septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il Messico seppellisce i reperti archeologici a causa dei costi del virus

CITTÀ DEL MESSICO (AFP) – I costi per affrontare la pandemia di coronavirus hanno costretto gli archeologi messicani a seppellire nuovamente un ritrovamento insolito che combina caratteristiche coloniali e pre-spagnole.

L’Istituto nazionale di antropologia e storia ha annunciato nel 2019 di aver trovato un tunnel per il controllo delle inondazioni alla periferia di Città del Messico che utilizzava tecniche di costruzione spagnole ma vi scolpiva simboli aztechi.

L’istituto stava progettando di allestire una mostra dello strano tunnel, che sembra essere stato costruito all’inizio del XVII secolo. Sostituì il precedente sistema di controllo delle inondazioni azteco costruito nel XIV secolo per proteggere Città del Messico, allora un’isola circondata da lagune poco profonde, dalle periodiche inondazioni. Dopo che gli spagnoli conquistarono la capitale azteca nel 1521, distrussero parti del sistema pre-spagnolo.

Ma l’istituto ha detto giovedì che gli archeologi semplicemente copriranno di nuovo i reperti con la terra, sperando che un giorno avrà abbastanza soldi per costruire una mostra per questo.

In una nota, l’istituto ha affermato: “Bisogna tener conto che l’emergenza sanitaria COVID-19 in tutto il mondo ha costretto tutti i livelli di governo a dare priorità allo stanziamento di fondi per l’assistenza sanitaria della popolazione. Per questo motivo il progetto archeologico ha dovuto essere rimandato”.

Il Messico ha dovuto espandere il suo sistema ospedaliero tristemente inadeguato e acquistare vaccini e medicinali per far fronte alla pandemia, provocando 237.626 decessi confermati dai test. Poiché lo stato non ha voluto acquistare un gran numero di test, molte persone sono morte senza essere state testate e si ritiene che il vero bilancio delle vittime sia di circa 360mila.

READ  Razzi lanciati dal Libano contro Israele, Hezbollah rivendica la responsabilità

Il tunnel è stato scoperto in un vecchio muro di controllo delle inondazioni durante la costruzione di una linea di servizio di autobus a corsia stretta.

Gli esperti ipotizzano che i simboli preispanici potrebbero essere stati collocati nel muro perché i lavoratori indigeni erano la principale forza lavoro durante la sua costruzione.

La pietra scolpita dell’era preispanica veniva talvolta utilizzata nelle chiese e nelle case dell’era coloniale, in parte perché gli spagnoli usavano le rovine delle strutture demolite originali come materiali da costruzione. Tuttavia, le pietre azteche trovate nel tunnel sembrano essere ben visibili e deliberatamente visualizzate nella struttura.