octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il rover persistente sta trovando prove di antiche inondazioni su Marte, dicono i ricercatori

Il rover persistente, che ha trascorso mesi in viaggio su Marte, non avrebbe potuto atterrare in un luogo più interessante.

Cratere Jezero – Una macchia secca e battuta dal vento di rocce marziane dove il rover è atterrato a febbraio Un tempo era un letto di lago alimentato da un antico fiume con inondazioni così potenti da poter spostare le rocce, affermano gli scienziati.

quei risultati, È stato pubblicato la scorsa settimana su Science, ha confermato i sospetti degli scienziati che il cratere contenesse un lago milioni di anni fa, e indica anche che questa parte di Marte aveva un passato caldo e umido con un ciclo dell’acqua più complesso di quanto si conoscesse.

“C’erano fiumi che scorrevano qui”, ha detto Katie Stack Morgan, vice scienziata del progetto per il progetto Mars 2020 e autrice del documento di ricerca, sul paesaggio di Jezero circa 3,5 milioni di anni fa. “Forse Jezero era un buon posto dove vivere e quell’ambiente si è evoluto nel tempo”.

Ulteriori studi potrebbero aiutare i ricercatori a capire perché il pianeta si sta prosciugando e fornire nuovi indizi sul fatto che il pianeta abbia mai sostenuto la vita.

Vista da terra

La nuova prospettiva – grazie alla perseveranza – e il lavoro di indagine geologica degli scienziati hanno reso possibili queste idee.

Il rover, che ha trasmesso immagini dalla superficie del cratere alla Terra, ha fornito agli scienziati nuove viste che non possono essere viste dallo spazio.

“Quello che pensi di vedere dall’orbita attorno a Marte potrebbe non essere quello che vedi quando entri in un cratere all’altezza degli occhi”, ha detto Stack Morgan.

READ  Eclissi solare dell'"Anello di fuoco" del 2021: a che ora inizia?

Le immagini a livello di superficie hanno supportato la teoria degli scienziati secondo cui Jezero un tempo conteneva un lago profondo.

Le immagini hanno anche dato agli scienziati, compresi i 39 autori del documento scientifico, la capacità di analizzare gli strati di roccia su uno sperone chiamato Kodiak. I ricercatori hanno scoperto che questi strati corrispondono a come apparivano i delta dei fiumi sulla Terra, indicando il flusso d’acqua nell’antico lago.

Ma la grafica conteneva anche alcune sorprese. Secondo il documento scientifico, su altre scogliere vicino a Kodiak, gli scienziati hanno notato grandi massi – alcuni larghi fino a cinque piedi e modellati dall’acqua – all’interno degli strati superiori delle formazioni.

Sospettano che le rocce siano state depositate durante enormi eventi di inondazione abbastanza potenti da trasformare rapidamente lo spartiacque su Marte.

Non sanno cosa abbia causato queste inondazioni, ma hanno ipotizzato nel documento che forti piogge, rapido scioglimento della neve o cambiamenti nel ghiaccio glaciale potrebbero innescare le acque alluvionali.

“Può essere molto difficile ricostruire questo genere di cose”, ha detto Stack Morgan.

Alla ricerca di segni di vita

Perseverance è il primo rover a raccogliere e conservare campioni di roccia marziana.

Stack Morgan ha affermato che è emozionante sapere con certezza che il rover visiterà e raccoglierà campioni da un antico lago alimentato da un fiume.

Ciò significa che il rover avrà accesso a una varietà di tipi di roccia che sono stati depositati nel cratere. Il rover dovrebbe anche essere in grado di raggiungere e campionare porzioni di antichi fondali lacustri, ha detto, che sono “esattamente il tipo di letti sulla Terra che sono ottimi per la materia organica e le firme biologiche”.

READ  Ecco come guardare online la Mars Society International Convention 2021 questa settimana

Il rover potrebbe essere nel posto giusto per rispondere ad alcune delle domande più profonde dell’umanità.

“Ecco perché siamo venuti a Jezero con tanta perseveranza”, ha detto. “Finora, Jezero non ha deluso”.