enero 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il viaggio aereo non è una vacanza come il Covid-19 e le tempeste invernali

Le compagnie aeree potrebbero aver pensato che i loro problemi epidemiologici fossero dietro di loro in autunno quando l’ondata di coronavirus si è ritirata e i viaggiatori hanno preso sempre più il volo. Ma l’ondata del nuovo virus e le tempeste invernali hanno lasciato le compagnie aeree e i loro passeggeri allo sbando mentre erano in vacanza.

Dirigendosi verso il fine settimana di Capodanno, quando i voli di ritorno produrranno un altro mantra nel viaggio aereo, le compagnie aeree hanno cancellato più di 1.000 voli giornalieri da, verso o all’interno degli Stati Uniti. Venerdì sono stati cancellati più di 1.200 voli. I vettori e i loro dipendenti affermano che l’ultimo capitolo della pandemia, la variante Omicron, ha ridotto profondamente la capacità di operare voli, anche se la stragrande maggioranza dei membri dell’equipaggio è stata vaccinata.

«Non ho mai visto un guasto come questo in vita mia», ha affermato Angelo Cucuzza, direttore organizzativo del sindacato dei lavoratori dei trasporti, che rappresenta gli assistenti di volo di JetBlue. «Semplicemente non riescono a tenere il passo con il numero di persone che sono risultate positive».

JetBlue è stata una delle compagnie aeree più colpite, con il 17% dei suoi voli cancellati giovedì, Secondo il sito di dati sui viaggi aerei FlightAware. La compagnia ha dichiarato, mercoledì, che taglierà circa 1.280 voli fino a metà gennaio, citando l’elevata incidenza di infezioni da virus nel nord-est, dove sono concentrate le sue operazioni e gli equipaggi.

Poi c’è stato il tempo, che è sempre stato una componente volatile dei viaggi di vacanza, ma è stato particolarmente impegnativo negli ultimi giorni, in particolare nel nord-ovest del Pacifico, dove abbondanti nevicate e temperature record hanno causato l’atterraggio degli aerei lo scorso fine settimana.

I prossimi giorni potrebbero essere altrettanto frustranti. Secondo Dan de Baudouin, direttore delle operazioni di previsione presso AccuWeather, le tempeste nel sud della California e nel nord-ovest potrebbero combinarsi per scaricare la neve sugli hub di volo a Denver e Chicago, con forti temporali che minacciano anche l’aeroporto internazionale di Dallas-Fort Worth.

Alaska Airlines, il cui hub è all’aeroporto internazionale di Seattle-Tacoma, è arrivata al punto di suggerire alle persone di posticipare i viaggi non essenziali fino al nuovo anno. La compagnia aerea è stata nuovamente colpita giovedì, con il 14% dei suoi voli cancellati, con più neve caduta a Seattle.

Secondo le stime della Transportation Security Administration, da giovedì a lunedì potrebbero viaggiare fino a 10 milioni di persone. Da mesi le compagnie aeree preparano le riserve dei lavoratori per le vacanze. Ma queste misure non erano sufficienti in una situazione in rapido cambiamento e molti passeggeri si sentivano frustrati.

Sabine Malloy, il cui piano di incontrare il suo ragazzo in Alaska per vedere l’aurora boreale è stato capovolto martedì quando due voli annullati su Delta Airlines sono stati cancellati: le sue linee dalla California del sud, le sue da Denver. Delta ha detto loro che non poteva riprenotare per diversi giorni, quindi hanno annullato i loro piani, dopo che il suo ragazzo ha guidato per sette ore dal South Dakota per il suo volo.

READ  Il prezzo di BTC supera $ 61K tra nuove preoccupazioni sul destino effettivo dell'ETF di Bitcoin

Anche cercare di cambiare programma prima di partire era scoraggiante. Un passeggero che cerca di riprenotare un volo di famiglia su American Airlines incontra una registrazione che dice che si aspetta un’attesa di quattro ore per essere richiamato da un agente.

