noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Inizia la stagione degli scavi archeologici in Pakistan-Italia – Quotidiano

Minerale: la professoressa Valeria Fiorani Piazentini, che presiede il Comitato di esperti italiani ed è Direttore scientifico del Dipartimento archeologico italo-pakistano di Banbor, ha incontrato venerdì nel suo ufficio il ministro della Cultura e dell’Istruzione dell’Indo Syed Sardar Ali Shah. .

All’incontro ha partecipato anche Simon Mandelini, direttore sul campo della missione, al quale ha partecipato anche il direttore generale del Dipartimento di Archeologia e Archeologia Mansour Ahmed Canasiro.

Il professor Piazentini ha raccontato al ministro di aver svolto per decenni il suo personale lavoro di ricerca sui siti archeologici della zona.

Descrivendo i siti come «unici», ha affermato che c’erano prove di collegamenti tra Macron e Sindh. Ha notato che la loro larghezza e larghezza salivano a Jeevani.

Ha detto al ministro che la «Stagione di scavi 2021», che continuerà fino all’ultima settimana di dicembre, ha iniziato i suoi lavori.

«Come al solito, la stagione degli scavi si concluderà con una sessione di sensibilizzazione in cui tutti i dettagli tecnici e i risultati dello scavo saranno condivisi con le persone», ha affermato. Quest’anno, ha aggiunto, il lavoro si concentrerà sugli studi ambientali e marini.

Il ministro della Cultura ha affermato che vari aspetti dei siti archeologici e tradizionali dell’Indo sono stati discussi in dettaglio con gli archeologi italiani durante l’incontro.

Sardar Shah ha detto al professor Piazentini che il suo dipartimento aveva già presentato documenti su Nagercoil e Banbor all’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) per l’inclusione nella lista dei siti del patrimonio mondiale.

Ha elogiato il lavoro svolto in collaborazione con il governo dell’Indo in archeologia e in altri campi. Sperava che questi sforzi avrebbero portato a numerosi studi e scoperte durante la guerra. Ha notato che il governo 19 non poteva andare nel Sindh l’anno scorso a causa dell’epidemia e ha detto che era contento di vedere il lavoro qui per riprendere il suo lavoro.

READ  L'Italia combatte centinaia di incendi | Notizia

Shaw ha affermato che il suo dipartimento si è impegnato a pubblicare tutto il lavoro di ricerca su Banbore trovato in varie riviste.

«Un libro completo sulla Multi-War è la necessità del momento», ha detto.

Il ministro ha informato la delegazione che sono in corso numerosi lavori per istituire un «Istituto di ricerca tradizionale e scientifica a Banbor» e che si stanno prendendo provvedimenti a tal fine. La società è stata costituita in associazione con Shahid Zulfikar Ali Bhutto Institute of Science and Technology (SZABIST), ha affermato.

Secondo il professor Piazentini, la storia della civiltà nella regione dell’Indo sembrava essere simile a quella di Roma.

Il Ministro della Cultura ha presentato alla Missione alcuni libri rari sulla storia del Sindh.

Rilasciato all’alba del 13 novembre 2021