noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il primo ministro greco esprime preoccupazione per la posizione dell’Occidente nei confronti della Turchia | Notizia

I vicini e gli alleati della NATO Grecia e Turchia sono in disaccordo su una serie di questioni, comprese le controversie territoriali e Cipro.

Il primo ministro greco si è detto preoccupato che la risposta delle potenze occidentali alle azioni della Turchia le stia incoraggiando ad agire in modo inaccettabile.

I commenti di Kyriakos Mitsotakis sono arrivati ​​venerdì dopo un incontro con il cancelliere tedesco uscente Angela Merkel, che si trovava ad Atene per una recente visita ufficiale.

Ha detto: «Temo che la calma occidentale incoraggi le azioni arbitrarie turche, ed è tempo di trasformare i principi europei in politica europea e principalmente in pratiche europee contro coloro che ne abusano».

I vicini e gli alleati della NATO Grecia e Turchia sono in disaccordo su una serie di questioni, comprese le controversie territoriali nell’Egeo che li dividono, e i diritti di esplorazione nel Mediterraneo orientale e nell’isola di Cipro divisa etnicamente.

Nessuno sta cercando una rottura definitiva nelle relazioni UE-Turchia. «Non sarà niente di buono per l’Europa, per la Grecia o, in definitiva, per la Turchia», ha detto Mitsotakis.

La Turchia è da più di due decenni un candidato ufficiale per entrare a far parte dell’Unione europea a 27 nazioni, ma di recente anche le relazioni con il blocco si sono inasprite.

«Penso che la Turchia dovrebbe essere trattata come un membro della NATO e la Turchia come un nostro vicino in modo tale da chiarire che è nel nostro interesse avere relazioni ragionevoli con la Turchia», ha affermato Merkel. «Anche con le nostre differenze, per esempio, anche sulle questioni dei diritti umani».

La Germania ha sottolineato in passato che il dialogo è essenziale per migliorare le relazioni con la Turchia. La Grecia insiste che è aperta al dialogo con il suo vicino, ma ci deve essere una volontà simile da entrambe le parti. Anche la Turchia si è detta pronta a parlare e i due sono impegnati in una serie di discussioni a basso livello per rafforzare la fiducia.

READ  La Cina annuncia un improvviso aumento dei casi di COVID-19 che causa la cancellazione dei voli

Da un lato, la Grecia tende la mano dell’amicizia; D’altra parte, la Grecia sarà la prima a difendere la sua sovranità e i suoi diritti sovrani se riterrà che vengano violati in qualche modo», ha affermato Mitsotakis.

Le tensioni divampano

La Grecia e la Turchia si sono quasi scontrate l’anno scorso quando hanno inviato navi da guerra in aree marittime che consideravano proprie. Sebbene queste scene non si siano ripetute, i due paesi sparano regolarmente su Cipro, contro la quale la Turchia ha posto una sfida consistente per impedire all’isola del Mediterraneo orientale di trivellare per petrolio e gas in mare.

Il governo greco-cipriota riconosciuto a livello internazionale ha rilasciato licenze per l’esplorazione offshore di petrolio e gas, una mossa che, secondo la Turchia, non tiene conto dei diritti della comunità turco-cipriota dell’isola.

Le zone economiche esclusive marittime sono aree marine concordate tra paesi vicini e definiscono i luoghi in cui il paese ha diritti commerciali come il diritto di esplorare gli idrocarburi. Queste aree possono estendersi fino a 200 miglia nautiche (370 km) dalla costa, oppure se l’area del mare è condivisa con un altro paese, la distanza è uguale tra i due.

Ma nel caso di Grecia e Turchia, la questione è complicata dai disaccordi sull’estensione della piattaforma continentale e sui limiti delle loro acque territoriali. La controversia ha bloccato qualsiasi dichiarazione della Grecia di estendere le sue acque territoriali a 12 miglia (19 chilometri) da 6 miglia (9,5 chilometri) nel Mar Egeo.

Venerdì, Mitsotakis ha detto che la Grecia sarebbe pronta ad accordarsi con la Turchia sulla delimitazione delle loro zone economiche in mare.

READ  Come il Messico ha aiutato il Times a far uscire i suoi giornalisti dall'Afghanistan

«La mia porta è sempre aperta, ma questo dialogo presuppone la riduzione delle tensioni inutili», ha detto Mitsotakis.

La Grecia ha firmato accordi che definiscono zone economiche esclusive con paesi vicini come l’Italia e l’Egitto. Ha aggiunto che non c’era motivo per cui non avremmo potuto farlo con la Turchia, a condizione che le tensioni fossero allentate e che un tale approccio sarebbe in definitiva vantaggioso per entrambi i paesi.

I commenti di Mitsotakis non hanno portato una reazione immediata dalla Turchia. Ankara aveva precedentemente affermato di essere aperta a discutere della demarcazione dei confini marittimi con tutti i paesi purché i loro diritti fossero rispettati.