noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Incontra i Faveros, la famiglia Stanthorpe che festeggia i 60 anni dell’International Club

Le foto della squadra che Stanthorpe International ha condiviso sulla propria pagina Facebook raccontano la storia di una squadra di calcio in transizione.

Nel corso di 60 anni, l’Inter è cresciuta unilateralmente per uomini da immigrati italiani appena arrivati ​​in un club multiculturale con molte squadre più piccole di ragazzi e ragazze.

I colori del club sono passati dalle tradizionali strisce verticali blu e nere a varie combinazioni di verde, rosso, blu e bianco, fino agli attuali blu e oro.

Ma Livio Faveiro, che ha iniziato a giocare nell’Inter negli anni ’60, è orgoglioso che il suo club esista ancora sullo stesso appezzamento di terreno con la stessa cultura orientata alla famiglia.

«Il campo che si trova oggi è stato costruito dai giocatori originali con i propri trattori e macchine», ha detto.

«Al momento della partita, ci siamo modellati sull’Inter in Italia e indossavamo maglie blu e nere. Diverse persone e sponsor hanno partecipato e hanno cambiato il colore delle maglie, ma il carattere del club è rimasto lo stesso».

Livio, 74 anni, è il capo di una delle famiglie più grandi dell’Internazionale, con sei nipoti che attualmente giocano per diverse squadre giovanili.

Il figlio di Livio, Stephen, è un ex giocatore, presidente e direttore della formazione presso The International, mentre sua figlia Tania è diventata recentemente la segretaria del club.

«Amo i miei figli che fanno parte del club non solo perché il nonno, lo zio e i cugini hanno giocato lì, ma perché la cultura è così accogliente e inclusiva», ha detto Tania.

La storia della famiglia Faveiro inizia nei primi anni ’50, quando il padre di Livio emigrò in Australia dalla città di Treviso, nel nord Italia.

«Mia zia e mio zio sono usciti nel 1953 e sono finiti a Stanthorpe, così mio padre li ha seguiti perché non sapeva dove altro andare», ha detto Livio.

Mia madre, mio ​​fratello ed io arrivammo in Australia nel marzo 1953 su una nave. Mio padre è sceso a Brisbane, ci ha portato in un’utenza ed è venuto direttamente a Stanthorpe. Da allora non ci siamo più mossi».

L’International Club, costituito da contadini italiani nel 1961, ha permesso a reti di famiglie immigrate di fondersi attorno a un interesse comune.

«Il calcio era un modo per gli italiani di incontrarsi in un paese straniero. Per me era così, perché senza il calcio a quei tempi non avrei avuto una vita sociale», ha detto Livio.

«All’epoca, il rugby league e il cricket erano gli sport principali, ma ora il calcio è lo sport più importante di Stanthorpe».

Mentre The International celebra il suo 60° anniversario, Livio ha affermato che sono in atto piani per il club per accogliere meglio il numero crescente di voci.

«Dobbiamo cambiare le luci, perché le vecchie lampade ci costano una fortuna in energia, ma la nostra priorità principale è assicurarci di avere alcune strutture per le donne», ha detto.

Il volto mutevole del club è rappresentato al meglio dalle nipoti adolescenti di Livio, Brooklyn e Georgia Favero.

La sedicenne Brooklyn faceva parte della squadra femminile senior retrocessa a Ballandean nella Grand Final di quest’anno, mentre la diciannovenne Georgia Faveiro ha giocato oltre 100 partite per i Southwest Queensland Thunder (vedi video sotto). ).

Due volte alla settimana, Georgia e suo padre Stephen fanno il viaggio di andata e ritorno di quattro ore da Stanthorpe a Toowoomba per allenarsi con i Thunder.

Ma la famiglia Faveiro parteciperà alla serata di presentazione del club venerdì e alla cena della 60a riunione annuale il prossimo fine settimana, dove i giocatori del passato e del presente celebreranno la storia del club

«Poiché Stanthorpe ha una forte eredità italiana in tutta la regione, molte famiglie italiane sono coinvolte anche con altri club», ha detto Stephen.

«Ma io ho seguito le orme di mio padre con l’Inter e nessuno della nostra famiglia ha giocato per un altro club allo Stanthorpe. Il calcio e il club internazionale erano la vita per noi.

clicca qui Per acquistare i biglietti per la cena di gala della reunion per il 60° anniversario di Stanthorpe.

READ  Ducati svela Streetfighter V2 e Streetfighter V4 SP