diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il leader del gruppo dell’ospedale dell’Alaska descrive il «punto di svolta» con un minor numero di ricoveri COVID-19 mentre l’impatto della sovrappopolazione continua

Martedì i ricoveri ospedalieri per COVID-19 hanno continuato a diminuire in tutto lo stato, suscitando ottimismo da parte del presidente dell’Alaska Hospital Association dopo mesi di grave stress e tensione sulle strutture sanitarie.

«Sembra che siamo a un punto di svolta», ha affermato Jared Kosen, presidente e CEO dell’Alaska State Hospital and Nursing Home Association, notando un calo dei ricoveri ospedalieri COVID-19 nell’ultima settimana e mezza.

«Riteniamo che la situazione (negli ospedali) stia diventando gestibile in un modo che non accadeva da molto tempo», ha detto.

I dati del dashboard del governo hanno mostrato che c’erano 131 persone in ospedale con COVID-19 entro martedì, con circa il 14,4% dei pazienti ricoverati nello stato considerati casi attivi. Ciò rappresenta una diminuzione significativa rispetto all’alto tasso di trattamento per più di 200 persone in ospedale Da settembre.

Il Fairbanks Memorial Hospital ha annunciato martedì che sta lavorando per abrogare gli standard di crisi in vigore dall’inizio di ottobre. Health Partners ha affermato in una dichiarazione che il ritorno a un livello di assistenza «di emergenza» meno stressante è stato un riflesso dei tassi di ospedalizzazione più bassi, sia nella struttura che in tutto lo stato, che hanno migliorato la capacità e reso più facile il trasferimento dei pazienti in altri ospedali quando necessario.

Gli effetti dell’ultima ondata di virus sono ancora in fase di conferma: l’Alaska martedì ha riportato altri 28 decessi correlati al virus che sono stati identificati attraverso una revisione dei certificati di morte. Ci sono stati 22 decessi a ottobre, altri cinque a settembre e uno ad agosto.

di lunedi, Lo stato ha riportato 53 morti a causa del virusLa maggior parte è successo a settembre.

Martedì il dipartimento della salute dello stato ha anche segnalato 387 nuovi casi di COVID-19. Il numero di casi è in calo rispetto ai massimi registrati in Alaska poche settimane fa, ma i numeri sono ancora relativamente alti se si considera l’epidemia in generale.

Il tasso di casi di sette giorni dell’Alaska – 546 per 100.000, o circa 3 volte e mezzo la media nazionale – rimane il più alto tra gli stati degli Stati Uniti, secondo i dati di Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

[New Alaska data traces disproportionate experiences of COVID-19 by race, gender and vaccination status]

A partire da luglio, un’ondata virale guidata da una specie delta altamente contagiosa ha causato un picco di ricoveri e decessi in Alaska e ha travolto il sistema sanitario fino al punto di rottura. Settembre e ottobre 2021 sono stati finora i mesi più letali per l’epidemia, Dati nazionali Martedì pomeriggio.

Mentre gli standard di cura erano crisi È ancora ufficialmente attivato In quasi 20 ospedali dell’Alaska, Kosin ha affermato che il calo del numero di pazienti con coronavirus significa che le strutture non hanno dovuto agire secondo questi standard almeno nell’ultima settimana e mezza.

Il passaggio agli standard di crisi è spesso visto come lo scenario peggiore. Hanno lo scopo di fornire orientamento e tutela della responsabilità per gli operatori sanitari che lavorano con risorse estremamente scarse.

«Se questa tendenza continua a reggere, prevediamo la disattivazione degli standard di assistenza in caso di crisi», ha affermato Kosen.

L’ultimo conteggio dei casi fa anche parte di una traiettoria discendente nei casi in Alaska di recente, diverse settimane dopo che i numeri giornalieri si sono stabilizzati.

[Alaska coronavirus Q&A: Answering parents’ questions about vaccinating children]

Le nuove morti segnalate includevano: una donna Kotzebue sulla sessantina; sei uomini di Fairbanks, di cui due ultraottantenni, due settantenni e due cinquantenni; uomo di Anchorage sulla settantina; Donna di Anchorage sulla sessantina; otto donne Wasilla, tre di ottant’anni o più, una di settant’anni, tre di sessanta e una di cinquant’anni; Sei persone Palmer, tra cui tre uomini sulla ottantina o più, un uomo e una donna sulla settantina e una donna sulla sessantina; Soldotna sulla sessantina; l’uomo di Homer sulla ottantina; una donna sulla cinquantina di un’area censita a Dillingham; Una donna Kodiak di 80 anni o più; E l’uomo di Giunone è sulla sessantina.

I decessi per COVID-19 non compaiono sempre immediatamente nei dati sui virus di stato. A volte non compaiono fino a dopo che i funzionari sanitari hanno esaminato i certificati di morte, un processo che a volte può richiedere Molte settimane.

Le agenzie governative fanno affidamento su certificati di morte Per segnalare i decessi per COVID-19. Se un medico ritiene che un’infezione da COVID-19 abbia contribuito alla morte di una persona, sarà inclusa in Il certificato di morte finalmente promesso In un conteggio ufficiale dello stato, dicono i funzionari sanitari.

La parte dei test COVID-19 che ha mostrato risultati positivi è stata del 7,69% a partire da martedì in base al rollover medio di sette giorni, in calo rispetto a un picco del 10,9% a metà ottobre.

READ  Dopo aver raggiunto il 50% delle infezioni da COVID-19, non "muovere l'ago" in Wisconsin