octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il governo sottrae 597 milioni di shekel. Dall’Autorità Palestinese su “Pagare il prezzo di uccidere”

Il Gabinetto di Sicurezza ha autorizzato la detrazione dell’importo Autorità Palestinese Paga i terroristi e le loro famiglie con le tasse e le tariffe che Israele riscuote per Ramallah.

Lo sconto è arrivato a 597 milioni di NIS, che secondo l’Ufficio nazionale per il finanziamento del terrorismo del ministero della Difesa è il totale dei fondi dell’Autorità palestinese che sono andati a sostegno indiretto del terrorismo nel 2020.

Il finanziamento dei terroristi da parte dell’Autorità Palestinese è aumentato dal 2019, quando hanno stanziato 517,4 milioni di NIS. a lei.

Il Consiglio dei Ministri ha autorizzato la lettura della relazione e, secondo la legge, il Ministero delle finanze può iniziare a detrarre 1/12 dell’importo ogni mese.

L’Autorità Palestinese paga ai terroristi condannati e alle famiglie delle persone uccise durante atti terroristici un pagamento mensile. I terroristi viventi ricevono una pena detentiva più dipendente, il che significa che più grave è il crimine – più morti e feriti saranno gli israeliani – più ne ricevono ogni mese.

Il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas ha mantenuto questa politica nonostante le deduzioni israeliane, così come il divieto degli Stati Uniti di fornire aiuti all’Autorità palestinese finché continuerà.

Legge sugli sconti, nota anche comePaga per la legge sull’omicidio murderEmesso nel 2018, richiede al Ministro della Difesa di fornire al Gabinetto di Sicurezza informazioni su quanto l’AP paga ogni anno i terroristi e le loro famiglie.Il Ministero delle Finanze deve quindi detrarre questi soldi dalle tasse e dalle tariffe che Israele riscuote per l’AP su base mensile, in base all’importo pagato dall’Autorità Palestinese ai terroristi nell’anno precedente, diviso per 12.

Tutte le importazioni verso l’Autorità Palestinese passano attraverso i checkpoint israeliani e Israele riscuote l’imposta sul valore aggiunto e le tariffe per l’Autorità Palestinese, in conformità con gli Accordi di Oslo. Questo denaro è la più grande fonte di reddito per l’Autorità Palestinese. Israele riscuote anche i soldi delle tasse sul reddito e dell’assicurazione sanitaria per i palestinesi che lavorano per gli israeliani.

READ  Medici indonesiani malati nonostante il vaccino cinese Sinovac: aggiornamenti COVID