mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il partito conservatore potrebbe estromettere Boris Johnson a causa di «Partygate»

Una settimana dopo aver rivelato il comportamento del suo governo durante la pandemia, il primo ministro britannico Boris Johnson sembra sul punto di perdere il sostegno del suo partito tra scarsi numeri di sondaggi e rabbia pubblica.

Le ultime rivelazioni – che Johnson ha partecipato a una festa in giardino con circa 30 ospiti al 10 di Downing Street nel maggio 2020 e che i membri del suo team si sono riuniti per «Venerdì tempo del vino«Regolarmente durante la pandemia – è solo l’ultimo di una serie di Presunte violazioni dei protocolli di blocco del Covid-19 Johnson e membri del suo governo.

Johnson questa settimana si è scusato con i parlamentari per aver violato le regole di blocco e in effetti con la sua amministrazione Di fronte a un’indagine da un alto funzionario del governo In molti altri casi in cui Johnson o membri della sua squadra si sono incontrati socialmente, il che potrebbe infrangere la legge.

Le ultime rivelazioni – inclusa la festa di maggio 2020, che Johnson ha affermato di ritenere un «evento di lavoro» nel giardino e negli uffici del Primo Ministro al 10 di Downing Street – Può essere troppo Per una nazione esausta da quasi due anni di lockdown, soprattutto dopo che quelle regole hanno impedito a molti britannici di vedere i loro cari morire a causa del Covid-19, o di piangere quelle perdite con la famiglia e gli amici.

Rapporti precedenti Intorno a una festa di Natale del dicembre 2020 al 10 di Downing Street, Johnson è stato messo in una posizione scottante il mese scorso e le presunte ulteriori violazioni dei protocolli Covid-19 del Regno Unito hanno aggravato il rischio politico che deve affrontare.

READ  Cambiamento dei sintomi di IHU: cosa sappiamo finora

un Sondaggio YouGov recente mostra che il 40% delle persone che hanno votato affinché il Partito conservatore eleggesse Johnson nel 2019 ora crede che dovrebbe dimettersi; Della popolazione generale, il 63% pensa che dovrebbe.

Gli scandali di questa settimana potrebbero spingere il governo di Johnson oltre il limite

Ci scusiamo questa settimana al Parlamento e la regina di Johnson e 10 Downing Street, rispettivamente, non hanno ancora fatto molto per alleviare la rabbia pubblica dopo quasi due anni di pandemia e il governo Johnson Spesso confuso con l’affrontare il Covid-19. sforzo moderno Dal governo Johnson per fermare la diffusione variabile omicron – Richiedere la prova della vaccinazione per entrare in luoghi di ritrovo sociale come i locali notturni – ha anche indotto molti legislatori conservatori ad allontanarsi da lui, anche prima dello scandaloSpinto dagli ultimi giorni, potenzialmente privando Johnson del supporto di cui avrà bisogno per evitare un voto di sfiducia.

I manifestanti a Downing Street a Londra, in Inghilterra, chiedono le dimissioni di Boris Johnson il 15 gennaio 2022.
Jay Smallman / Getty Images

Il Regno Unito ha affrontato le restrizioni che causano l’infezione, chiusuree sistemi, piani e livelli mentre il governo ha tentato di affrontare la crisi del Covid-19. Come l’ex presidente Donald Trump, anche Johnson Criticare a Lunga attesa per introdurre misure di blocco e promesse eccessive sulla capacità della nazione di contenere il virus. I quattro paesi del Regno Unito – Inghilterra, Scozia, Irlanda del Nord e Galles – hanno regole diverse e l’Inghilterra le ha recentemente adottate. misure più severe A causa della maggiore trasmissibilità della variante omicron e dello stress previsto sul SSN.

Anche scandali molto pubblici e malcontento molto pubblico per le ricadute del Covid-19 potrebbero non essere sufficienti per rovesciare Johnson, che è sopravvissuto a una serie di insidie ​​anche prima della crisi del Covid-19, tra cui Accuse di corruzione Scambiare promesse politiche con un donatore in cambio di denaro per rinnovare il suo appartamento e Giacente A proposito di soldi risparmiati dalla Brexit finanziati dal SSN.

