agosto 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

In Italia sollievo e paura quando tornano i turisti

“È ora di prenotare le vostre vacanze in Italia”, ha detto il primo ministro italiano Mario Draghi agli osservatori internazionali a maggio, sperando di rilanciare il settore del turismo, che contribuisce per il 13% al PIL italiano. Entro il 2020, poiché l’epidemia di Govt-19 mette fine alla maggior parte dei viaggi internazionali, le entrate del turismo del paese sono diminuite di circa $ 113 miliardi e le cose non sono ancora tornate alla normalità.

“In estate gli italiani vanno al mare o in montagna, e in quelle zone le cose vanno un po’ meglio”, ha detto Giuseppe Rocioli, titolare dell’albergo a Roma e capo della divisione locale della Federal Berge dell’Hotel Lobby . “Ma le città storiche soffrono di più”. L’associazione ha usato la parola “disastro” per descrivere ciò che sta accadendo nel settore dell’ospitalità. “La metà degli hotel della città sono ora chiusi e la maggior parte di essi non riaprirà fino alla prossima primavera. Temo che solo nel 2024 torneremo al livello pre-Kovil “, ha detto. disse Rocioli.

La dura verità è che gli italiani comuni amavano tenere le loro città dentro di sé durante le epidemie e furono finalmente liberati dal flusso costante di turisti. Lo scrittore ed editore italiano Roberto Galasso ha osservato che nel mondo moderno nemmeno un turista vuole essere identificato come un altro membro del branco dei visitatori: “Gli piace vedere i turisti e se ne rammarica. Non avrebbe voluto scherzare con loro. “Quindi si può solo immaginare come si sentano i residenti in una città come Venezia, dove il 75% delle imprese ruota intorno al turismo.

READ  Questo villaggio italiano ti pagherà per andarci (e anche di più se hai un figlio)

“Inutile dire che l’epidemia è stata una tragedia terribile, ma per un paese veneziano non si può negare che mi sia piaciuto l’improvvisa scomparsa dei turisti”, ha detto Pierbolo Cabovilla, musicista e artista che vive a Venezia da più di 30 anni . . “Il turismo è senza dubbio un valore inestimabile per la nostra comunità, ma allo stesso tempo sta distruggendo il suo tessuto sociale e allontanando la gente comune”, ha affermato. Cabovilla ha affermato che il numero di visitatori a Venezia aveva “raggiunto un livello deplorevole” prima dell’epidemia. “Nel frattempo, il centro della città, che attualmente ha una popolazione di 50.000 abitanti, perde circa 1.000 residenti ogni anno.

Sig. Il complesso di appartamenti in cui Cabovilla vive con la sua compagna è pieno di affitti a breve termine e spesso i turisti suonano il campanello per errore. Un giorno alle 6 del mattino aprì la porta in pigiama e vide due turisti americani con il numero di appartamento sbagliato. “Quando ho detto loro che quella era casa mia, erano confusi. ‘Sei sicuro di volerlo dire?’ Mi hanno chiesto, come se non sapessi dove abitavo “, ha detto il signor Cabovilla. “Beh, è ​​l’atteggiamento generale dei turisti in visita a Venezia. Da non perdere”.