enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Incombe l’udienza per il visto di Novak Djokovic poiché la richiesta di ritardo del governo australiano è stata respinta

Karen Andrews, ministro degli interni australiano, sabato ha presentato una richiesta chiedendo «l’ultima sessione è rinviata a mercoledì 12 gennaio 2022» – cinque giorni prima dell’inizio del torneo.

Non è stata fornita alcuna motivazione per la richiesta di rinvio, ma è arrivata poche ore dopo che il team legale di Djokovic ha presentato un documento di 35 pagine in cui delineava la difesa del giocatore contro la decisione di revocare il suo visto temporaneo.

Come parte di quella difesa, è emerso che a Djokovic è stata concessa un’esenzione medica prima degli Australian Open perché si era recentemente ripreso dal Covid-19.

In una lettera datata 7 dicembre, che è trapelata ai giornalisti la scorsa settimana e non può essere verificata in modo indipendente dalla CNN, gli organizzatori dell’Australian Open sembrano aver erroneamente informato i giocatori non vaccinati che potrebbero entrare in Australia per il torneo.

I documenti del tribunale pubblicati sabato hanno confermato che Djokovic – che in precedenza aveva espresso opposizione ai vaccini Covid-19 e ai mandati sui vaccini – non era stato vaccinato al suo arrivo in Australia il 5 gennaio.

L’udienza per il visto è ora prevista per le 10:00 ora locale di lunedì (18:00 ET di domenica) e la decisione se può rimanere in Australia e competere nel torneo è prevista per le 16:00 (12:00 ET).

Se il tribunale conferma la revoca del suo visto, Djokovic sarà espulso una volta che saranno presi gli opportuni accordi di viaggio.

Secondo Craig Tilley, CEO di Tennis Australia, sono state «informazioni contraddittorie» che hanno portato alla concessione di eccezioni per i giocatori non vaccinati prima degli Australian Open.

READ  La rotta aerea per la Bielorussia chiusa ai migranti nel tentativo di fermare la crisi

In un’intervista con l’affiliato della CNN 9 News di domenica, Tiley ha rifiutato di incolpare qualsiasi partito. Ha detto che Tennis Australia era in contatto con il Dipartimento degli affari interni australiano «ogni settimana» e che tutte le parti coinvolte stavano lavorando in un «ambiente molto difficile».

Tilley ha aggiunto che gli piacerebbe vedere Djokovic giocare agli Australian Open. La testa di serie numero 1 al mondo spera di vincere il 10° titolo degli Australian Open e il 21° titolo del Grande Slam a Melbourne questo mese.

La detenzione di Djokovic al Park Hotel, luogo di detenzione alternativo per rifugiati e richiedenti asilo, da giovedì ha ricevuto ampia attenzione; I suoi sostenitori si sono radunati fuori per chiedere il suo rilascio, mentre altri hanno evidenziato la difficile situazione dei quasi 30 rifugiati detenuti anche nell’hotel.

I fan di Novak Djokovic stanno lottando per farlo uscire dall'hotel.  Dentro, i rifugiati si chiedono se se ne andranno mai
Tornato in Serbia, città natale di Djokovic, I suoi genitori hanno organizzato proteste Riguardo alle circostanze, dicono che il loro figlio è stato sottoposto come «prigioniero» all’hotel, un’affermazione che Andrews ha negato all’inizio di questa settimana.

«È libero di andarsene in qualsiasi momento lo desideri, e Border Force lo faciliterà davvero», ha detto Andrews alla ABC venerdì.

In un’intervista con la stazione televisiva nazionale serba RTV Pink sabato, il primo ministro del paese, Ana Brnabic, ha detto che Djokovic avrebbe ricevuto «pasti senza glutine, attrezzature per esercizi e un computer portatile» mentre rimane in detenzione.

Secondo gli atti del tribunale pubblicati sabato, Djokovic ha ripetutamente chiesto di essere spostato in un «luogo di detenzione più adatto che gli permetterebbe di allenarsi» prima degli Australian Open.

READ  I Democratici chiedono una tassa sulle importazioni dai paesi inquinanti

Brnabic ha detto di aver parlato con il ministro degli esteri australiano, Marise Payne, ma non è stata in grado di ribaltare la decisione di trattenere Djokovic al Park Hotel mentre attende l’esito della sua causa legale.

«È ancora al Park Hotel, ma spero che abbiamo reso il suo soggiorno più sopportabile grazie alle concessioni che abbiamo ottenuto per lui», ha detto.

Josh Pennington ha contribuito alla segnalazione.