Alcuni dicono che le compagnie aeree hanno parte della colpa per le interruzioni. L’industria ha ricevuto 54 miliardi di dollari in aiuti federali per mantenere i lavoratori occupati durante la pandemia, l’aiuto fornito con il divieto di licenziamento. Ma i vettori sono stati in grado di declassare i propri ranghi offrendo pacchetti di acquisizione e prepensionamento a migliaia di lavoratori.

Le compagnie aeree hanno ricominciato ad assumere mentre la ripresa dei viaggi inizia quest’anno, ma la maggior parte deve ancora riconquistare completamente la propria forza lavoro: l’industria ha impiegato quasi 413.000 persone a ottobre, in calo di quasi il 9% rispetto allo stesso mese del 2019, Secondo i dati federali. Le compagnie aeree hanno avuto difficoltà a realizzare un profitto poiché i volumi di passeggeri sono ancora di circa il 15% al ​​di sotto dei livelli di pandemia.

L’industria ha guardato ai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie negli ultimi giorni per una soluzione parziale ai suoi problemi occupazionali e sta spingendo per ridurre a cinque giorni il periodo di isolamento raccomandato di 10 giorni per le persone con coronavirus. Alcuni studiosie Non affiliato con le compagnie aeree, una proposta simile per rafforzare la forza lavoro stressata in altre aree, come gli ospedali.

Lunedì il CDC ha girato la sua direzione a cinque giorni di isolamento per le persone i cui sintomi si sono risolti o attenuati, seguiti da cinque giorni che indossano una maschera. L’agenzia ha affermato che il cambiamento è stato richiesto dai risultati secondo cui il coronavirus è stato trasmesso principalmente uno o due giorni prima della comparsa dei sintomi e due o tre giorni dopo.

Martedì, in una nota vista dal New York Times, JetBlue ha detto ai dipendenti che si aspetta che coloro che «sono asintomatici o i cui sintomi stanno migliorando, tornino al lavoro dopo cinque giorni». I membri dell’equipaggio possono rimanere in ferie se presentano una nota medica, ma non saranno pagati come se stessero lavorando, secondo Cucuzza del sindacato dei lavoratori dei trasporti.

Alla domanda sul commento, JetBlue ha dichiarato: «La salute e la sicurezza del nostro equipaggio e dei clienti rimane la nostra massima priorità mentre affrontiamo questa pandemia».

READ  Exclusive, un importante azionista di Toshiba si è opposto alla separazione, sollecitando il consiglio di amministrazione a sollecitare offerte

Delta Garantisce cinque giorni di congedo per malattia ai lavoratori contagiati, con ulteriori due giorni di malattia retribuiti se scelgono di fare il test il quinto giorno e i risultati sono positivi.

Il tempo di isolamento più breve alimenta polemiche nel settore. La Flight Attendants Association-CWA, che rappresenta quasi 50.000 assistenti di volo su 17 compagnie aeree, ha esortato a mantenere un periodo di isolamento di 10 giorni in una lettera alle compagnie aeree martedì.

«Riteniamo che questa sia la mossa sbagliata per l’aviazione in quanto accetta di rimandare le persone infette al lavoro o volare come passeggeri sui nostri aerei», ha scritto il presidente del sindacato Sarah Nelson. Diversi assistenti di volo intervistati hanno espresso preoccupazione per il fatto che colleghi potenzialmente infetti potrebbero tornare al lavoro senza essere sottoposti a test.

Le compagnie aeree si preparano sempre alle turbolenze, specialmente nei giorni festivi, quando da qualche parte il cattivo tempo invernale mette in equilibrio l’intero sistema. Ma quest’anno il settore è stato particolarmente colpito.

Dopo che due compagnie aeree, America e Southwest, hanno cancellato migliaia di voli in ottobre a causa del maltempo e di una breve carenza di controllori del traffico aereo, si sono impegnate a risolvere i problemi, offrire bonus per incoraggiare i dipendenti a lavorare durante il periodo delle vacanze, aumentare le assunzioni e sfoltire i piani di volo. Entrambi evitano cancellazioni diffuse durante le festività natalizie.

«Ci siamo resi conto che dovevamo assicurarci di avere persone sul posto», ha detto in un’intervista David Seymour, direttore delle operazioni per l’America. La compagnia aerea ha richiamato diverse migliaia di assistenti di volo dal congedo il mese scorso e questo mese ne ha assunti quasi 600 in più.

