrice dell’UCSF Catherine Skangos ha affermato che le scoperte fatte dal suo team potrebbero ripagare in altri modi, anche prima che la tecnologia sia in grado di scalare.

“Attraverso questo esperimento, abbiamo identificato alcune caratteristiche di base del cervello – che il cervello è compreso e che l’organizzazione e la funzione del cervello possono essere determinate in modo affidabile”, ha detto Skangos. “E quindi crediamo che queste scoperte sul cervello saranno disponibili al pubblico in generale e ci aiuteranno a sviluppare nuovi trattamenti personalizzati per la depressione, concentrandosi sui circuiti cerebrali”.

Ha aggiunto che i colleghi di Skangos stanno già studiando se sia possibile stimolare circuiti cerebrali non invasivi specificamente associati alla depressione in una persona.

Quanto a Sarah, tra le prime sedute di stimolazione e l’impianto permanente del dispositivo, i suoi sintomi depressivi hanno cominciato a ripresentarsi. dispositivo. Ma una volta che Dopo essere stata impiantata e operata, Sarah ha sentito ancora una volta un enorme e continuo sollievo, abbastanza per applicare le abilità che aveva appreso in terapia in precedenza, ha detto. Ha aggiunto che dopo un anno di trattamento, la sua depressione è ancora lontana e si sente in grado di “ricostruire una vita degna di essere vissuta”.

Di più: Gli impianti di chip cerebrale di DARPA potrebbero essere la prossima grande svolta nella salute mentale o un disastro completo

READ  Cosa devi sapere sulla variante Mu COVID-19 e sugli ultimi vaccini di richiamo