julio 31, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il gruppo italiano del lusso Jegna si quota in borsa con un accordo da 3,2 miliardi di dollari

Il gruppo italiano della moda di lusso Ermenegildo Jegna sta collaborando con una società statunitense di acquisizioni di scopo speciale per dare un valore aziendale di $ 3,2 miliardi e integrare l’industria del lusso.

Dalla sua fondazione nel 1910, Jegna, un’azienda a conduzione familiare, ha raccolto $ 880 milioni con una punta di diamante guidata da Sergio Ermoti, fondatore del gruppo di private equity europeo InvestIndustrial ed ex amministratore delegato di UPS.

Una parte dei fondi raccolti aiuterà Jegna a investire nella sua attività di abbigliamento maschile e fornirà ai vigili del fuoco per dare la caccia ad altri marchi che costituiscono l’acquisizione da $ 500 milioni del marchio di lusso statunitense Tham Brown nel 2018.

Il 65enne amministratore delegato Guildo Jegna ha dichiarato al FT: “Avremmo potuto essere liberi per altri 100 anni. Ma questo momento è rilevante, il mondo è cambiato molto e il lusso è diventato più impegnativo. “

In un’intervista prima dell’epidemia, Jegna ha affermato di non essere interessato a portare con sé uomini d’affari: “L’occasione è arrivata e ne abbiamo approfittato. La dimensione è importante. . . Con il partner giusto. . . Possiamo fare un ottimo lavoro se si presentano nuove opportunità. “

La decisione sulla quotazione è in netto contrasto con il percorso intrapreso da molti marchi di lusso indipendenti a conduzione familiare – prima che l’epidemia distruggesse il settore – vendendolo a grandi società o investitori privati.

Il marchio di lusso italiano a conduzione familiare Etro è destinato a diventare l’ultimo a seguire questa tendenza lunedì, con la società di private equity El Caderton, sostenuta da LVMH, che dovrebbe assicurarsi una quota di maggioranza nella sua attività del valore di $ 500 milioni.

READ  L'Italia sostiene le aspirazioni europee dell'Ucraina - FM de Mio

Secondo i termini della transazione Jagna, la famiglia venderà una parte delle proprie azioni e deterrà una quota del 62 percento nella società consolidata, che è valutata 2,5 miliardi di dollari per azione.

Ermenigildo Jegna a Londra: questo gruppo si è precedentemente rifiutato di diventare pubblico © Jason Alton / Bloomberg

Di queste entrate, Investor Industrial Acquisition Corp, una società quotata a New York, ha raccolto 250 milioni di dollari dal Jegna Consortium e da investitori privati.

Altri 5.225 milioni di dollari arriveranno da InvestIndrial, società di investimento guidata da Andrea Ponomi, una volta finalizzato l’affare. Bonomi, erede di una famiglia industriale italiana, si è avvicinato a Jegna da gennaio per negoziare un accordo dopo diversi mesi di trattative.

Investire in Jegna fornirà una quota dell’11% in InvestIndustrial, insieme alle azioni che riceverà come sponsor di Spec. InvestIstrial si è impegnata a bloccare le azioni acquistate attraverso il suo investimento per tre anni.

Jegna è stata fondata dal nonno di Guildo, Ermenegildo, come fornitore di tessuti di lusso nella città di Treviso, nel nord Italia.

L’azienda è nota per le migliori valigie da uomo sin dagli anni ’60 ed è stata uno dei primi gruppi di lusso ad entrare in Cina nel 1991, stabilendo presto il riconoscimento del marchio e, soprattutto, sviluppando solide relazioni con i proprietari terrieri che ora sono il suo più grande mercato.

Poiché la domanda di abiti da uomo è diminuita negli ultimi anni, l’azienda si è concentrata su cose che Guildo Zegna descrive come “tempo libero di alta classe” e ha investito nella sua catena di approvvigionamento “acquisto di capre” poiché altri hanno venduto le loro fabbriche esclusivamente per concentrarsi. Progettazione, marketing e commercializzazione.

Ha detto a Sekna FT che il gruppo ha portato il marchio ulteriormente nel mercato e ha raddoppiato le vendite da quando ha acquistato Brown. Con oltre 6.000 dipendenti, Jegna ha uno stretto rapporto con Chanel, Tom Ford e Gucci, che fornisce abbigliamento.

Anche il cugino di Guildo Pavlo, la sorella Anna e i due figli Edordo e Angelo lavorano per l’azienda. Alla domanda se la decisione di quotare le sue azioni potesse essere vinta da un dirigente esterno alla famiglia Jegna dopo Guildo, Bonomi ha risposto che essere il prossimo amministratore delegato era una “cosa giusta da fare”, ma ne sarebbe valsa la pena.