Quando il caos colpisce, le compagnie aeree si impegnano in intricate coreografie per uscire.

Gli esperti di aviazione e aviazione affermano che l’obiettivo principale è ridurre l’impatto sui passeggeri. È piu facile a dirsi che a farsi.

Alaska Airlines ha trascorso mesi a fare piani per questa stagione delle vacanze, investendo in personale e attrezzature per gestire il clima invernale e creando equipaggi di volo di riserva, secondo Constance von Mehlen, direttore operativo.

La compagnia aerea è stata in grado di chiamare i dipendenti malati a tariffe elevate offrendo ad altri una paga extra per riempirlo, ma le nevicate persistenti e le basse temperature record nell’area di Seattle l’hanno costretta a cancellare quasi un terzo dei suoi voli domenica, circa un quarto su lunedì e verso le cinque di martedì.

«Una volta che hai avuto una brutta vacanza, non c’è niente che tu possa fare per recuperare ciò che ti sei perso», ha detto la signora von Moehlen.

Martedì, la compagnia aerea ha fatto un duro annuncio. L’Alaska taglierà circa il 20% dei voli da Seattle nei prossimi giorni per consentire agli aerei di scongelare più tempo. Ha anche «fortemente» esortato i clienti a ritardare i viaggi non essenziali oltre questo fine settimana.

READ  Le fabbriche lottano perché le forniture diminuiscono e i costi aumentano

«I nostri valori hanno guidato la nostra decisione», ha detto. «Dobbiamo essere il più realistici possibile su ciò che saremo in grado di operare e far sapere alla gente, il più difficile possibile».

Mettere in servizio gli equipaggi di volo può essere particolarmente difficile, con lavoratori sparsi in tutto il paese e soggetti a varie normative. Gli assistenti di volo sono generalmente tenuti a concedere nove ore di riposo tra i turni di lavoro, ad esempio.

La variante Omicron ha confuso questo processo già complesso.

Il capitano James Pelton, portavoce dei quasi 13.500 piloti della United Airlines presso l’Airline Pilots Association, ha sottolineato che l’alternativa crea sfide.

«Le nostre chiamate per malati sono più alte del solito», ha detto. Ha detto che molti piloti hanno contribuito a colmare le lacune scegliendo turni extra, ma sono limitati a volare 100 ore al mese per legge federale.

Anche le operazioni sul campo sono interessate. La Federal Aviation Administration ha avvertito giovedì che un aumento delle vittime tra il personale, compreso il personale di controllo del traffico aereo, potrebbe portare a ritardi.

Anche la Transportation Security Administration si è detta preoccupata per un aumento delle infezioni da virus, ma ha abbastanza personale. Un portavoce ha affermato che i tempi medi di attesa alle linee di sicurezza aeroportuali sono stati di circa cinque minuti negli ultimi giorni.

Passare attraverso la sicurezza ovviamente non garantisce che il resto del viaggio sarà tranquillo.

Elizabeth Barnhessel e suo marito erano in viaggio verso una tarda luna di miele quando una chiamata cancellata ha costretto una sosta inaspettata martedì sera all’aeroporto internazionale di Seattle-Tacoma. Hanno trovato l’ingresso nell’area ritiro bagagli Che sembrano centinaia di borse E folle di persone infelici si sono messe in fila – alcune in lacrime, altre che sonnecchiavano, perché avevano aspettato così a lungo i loro bagagli.

Ogni poche ore, qualcuno potrebbe presentare una ragione diversa per il fiasco: vortici ghiacciati, omicroni, tempo atmosferico. Circa 10 ore dopo, la borsa della signora Barnhessel è arrivata dall’altra parte dell’aeroporto.

La coppia alla fine raggiunse la loro destinazione, Vancouver, ma non era l’esperienza della luna di miele su cui la signora Barnhessel faceva affidamento. «Siamo sorpresi», ha detto. «Abbiamo sicuramente corso un rischio facendo questo viaggio. Ma alla fine della giornata, dobbiamo tornare alla normalità in qualche modo».

Lauren Hirsch Contribuire alla redazione dei report.