diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il principe Harry parla delle «ferite nascoste» trovate «al buio» al concerto militare di New York

New York – Il principe Harry e il suo ospite improvviso, Meghan Marklee hanno camminato insieme sul tappeto rosso al saluto annuale dell’Intrepid Museum al Freedom Gala mercoledì sera.

Sebbene si sapesse in precedenza che Harry avrebbe partecipato e mostrato all’evento, la presenza di Meghan era solo un sospetto – dato che anche lei era in città – ma non è stata confermata ufficialmente.

La cerimonia, che «riconosce una leadership eccezionale» e onora gli uomini e le donne che prestano servizio militare nel loro paese, è stata particolarmente toccante poiché si è svolta il giorno prima del Veterans Day negli Stati Uniti e del Memorial Day nel Regno Unito

Harry e Meghan indossavano entrambi i papaveri nel Memorial Day, Che dovrebbe simboleggiare il sacrificio dei soldati caduti, in caso.

Il Duca stesso è un veterano e ha prestato servizio nell’esercito britannico per più di 10 anni, compreso il completamento di due tournée in Afghanistan.

Il duca ha indossato un classico smoking nero per l’evento, mentre la duchessa del Sussex ha indossato un abito rosso Carolina Herrera.

Catturato tramite Getty Images

All’evento, Harry ha presentato i Valor Awards inaugurali per i destinatari che hanno dimostrato «coraggio e perseveranza di fronte a grandi pericoli o conflitti personali».

I membri della famiglia reale hanno incontrato i vincitori sul tappeto rosso. In un video ripreso da HuffPost, la duchessa del Sussex si rivolge al sergente ricevente. Julian Kitching della Classe Uno e indicò la loro scuola mista dicendo: «Beh, va bene per la Northwest, giusto?»

Kitching sembrò scioccato e chiese al re: «Come lo sapevi?»

In un altro punto del video, ha risposto a un giornalista sul tappeto rosso che le ha chiesto se fosse orgogliosa di suo marito volubile, dicendo: «Sono sempre stata orgogliosa di mio marito».

HuffPost ha parlato con il veterano dei Marine Ismail Alvarado sul tappeto rosso, il quale ha affermato che questo è stato un «evento davvero speciale per me».

«Apprezzo molto tutto ciò che l’Intrepid Museum fa per i veterani e per la comunità», ha detto, aggiungendo che frequenta l’Intrepid Museum da sei anni e partecipa a eventi familiari con i suoi figli.

«Voglio dire, è come una casa lontano da casa. Mi dà quel senso di orgoglio e le cose che mi mancano ora dell’essere un civile, non in servizio attivo», ha detto.

Alvarado ha aggiunto che è stato bello vedere il principe Harry, il veterano stesso, e Jon Bon Jovi, che è stato insignito dell’Intrepid Lifetime Achievement Award 2021 per il suo lavoro su Veterans Affairs. Alvarado sperava di avere la possibilità di parlare con il cantante mentre ballava una delle sue canzoni mentre si diplomava come studente privato di prima classe di 18 anni.

I Marines hanno detto che pensa che sia «bello avere un certo riconoscimento e comprensione dei bisogni dei veterani che servono il loro paese» e hanno detto di aver visto meno stigma riguardo alla salute mentale nella comunità dei veterani, manifestata nel fatto che più persone parlano di lui-lei .

Una foto del Duca e della Duchessa del Sussex con i vincitori del Valor Award sul tappeto rosso.
Una foto del Duca e della Duchessa del Sussex con i vincitori del Valor Award sul tappeto rosso.

Catturato tramite Getty Images

Nel suo discorso all’evento, Harry ha dato il via dicendo al pubblico che la scorsa settimana «è andato in tournée con l’Oscar Mayer Weinermobile – com’è vivere il sogno americano!»

Ha poi parlato del suo servizio militare e ha toccato alcuni dei temi citati da Alvarado, tra cui le «ferite invisibili» dei veterani.

«Per troppo tempo», ha detto il principe, «le ferite invisibili sono state trattate come semplici – invisibili – ed erano condannate a essere nascoste sotto il tappeto con il rischio di provare vergogna, senso di colpa o semplicemente mancanza di comprensione».

«Per anni noi (e le nostre famiglie) abbiamo orientato la nostra intera vita intorno alla missione, al dovere e all’impegno, e sì, sbrigati e aspetta. E quando torniamo, bramiamo le stesse passioni e contributi: scopo personale, concentrazione, servire gli altri e far parte di una squadra».

«Come molti di noi vedono, il servizio non è elevato», ha continuato. «Il servizio è ciò che accade nella quiete e quando le persone non guardano. Riguarda il modo in cui ci prendiamo cura l’uno dell’altro ogni giorno. Riguarda il cameratismo che condividiamo… le risate, il conforto, il dolore, la sfida e sì, le battute».

Il 9 novembre 2014, in Afghanistan, il principe Harry si esibisce in una funzione commemorativa domenicale all'aeroporto di Kandahar.
Il 9 novembre 2014, in Afghanistan, il principe Harry si esibisce in una funzione commemorativa domenicale all’aeroporto di Kandahar.

Matt Cardi via Getty Images

Il Duca e la Duchessa del Sussex sono attualmente in visita a New York Per un altro viaggio vorticoso, poche settimane dopo il loro ultimo arrivo in città.

Meghan era in città il primo giorno del DealBook Online Summit martedì, apparendo nel panel «Minding the Gap» insieme a Melody Hobson, co-CEO e presidente di Ariel Investments, moderatore e fondatore di DealBook e editorialista Andrew Ross Sorkin.

Durante la sessione, la duchessa ha parlato dei suoi sforzi per sostenere il congedo parentale retribuito per tutti, che finora ha incluso Scrivi una lettera al Congresso E chiama i senatori democratici e repubblicani. lei Insisto che la questione non è politica.

«Onestamente non vedo questo come un problema politico», ha detto Meghan. «Guarda, c’è sicuramente un precedente tra la famiglia di mio marito e la famiglia reale per non essere coinvolto in politica. Ma penso che questo – voglio dire, un congedo retribuito, dal mio punto di vista – sia solo una questione umana».

Più tardi quel giorno, il Duca del Sussex è apparso in un panel sulla disinformazione sulla conferenza RE:WIRED del 2021, dove ha detto di aver detto al CEO di Twitter Jack Dorsey A proposito di un «colpo di stato» prima dell’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti.

«Jack ed io ci stavamo inviando un’e-mail prima del 6 gennaio quando l’ho avvertito che la sua piattaforma consentiva un colpo di stato», ha detto il duca durante la sua sessione. «Questa e-mail è stata inviata il giorno prima. Poi è successo e da allora non ho ricevuto alcuna notizia».

Iscriviti a HuffPost Guarda la newsletter dei Royals Per tutte le cose Windsor (e oltre).