agosto 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il primo ministro israeliano mette in guardia Unilever sulle “serie conseguenze” della decisione di Ben & Jerry

GERUSALEMME (Reuters) – Israele ha avvertito il colosso dei beni di consumo Unilever Plc (ULVR.L) Martedì, la società ha avvertito delle “gravi conseguenze” della decisione della sua controllata Ben & Jerry di interrompere la vendita di gelati nei territori occupati da Israele e ha esortato gli Stati Uniti a emanare leggi anti-boicottaggio.

L’annuncio di Ben & Jerry lunedì è arrivato sulla scia della pressione pro-palestinese sulla South Burlington Company con sede nel Vermont sui suoi affari in Israele e sugli insediamenti ebraici in Cisgiordania, che opera attraverso un partner autorizzato dal 1987.

Ben & Jerry’s ha detto che non rinnoverà la licenza alla scadenza alla fine del prossimo anno. Ha detto che sarebbe rimasto in Israele con un accordo diverso, senza vendere in Cisgiordania, tra le aree in cui i palestinesi cercano di stabilire uno stato. Leggi di più

La maggior parte delle potenze mondiali considera illegali gli insediamenti israeliani. Si oppone a questo, citando connessioni storiche e di sicurezza con la terra, e si è mossa per sanzionare misure anti-insediamento secondo la legge israeliana, garantendo allo stesso tempo protezioni legali simili in alcuni stati degli Stati Uniti.

L’ufficio del primo ministro israeliano Naftali Bennett ha dichiarato di aver parlato con l’amministratore delegato di Unilever, Alan Job, della “palese azione anti-israeliana” del gelataio.

“Dal punto di vista di Israele, questa azione ha gravi conseguenze, legali e non, e agirà con forza contro qualsiasi misura di boicottaggio contro i civili”, ha detto Bennett a Job, secondo la dichiarazione rilasciata dal suo ufficio.

La britannica Unilever non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di Reuters.

READ  Il presidente di El Salvador dice che invierà una fattura a corso legale per bitcoin

Gilad Erdan, ambasciatore di Israele a Washington, ha affermato di aver sollevato la decisione di Ben & Jerry in una lettera inviata a 35 governatori statunitensi i cui stati hanno approvato una legislazione contro il boicottaggio di Israele.

“Devono essere intraprese azioni rapide e decisive per contrastare tali misure discriminatorie e antisemite”, si legge nella lettera, twittata dall’inviato, che ha paragonato la questione all’annuncio di Airbnb del 2018 che avrebbe rimosso le proprietà in affitto negli insediamenti.

Airbnb ha annullato tale decisione nel 2019 dopo le sfide legali negli Stati Uniti, ma ha affermato che avrebbe donato i profitti delle prenotazioni negli insediamenti a cause umanitarie.

I palestinesi hanno accolto con favore l’annuncio di Ben & Jerry. Vogliono la Cisgiordania, Gerusalemme Est e la Striscia di Gaza per un futuro stato. Israele considera tutta Gerusalemme la sua capitale, uno status non riconosciuto a livello internazionale.

Scritto da Dan Williams Montaggio di Jeffrey Heller e Raisa Kasulowski

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.