septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il mercato BPA italiano vede accordi a breve termine in mezzo alla volatilità dei power spot

Federica di Sario

Londra (ICIS) – Gli azionisti hanno affermato che i player italiani delle rinnovabili sosterranno gli accordi di acquisto di energia a breve termine (BPA) a contratti a lungo termine a causa della volatilità del mercato all’ingrosso.

I PPA sono generalmente contratti a lungo termine firmati tra un generatore rinnovabile e un’utilità o un grossista per la fornitura di elettricità.

Regola breve VS regola lunga

Stefano Gavriani, fondatore e direttore di EGO Business, una società italiana specializzata nella copertura del BPA, ha affermato che la crescente discrepanza tra PowerSpot e i prezzi previsti del BPA potrebbe rafforzare le ragioni per contratti più flessibili e a breve termine.

“Attualmente prevediamo che l’impianto FV di 10 anni sarà nell’intervallo 45-50 / MWh”, ha affermato. Restano invece stabili i prezzi giornalieri italiani sopra i 100€/MWh.

Se il trend positivo continua da quel momento in poi, “è facile evitare di fissare un prezzo fisso e perseguire invece contratti a breve termine per un massimo di due o tre anni”.

In passato, i PPA avevano tra i 10 ei 25 anni. Le aspettative BPA di Gavriani si basano su uno sconto del 20-25% sul prezzo totale del carico di base.

Laurent Sekalan, un banchiere di investimenti per l’energia pulita e membro del consiglio di amministrazione del sito PPA Geco, ha riconosciuto che nel tentativo di mitigare il rischio, i potenziali acquirenti aziendali hanno espresso il desiderio di chiusure a breve termine.

Ma ha aggiunto: “Non ci sono stati cambiamenti significativi in ​​termini di durata negli ultimi mesi sulla piattaforma di GeCo, con la durata media europea di 11,5 anni”.

Un’altra incertezza è l’aumento del rischio di cannibalismo, soprattutto al sole.

READ  Jaisankar incontra persone provenienti da Corea, Italia e Australia sulla pagina UNGA

Secondo il Piano nazionale per l’energia e il clima, entro il 2030 saranno in linea un totale di 50 GW di capacità di energia solare e la capacità fotovoltaica italiana potrebbe aumentare fino a oltre 27 GW, mettendo in pericolo il cannibalismo.

Inflazione disabilitata, assicurazione alta

Nel frattempo, il continuo aumento dei prezzi del gas naturale e dell’elettricità non ha alimentato i prezzi del PPA.

“Poiché si tratta di contratti a lungo termine, i prezzi sono elevati a causa dei costi di costruzione (ad esempio moduli solari e turbine), costi logistici e cambiamenti nella politica nazionale ed europea”, ha affermato Sekelen.

Ha aggiunto: “I prezzi dei blocchi fotovoltaici sono aumentati di circa 3-5 / MWh in tutta l’Europa occidentale, con il prezzo medio di offerta PPA che ha raggiunto € 50,30 / MWh”.

Questo è molto più basso degli attuali prezzi spot. I dati delle transazioni GME mostrano la media mensile più alta mai registrata, con il PUN Day-Front Average italiano in media di 111,60 €/MWh, da agosto ad oggi.

Market Party Vs Actions, Caso Italiano

Come ogni strumento finanziario, i PPA affrontano la concorrenza dei fondi statali, offrendo agli sviluppatori in Italia un prezzo fisso per 20 anni.

Ciò “dimostra che il potere contrattuale degli inserzionisti è troppo forte per i parchi solari su terreni agricoli, che non possono beneficiare dell’assistenza finanziaria pubblica”, ha affermato Carlotta Pianderi, co-fondatrice di Aurora Research Energy.

“Ma per tutti gli altri asset, l’attesa estensione delle gare potrebbe avere un impatto negativo sul mercato domestico dei PPA”, ha aggiunto Pianderi.

Sebbene originariamente chiuse nel 2021, le aste rinnovabili in Italia potrebbero essere estese per altri cinque anni, secondo le promesse fatte dal Ministero del Cambiamento Ambientale in risposta alle richieste degli azionisti.

READ  "Undertarks" non può scrivere il Galles contro l'Italia - James

Dal suo lancio nel 2019, il progetto è stato lento nel portare in linea 7,9 GW di energia rinnovabile a causa dei pesanti oneri amministrativi.

“Se il permesso non è regolamentato, il progetto sarà raramente concorrenziale”, ha detto Pianderi. Tuttavia, i programmi collaudati con successo offrono contratti per una differenza che consentono profitti più elevati rispetto ai PPA.

Per ora, il ritorno sugli introiti delle sovvenzioni statali sarà un driver essenziale delle scelte di investimento.

“Non conosco operatori che abbiano scelto l’assoluta parità di mercato, rifiutando la possibilità di accedere agli incentivi”, ha concluso Gavriani.