mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern annulla il suo matrimonio a causa delle nuove restrizioni di Omicron

SYDNEY, 23 gennaio (Reuters) – Il primo ministro neozelandese Jacinda Arden ha annullato il suo matrimonio a causa delle nuove restrizioni della nazione per rallentare la diffusione nella comunità della variante COVID-19 Omicron, ha detto ai giornalisti domenica.

La Nuova Zelanda imporrà regole sulle maschere e limiterà gli assembramenti a partire dalla mezzanotte di domenica dopo che un gruppo di nove casi di COVID-19 Omicron ha mostrato la diffusione della comunità dalle isole settentrionali a quelle meridionali dopo un matrimonio.

Una famiglia è tornata a Nelson, nell’Isola del Sud, in aereo dopo aver partecipato a un matrimonio e ad altri eventi ad Auckland, nell’Isola del Nord. La famiglia e un’assistente di volo sono risultati positivi.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

La Nuova Zelanda passerà a un ambiente rosso nell’ambito del suo quadro di protezione COVID-19, con più maschere da indossare. Gli ambienti dell’ospitalità indoor come bar e ristoranti ed eventi come i matrimoni avranno un limite di 100 persone. Il limite viene abbassato a 25 persone se le sedi non utilizzano i pass per i vaccini, ha affermato Arden.

«Il mio matrimonio non andrà avanti», ha detto ai giornalisti, aggiungendo che era dispiaciuta per chiunque fosse coinvolto in uno scenario simile. Ardern non aveva rivelato la data del suo matrimonio, ma si diceva che fosse imminente.

Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern parla a una conferenza stampa sulla pandemia del coronavirus (COVID-19) a Wellington, Nuova Zelanda, il 17 febbraio 2021. REUTERS/Praveen Menon

Alla domanda dei giornalisti come si sentiva in merito alla cancellazione del suo matrimonio con la partner di lunga data e conduttrice di spettacoli di pesca Clarke Gayford, Ardern ha risposto: «Così è la vita».

READ  L'affermazione di Gosiame Thamara Sithole su 10 bambini è stata smentita

Ha aggiunto: «Non sono diversa, oserei dire, migliaia di altri neozelandesi che hanno avuto impatti molto più devastanti subiti dalla pandemia, il più sventrante dei quali è l’incapacità di stare con una persona cara a volte quando sono gravemente malato. Questo supererà di gran lunga qualsiasi tristezza che provo.»

I confini della Nuova Zelanda sono stati chiusi agli stranieri da marzo 2020. Il governo ha respinto i piani per una riapertura graduale da metà gennaio alla fine di febbraio per la preoccupazione di un potenziale focolaio di Omicron come nella vicina Australia.

Le persone in grado di recarsi in Nuova Zelanda con limitate eccezioni devono presentare domanda per soggiornare in strutture di quarantena gestite dallo stato. Il governo la scorsa settimana ha interrotto qualsiasi nuovo slot in mezzo a un aumento del numero di persone che arrivano con Omicron.

Circa il 94% della popolazione della Nuova Zelanda di età superiore ai 12 anni è completamente vaccinata e circa il 56% di quelli idonei ha ricevuto colpi di richiamo.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione di Kirsty Needham; Montaggio di Cynthia Osterman

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.