enero 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Inflazione: perché i prezzi continueranno a salire nel 2022

I prezzi sono aumentati così drasticamente che ci vorrà del tempo prima che tornino a terra. In altre parole, i numeri scomodi dell’inflazione per il 2021 probabilmente rimarranno con noi all’inizio del nuovo anno.

L’ultimo indicatore è quello a cui la Federal Reserve presta maggiore attenzione quando valuta l’inflazione in un paese.

C’è spazio per l’ottimismo: la banca centrale, incaricata di mantenere la stabilità dei prezzi, è Annulla lo stimolo pandemico Si prevede di aumentare i tassi di interesse il prossimo anno per domare l’inflazione e fermare il surriscaldamento dell’economia.
In effetti, i dati del mese scorso hanno mostrato che i prezzi sono aumentati a un ritmo più lento a novembre rispetto a ottobre per entrambi. CPI e il PCE indicatori. Questa è una buona notizia, anche se il rallentamento è stato contenuto, appena 0,1 punti percentuali.

Ma ecco il punto: agli economisti piace osservare i movimenti dei prezzi in un periodo di tempo, di solito 12 mesi. Quindi un rallentamento piccolo come quello di novembre non sposterà ancora l’ago.

In effetti, potrebbero volerci mesi prima che questi crescenti rallentamenti appaiano nei dati. Dopo un anno di prezzi alle stelle a causa dell’elevata domanda e del caos della catena di approvvigionamento, molti grandi numeri sono stati inseriti nel nostro set di dati di dodici mesi. Anche se l’inflazione dovesse improvvisamente precipitare, ci vorrà del tempo prima che gli indicatori anticipatori lo riflettano. Questo è ciò di cui parla il presidente della Federal Reserve Jerome Powell quando cita «effetti fondamentali».

Perché l’inflazione rimarrà alta?

Ci sono diversi fattori che fanno salire i prezzi.

Uno è il caos della catena di approvvigionamento che ha raggiunto il picco la scorsa estate. Sebbene alcuni colli di bottiglia siano stati eliminati, i problemi non sono stati completamente risolti. Finché è costoso e richiede più tempo spostare le merci in tutto il mondo, è probabile che i costi di trasporto più elevati vengano trasferiti ai consumatori.

Un altro fattore che contribuisce è l’aumento del costo dei prodotti di base, che porta a costi energetici e alimentari più elevati. I prezzi sono aumentati in entrambi i settori quest’anno e si sono aggiunti a una parte significativa dell’inflazione che abbiamo già visto. Nel caso del cibo, prezzi più alti Alcuni consumatori sono costretti ad acquistare quantità minori o a cambiare negozio.
Gli economisti non si aspettano che migliorerà l’anno prossimo. A parte l’elevata domanda e i costi di spedizione, I prezzi dei fertilizzanti salgono e il maltempo continua Potrebbe mantenere alti i prezzi del cibo anche se altre pressioni inflazionistiche che stanno alimentando la pandemia si attenuano.

Anche l’aumento degli affitti rimane un problema. Questo è importante perché l’alloggio è una grande percentuale di ciò per cui le persone spendono i loro soldi. Se gli affitti consumano una parte maggiore della torta, i consumatori potrebbero finire per spendere di meno, il che sarebbe una cattiva notizia per la ripresa.

READ  Walmart ripristina la politica della maschera con istanze di variabili delta più elevate

A novembre, gli affitti sono aumentati dello 0,4% per il terzo mese consecutivo, secondo gli economisti della Bank of America, e questo indica un alto tasso di inflazione e una continuazione nel futuro.

«La recente espansione della pressione inflazionistica ha coinciso con un marcato aumento dell’inflazione degli affitti», ha affermato McCrory, economista di JPMorgan, che è balzato al suo tasso mensile più alto in 20 anni in un rapporto CPI di settembre e da allora è rimasto piatto. . »

Molti paesi, tra cui Stati Uniti d’America, hanno visto un aumento record delle infezioni da Covid-19 nelle ultime settimane a causa della variante in rapida diffusione. Se porterà a un nuovo ciclo di blocchi, potrebbe ancora una volta cambiare il modo in cui i consumatori spendono e aumentare la domanda di beni per la casa.
Forse ancora più importante, Omicron potrebbe influenzare i prezzi dell’energia: se le restrizioni tornassero e La gente viaggia di meno, una minore domanda di energia significa prezzi più bassi e questo dovrebbe aiutare a ridurre nuovamente l’inflazione.