Tuttavia, i conservatori, e lo stesso Johnson, sono in ritardo nei sondaggi dell’opinione pubblica. di recente Sondaggio YouGov È emerso che il 72% dei britannici aveva un’opinione sfavorevole di Johnson, ben lontana dalla sua vittoria schiacciante 2019.

un L’ultimo sondaggio del sondaggista britannico Savanta Comres Il Labour ha anche mostrato un guadagno di 10 punti contro i conservatori, dando al Labour la più grande quota di voti prevista dal 2013. Questo si aggiunge ad altri inquietanti indicatori per i conservatori di Johnson: nelle elezioni di dicembre a Shropshire settentrionaleIn Inghilterra, il Partito conservatore ha perso un seggio che aveva detenuto per un secolo a causa della politica liberaldemocratica, Helen Morgan. La sua vittoria è stata ampiamente vista come un duro colpo per il governo Johnson, soprattutto dopo che l’ex parlamentare, Owen Patterson, ha rassegnato le dimissioni a novembre per violazioni dell’etica nonostante i tentativi di Johnson di mantenerlo in carica.

Cosa verrà dopo per il governo Johnson?

Mentre 10 Downing Street Ha esortato i legislatori Tory ad attendere i risultati dell’indagine di Gray prima di decidere un voto di sfiducia, e quei risultati non sono attesi almeno fino alla prossima settimana. Tuttavia, Johnson sta già affrontando richieste per il suo licenziamento, che potrebbe arrivare prima piuttosto che dopo.

Il leader del Partito conservatore scozzese Douglas Ross è stato in prima linea nel chiedere a Johnson di dimettersi, dicendo di aver avuto una «conversazione difficile» con Johnson mercoledì dopo il periodo di interrogatorio e le scuse di Johnson, Secondo la BBC. Ross ha indicato che avrebbe richiesto formalmente un voto di sfiducia a Johnson.

Anche altri parlamentari conservatori hanno chiesto a Johnson di dimettersi, ma un voto di sfiducia richiede che almeno 54 membri del partito richiedano formalmente il voto inviando lettere ufficiali a un gruppo parlamentare chiamato Comitato 1922.

Quella soglia deve ancora essere superata, ma quando i parlamentari si incontrano con i loro collegi elettorali questo fine settimana, potrebbero farsi avanti con ulteriori richieste. Piace Di Lauren Koenzburg, corrispondente della BBC Venerdì, è stato riferito che i parlamentari avevano già ricevuto telefonate ed e-mail arrabbiate da persone nelle loro regioni, chiedendo a Johnson di dimettersi. Con assoluta indignazione, «Potrebbe finire tutto lunedì», ha detto a Queensburg un anonimo vice senior.

Il leader laburista Keir StarmerJohnson, il principale avversario di Johnson, ha anche esercitato pressioni su Johnson esentato.

Se i conservatori hanno avuto la possibilità di tenere un voto di sfiducia, ciò non significa che Johnson se ne sia automaticamente uscito. Oltre a ottenere 54 lettere di richiesta di sfiducia, la maggior parte dei parlamentari conservatori – C’è 360 – Dovrà votare per trovare un altro leader, Secondo il New York Times. Tuttavia, il numero di lettere che chiedono il voto di sfiducia è mantenuto riservato fino al raggiungimento della soglia di 54 richieste.

Se Johnson fosse stato costretto a lasciare a causa della sua gestione della pandemia, non sarebbe stato il primo; Domenico CummingsJohnson, un ex consigliere capo, è stato licenziato nel novembre 2020 dopo aver litigato con Johnson per la sua gestione della pandemia. Allegra StrattonL’ex addetta stampa si è dimessa a dicembre dopo che un video la mostrava scherzare su una festa di Natale in isolamento, e l’ex segretario alla Salute Matt Hancock si è dimesso dopo video È emerso a luglio mostrandolo che infrangeva le regole di distanziamento sociale mentre era impegnato in una relazione extraconiugale con un collega.

Ma è improbabile che Johnson si arrenderà facilmente, Lo scrive Koensberg della BBC, E Questo non è il primo scandalo che ha dovuto affrontare. Nonostante l’importanza della protesta pubblica, il partito di Johnson non è ancora alleato su ciò che dovrebbe venire dopo – e indipendentemente dall’esito del rapporto Gray, sbarazzarsi di Johnson potrebbe essere una battaglia in salita senza uno sforzo determinato da parte del suo governo, uno il ministro del governo ha detto a BP.C, soprattutto perché sembra intenzionato a rimanere.

«È molto difficile sbarazzarsi di un leader che non vuole andarsene», hanno detto.