septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il petrolio è sceso del 4% a causa delle restrizioni cinesi sul virus Corona e dell’allerta climatica

  • Il greggio West Texas Intermediate ha toccato il livello più basso da maggio
  • La Cina segnala un aumento di nuovi casi di COVID-19
  • Le importazioni di petrolio greggio della Cina per luglio sono diminuite del 20% su base annua
  • Il panel delle Nazioni Unite lancia gravi avvertimenti sui cambiamenti climatici

LONDRA (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi del 4% lunedì, estendendo le forti perdite della scorsa settimana sulla scia di un dollaro USA più forte e dei timori che nuove restrizioni legate al coronavirus in Asia, in particolare in Cina, potrebbero rallentare la ripresa globale della domanda di carburante .

Il severo avvertimento emesso da un panel delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è aggiunto anche al clima cupo dopo che gli incendi hanno distrutto case e foreste e parti dell’Europa hanno subito inondazioni mortali il mese scorso. Leggi di più

I futures sul greggio Brent sono scesi di $ 2,82, o del 4,2%, a $ 67,88 al barile entro le 09:30 GMT, dopo essere scesi del 6% la scorsa settimana, registrando la loro più grande perdita settimanale in quattro mesi.

I futures del greggio US West Texas Intermediate sono scesi di $ 2,85, o del 4,3 percento, a $ 65,43, dopo essere scesi di circa il 7 percento la scorsa settimana. Lunedì, il contratto è sceso a 65,15 dollari, il minimo da maggio.

“Le preoccupazioni per la potenziale erosione della domanda globale di petrolio stanno riemergendo con l’accelerazione del tasso di infezione delta”, ha detto in una nota l’analista di RBC Gordon Ramsay.

Gli analisti dell’ANZ hanno citato le nuove restrizioni in Cina, il secondo consumatore mondiale di petrolio, come uno dei principali fattori che frenano le aspettative di crescita della domanda.

READ  I futures Dow sono scivolati di 500 punti a causa delle crescenti preoccupazioni immobiliari in Cina

Le restrizioni includono cancellazioni di voli, 46 avvisi di viaggio in città e restrizioni sui trasporti pubblici e sui servizi di taxi in 144 delle aree più colpite.

Lunedì, la Cina ha segnalato 125 nuovi casi di COVID-19, rispetto ai 96 del giorno prima. In Malesia e Thailandia, i contagi stanno stabilendo record giornalieri. Leggi di più

La crescita delle esportazioni cinesi è rallentata più del previsto a luglio dopo lo scoppio dei casi di COVID-19 e delle inondazioni, mentre anche la crescita delle importazioni è stata più debole del previsto. Leggi di più

“Entrambi i contratti (del greggio standard) sembrano vulnerabili a ulteriori cattive notizie sul fronte dei virus, con particolare attenzione alla Cina continentale”, ha affermato in una nota Jeffrey Haley, capo analista di mercato di OANDA.

Le importazioni cinesi di greggio sono diminuite a luglio e sono diminuite drasticamente dai livelli record di giugno 2020. Per saperne di più

L’aumento del dollaro USA a un massimo di quattro mesi contro l’euro ha anche pesato sui prezzi del petrolio dopo che il rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti più forte del previsto di venerdì ha stimolato le scommesse che la Federal Reserve potrebbe muoversi più velocemente per inasprire la politica monetaria degli Stati Uniti.

Un dollaro USA forte rende il petrolio più costoso per i detentori di altre valute.

(Segnalazione di Dmitriy Zhdanikov) Ulteriore segnalazione di Sonali Paul Editing David Goodman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.