octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il piano della Cina per costruire più impianti a carbone infligge un duro colpo alle ambizioni della Cop26 britannica | carbone

La Cina prevede di costruire più centrali elettriche a carbone e ha lasciato intendere che ripensierà il suo calendario per ridurre le emissioni, in un duro colpo alle ambizioni del Regno Unito di garantire un accordo globale per eliminare gradualmente il carbone in Vertice sul clima COP26 a Glasgow.

In una dichiarazione a seguito di una riunione della Commissione nazionale per l’energia a Pechino, il premier cinese Li Keqiang ha sottolineato l’importanza di un approvvigionamento energetico regolare, dopo che vaste aree del paese sono sprofondate nell’oscurità. Le interruzioni di corrente colpiscono fabbriche e case.

Mentre Cina Pubblicando i piani per raggiungere il picco di emissioni di carbonio entro il 2030, la dichiarazione lasciava intendere che la crisi energetica aveva spinto il Partito Comunista a ripensare i tempi di questa ambizione, con “un calendario graduale e una nuova tabella di marcia per raggiungere il picco di emissioni di carbonio”.

La Cina ha in precedenza Fanno piani per essere carbon neutral entro il 2060, con un picco di emissioni entro il 2030, dicono gli analisti di un obiettivo Include la chiusura di 600 centrali elettriche a carbone. Anche il presidente Xi Jinping Mi sono impegnato a smettere di costruire centrali a carbone all’estero.

“La sicurezza energetica deve essere la base su cui si costruisce il moderno sistema energetico e va rafforzata la capacità di autoapprovvigionamento energetico”, si legge nel comunicato.

“Data la posizione dominante del carbone nelle risorse energetiche e di risorse del paese, è importante migliorare la pianificazione della capacità di produzione del carbone, costruire centrali elettriche a carbone avanzate in linea con le esigenze di sviluppo e continuare a eliminare gradualmente le vecchie centrali a carbone in un modo ordinato. L’esplorazione di petrolio e gas sarà intensificata. il locale “.

Le ambizioni di Pechino per la produzione di anidride carbonica sono considerate cruciali per la spinta verso le emissioni nette globali di carbonio entro il 2050 e l’adempimento dell’accordo di Parigi del 2015 per limitare l’aumento delle temperature medie a 1,5°C. Ma Li ha detto che Pechino vuole raccogliere nuove prove su quando sarà raggiunto il suo picco di emissioni.

Il comunicato afferma che è stato incaricato “di effettuare studi e calcoli approfonditi, alla luce del recente trattamento delle filiere elettriche e del carbone, per sviluppare un calendario graduale e una tabella di marcia per raggiungere il picco delle emissioni di carbonio”.

Il discorso di Li segue i rapporti secondo cui la Cina ha ordinato alle sue due maggiori regioni produttrici di carbone, Shanxi e Mongolia interna, di combattere la crisi dell’approvvigionamento energetico del paese.

Il rinnovato abbraccio del carbone da parte di Pechino – apparentemente in contrasto con le ambizioni climatiche di Xi – rischia di allarmare nel periodo precedente. poliziotto 26.

Alok Sharma, il capo del Regno Unito nominato per Cop26, ha Ha detto che l’accordo per eliminare gradualmente l’energia dal carbone È l’obiettivo principale del vertice.

George Magnus, ricercatore associato presso il China Center dell’Università di Oxford e autore Bandiere rosse: perché la Cina è in pericolo, ha affermato che Pechino è stata costretta a rivedere i suoi piani di fronte alla realtà dei problemi economici e dei blackout.

Iscriviti alla mail quotidiana di Business Today o segui Guardian Business su Twitter su BusinessDesk

“La Cina è impantanata in una crisi energetica allo stesso modo di noialtri, ma esacerbata dal fatto che la rete e le società elettriche sono soggette a controlli sui prezzi e non possono far passare i prezzi”, ha affermato. “Molti hanno deciso di interrompere la produzione e hanno avuto molti blackout nelle case e nelle aziende. Questo è avvenuto in un momento molto brutto in Cina, inoltre [collapsed property giant] Evergrande e il fallimento della proprietà.

Sono essenzialmente tornati alla loro politica del carbone. Con l’avvento della Cop26 si fa un gran parlare di quanto i cinesi si impegnino a fare zero gol entro il 2050, ma questa è un’altra battuta d’arresto. È successo prima, quando l’economia era debole durante la pandemia, che hanno allentato le restrizioni sull’energia a carbone. Ora lo fanno di nuovo.

“Se i nuovi allentamenti durano alcune settimane, potrebbe non importare molto. Se continua fino al 2022 mentre la Cina si sforza di evitare scarsi risultati economici prima della conferenza principale del PCC 20 nel novembre 2022, gli ottimisti della politica climatica potrebbero dover ripensare definitivamente”.

READ  Garcetti è stato nominato ambasciatore di Biden in India, secondo l'Associated Press