septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il “punto meridionale” dell’oceano caldo ha causato una massiccia siccità a migliaia di chilometri di distanza in Cile

A diverse migliaia di miglia di distanza, la nazione sudamericana del Cile soffre di una massiccia siccità da oltre un decennio, con piogge e riserve idriche in calo.

In superficie, questi due eventi non hanno nulla a che fare l’uno con l’altro, ma un nuovo studio ha scoperto che sono collegati a forze invisibili provenienti dalla pressione e dalla circolazione atmosferiche globali.

La regione meridionale, situata ad est dell’Australia e della Nuova Zelanda, è emersa circa quattro decenni fa ed è probabilmente il risultato di una naturale diminuzione delle precipitazioni sul Pacifico tropicale centrale. Ma nel tempo, secondo lo studio, il cambiamento climatico ha reso il punto più grande e più caldo.

La diminuzione delle precipitazioni ha influito sulla circolazione atmosferica nell’area, creando modelli di vento che hanno alterato il flusso delle correnti oceaniche calde e fredde, dirigendo più acqua calda nel Blob e spingendo più in profondità le acque più fredde.

ha affermato Kyle Clem, coautore dello studio e docente di scienze del clima presso la Victoria University di Wellington.

Questa cresta, che attraversa il Pacifico meridionale, altera il percorso che le tempeste di solito prendono mentre si muovono attraverso gli oceani, note come “tracce di tempesta”. A causa delle creste, i sistemi di tempeste si sono spostati a sud verso l’Antartide e lontano dalla costa occidentale del Sud America.

La regione costiera del Sud America – tra cui il Cile centrale, l’Argentina e parti delle Ande – dipende da quelle tempeste invernali per ricostituire le riserve di acqua dolce prima della stagione secca estiva. Con le tempeste ora reindirizzate in Antartide, il Cile è immerso in gravi condizioni di siccità dal 2010, con danni diffusi all’ambiente e ai mezzi di sussistenza delle persone.

READ  Sasha Johnson: l'attivista britannico "Black lives matter" è in condizioni critiche dopo essere stato colpito alla testa a Londra

Lo studio, pubblicato giovedì sulla rivista Climate, è la prima volta che i ricercatori hanno collegato una relazione diretta tra il punto e la megasiccità.

Questa è la siccità più lunga in Cile nel record meteorologico, Secondo la NASA. L’ultima grande siccità di questa portata probabilmente si è verificata nella regione più di 1.000 anni fa, secondo René de Garrod, uno scienziato dell’Università del Cile e uno dei coautori dello studio.
Stazione sciistica di El Colorado con neve per lo più sciolta, nel mezzo dell'inverno 2021, a Santiago, Cile.

Il Sud America in precedenza aveva sperimentato una diminuzione generale delle precipitazioni per decenni, in coincidenza con la comparsa del punto. Ma era intermittente: a volte c’erano anni di siccità, altre volte piogge torrenziali.

Ma il riscaldamento globale ha fatto sì che il punto si espandesse e diventasse molto più caldo negli ultimi dieci anni, e la siccità è diventata una distesa infinita. Durante l’inverno nell’emisfero australe, la temperatura del punto aumenta tre volte più velocemente della media globale in altre parti dell’oceano, ha detto Clem.

“Quindi questa cosa è iniziata nel mezzo del Pacifico equatoriale, con un certo riscaldamento, e il modello è durato per 40 anni – e poi ho aggiunto il calore pompato in esso dall’aumento dei gas serra”, ha detto Clem. “Questo è ciò che ha permesso a Blob di raggiungere tassi di riscaldamento così estremi… ed è per questo che stiamo vivendo una siccità senza precedenti”.

Una prolungata siccità ha decimato le fattorie in tutto il Cile, con il fallimento dei raccolti e la morte di un gran numero di bestiame. I bacini idrici sono a livelli molto bassi e i residenti in alcune aree rurali ora dipendono dalle forniture d’acqua delle autocisterne.

I pericoli di gigantesche siccità in America per decenni, avverte la NASA

Gli effetti indiretti di Blob si sono fatti sentire anche altrove. Poiché questo spostamento fa sì che l’aria più calda si sposti verso l’Antartico, ha causato un calo del ghiaccio marino antartico, che a sua volta minaccia gli ecosistemi sensibili della regione e potrebbe avere conseguenze di vasta portata nel cambiamento dei modelli meteorologici globali.

READ  I temporali hanno causato inondazioni improvvise a Londra, allagando strade e alcune stazioni ferroviarie

Non è chiaro quando o se il punto si dissolverà, quale Clem e il team intendono studiare dopo. Si prevede che la diminuzione delle precipitazioni diminuirà ad un certo punto, ma i ricercatori non sanno se sarà sufficiente per rompere il punto o se continuerà a causa del solo calore causato dall’uomo.

“Una delle cose più meravigliose di questo è che abbiamo questo segnale umano (creato dall’uomo) nel sistema climatico, che è Blob, che è seduto lì in mezzo al nulla”, ha detto Clem. “Ma a causa del modo in cui si forma la circolazione oceanica, ha il potenziale per influenzare i climi regionali in cui vive un numero enorme di persone, a decine di migliaia di chilometri di distanza”.

“Ciò che il nostro studio mostra è che con il cambiamento climatico indotto dall’uomo, ciò che accade in un luogo non necessariamente rimane lì”.