octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il presidente turco Erdogan ha ancora una volta fatto riferimento al Kashmir nel discorso dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ancora una volta fatto riferimento alla questione del Kashmir nel suo discorso ai leader mondiali alla sessione ad alto livello dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Anche l’anno scorso, Erdogan nella sua dichiarazione video preregistrata ha fatto riferimento al dibattito pubblico su Jammu e Kashmir.

L’India all’epoca lo definì “totalmente inaccettabile”, affermando che la Turchia dovrebbe imparare a rispettare la sovranità di altri paesi e riflettere più profondamente sulle proprie politiche.

“Manteniamo la nostra posizione a favore della risoluzione del problema persistente in Kashmir per 74 anni, attraverso il dialogo tra le due parti e nel quadro delle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite”, ha detto Erdogan nel suo discorso al dibattito generale, martedì.

Il presidente turco, stretto alleato del Pakistan, ha più volte sollevato la questione del Kashmir nel suo discorso al dibattito pubblico di alto livello. Ha anche sollevato la questione del Kashmir durante la sua visita in Pakistan lo scorso anno.

Il ministero degli Esteri ha affermato all’epoca che i commenti di Erdogan non riflettevano una comprensione della storia né la condotta della diplomazia e che avrebbero avuto forti ripercussioni sulle relazioni dell’India con la Turchia.

Ha detto che l’India ha respinto i ripetuti tentativi della Turchia di giustificare il terrorismo transfrontaliero “praticato sfacciatamente dal Pakistan”.

Nel suo discorso di martedì, il presidente turco ha anche fatto riferimento alla minoranza musulmana uigura cinese nello Xinjiang e ai Rohingya in Myanmar durante il suo discorso.

“Dal punto di vista dell’integrità territoriale della Cina, riteniamo che dovrebbero essere compiuti maggiori sforzi in termini di protezione dei diritti fondamentali dei musulmani turchi uiguri”, ha affermato Erdogan.

READ  Panico come un grattacielo alto 300 metri vacilla in Cina | Cina

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea insieme a molti altri paesi hanno accusato la Cina di aver commesso un genocidio contro gli uiguri nello Xinjiang ricco di risorse e hanno chiesto un’indagine internazionale da parte di gruppi per i diritti umani. “Sosteniamo anche il ritorno sicuro, volontario e dignitoso dei musulmani Rohingya, che vivono in condizioni difficili nei campi in Bangladesh e Myanmar, alla loro madrepatria”, ha affermato Erdogan.