octubre 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il miglior angolo d’Italia di cui non hai sentito parlare: le Marche

A una cena Fattoria Ramus, Pavlo Siccioli Ho guardato felicemente mentre passavo 30 secondi a radere un cibo nero sulla mia pasta. (Non ho esagerato, ho il video dell’iPhone per dimostrarlo.) Questo è tutto Primo corso, A metà cena, tutte e tre le portate includevano una sontuosa quantità di generi alimentari, con ogni cena e persino colazione uguali durante il soggiorno.

Punta Drifles di Sifioli agriturismo (Un ostello particolarmente italiano legato all’agricoltura e alla gastronomia), una bella casa un tempo di proprietà dei suoi nonni in queste montagne intorno all’Ascoli Piceno nelle Marche nella parte centro-orientale dell’Italia. All’inizio degli anni 2000, ha lavorato come esportatore di cibo bianco e nero nella sua regione nei ristoranti di Londra e nel Borough Market. I suoi clienti includono Jamie Oliver, Giorgio Locatelly, Gordon Ramsay e Raymond Blanc.

Anche il famoso chef televisivo (e mentore di Oliver) Jennaro Codoldo ha deciso di trascorrere un po’ di tempo a casa in Italia per una puntata del suo famoso programma. Guardare le scene è stato sufficiente per far tornare a casa Sicioli, che è tornato nelle Marche nel 2005 e ha iniziato a ristrutturare una casa pianificata in due anni.

Ha scelto materiali locali originali come la terracotta e la pietra locale per i pavimenti dei bagni di sei camere da letto, in cui ha amato e curato. In seguito lo chiamò Ramus baccaTorrento (Nei colloquiali delle forze locali), cioè, dice: “Amico, andiamo, amico”.

Sì, accoglie gli ospiti come amici e poi escono insieme. Quasi tutti i pomeriggi, va a caccia di generi alimentari, con i suoi piccoli cani da caccia eccitati. Può usare il lusso di 30 secondi di cibo rasato alla cena di ogni ospite e ogni giorno durante le festività estive.

Ho conosciuto Sicioli tramite il suo amico Moreno Morelli, titolare del tour operator Italianismo Ed è orgoglioso di portare gli ospiti fuori dai sentieri battuti e nelle parti meno visitate del suo paese, facendolo con maggior lusso e stile. Le Marche gli stanno particolarmente a cuore perché proviene dal vicino paese di Comunità, dove la sua famiglia ha ancora un’azienda agricola.

“Le Marche sono un luogo non scoperto per gli americani”, dice. “Agricoltura, artigianato e vita locale sono un piccolo gioiello dal classico percorso turistico con il giusto ritmo.”

Aggiungerò la natura a quella lista. I Monti Sibillini sono bellissimi, e comprendono escursioni a piedi e in bicicletta Anello grande Il percorso ad anello, che è lungo circa 120 chilometri e attraversa tanti bei paesini. Ci sono anche una varietà di belle montagne agriturismi, Eccetera. Le Castella, La comproprietaria Nadia Puratti accompagna gli ospiti in escursioni guidate e P&P Borgofordino, Il suo proprietario, Sergio Coridoni, produce anche dell’ottimo miele.

Stavo facendo un’escursione con Protie quando stava passando da uno dei suoi vicini di casa mentre veniva trascinato sul vialetto della sua casa di campagna. Ha invitato tutti in questo cortile, dove ha portato biscotti e grandi brocche di vino (11:00) e ci ha servito caffè e un pranzo completo. I biscotti erano deliziosi, ma la generosità di quell’accoglienza è stata ancora migliore.

La bella Ascoli Piceno, città più antica di Roma, è l’opposto di tutta quell’antichità. Gran parte della città che esiste oggi risale al Medioevo, e vengono celebrate ogni estate con un vero e proprio festival saltellante. La più grande differenza della bella città è che ci sono pochissime torri che ora facevano parte delle case delle famiglie ricche. I vicini gelosi hanno bussato alle loro torri per farle sembrare più interessanti.

Il traguardo più recente Caffè Melodia, Si trova in un angolo della piazza principale (una delle più belle d’Italia) da oltre 100 anni. L’edificio era in passato un ufficio postale e ospita dipinti di giornali e francobolli del XIX secolo. Oltre a ciò, è stato progettato in stile Liberty come reazione decorativa allo sviluppo industriale all’inizio del XX secolo. (Pensa alle colonne splendidamente scolpite in ghisa.)

Anche se il cibo è molto buono (che è elencato nella guida Michelin), vai qui per quell’ambiente all’interno, sulla terrazza e soprattutto sul tetto. È alla pari con i numerosi caffè di Parigi e Vienna.

Stanno venendo per la storia: questo è un primo progetto imprenditoriale. Il proprietario originario, Silvio Meleti, lo aiutò ad acquistarlo e configurarlo dalla vendita di liquore all’anice. Un altro dipinto, vicino all’ingresso, raffigura il fiore dell’anice.

L’ospitalità è molto diversa da quella che vedi agriturismi. Questo è un altro piano temporale, realizzato secondo standard diversi. Ma Meleti aveva qualcosa in comune con Sicoli e Moretti: sognare in grande, creare qualcosa di bello utilizzando ciò che lo circonda, accogliere ospiti da tutto il mondo e far conoscere loro il piccolo angolo d’Italia.

READ  La nostra passeggiata di nove miglia preferita realizzata con il marchio Idly Shoe!