noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il genoma umano si sovrappone principalmente ai Neanderthal e ad altri antenati umani

Agli umani piace pensare di essere speciali, ma i nostri geni suggeriscono che questo è tutt’altro che vero.

Non più del 7% del genoma umano è unico di Homo sapiens, secondo, uno studio È stato pubblicato venerdì sulla rivista Science Advances.

Condividiamo i frammenti rimanenti del nostro materiale genetico con altri antenati umani, o ominidi, inclusi i nostri cugini Neanderthal e Denisova che furono scoperti per la prima volta nell’Asia orientale.

«L’albero genealogico evolutivo mostra che ci sono regioni nel nostro genoma che ci rendono unicamente umani», ha detto a Insider Richard Green, direttore del laboratorio di paleobiologia presso l’Università della California, Santa Cruz e coautore del nuovo studio. «Ora abbiamo un indice di quelli, che è una parte sorprendentemente piccola del genoma».

Gli antropologi sapevano già che i nostri antenati erano ominidi Tutta l’interazione e la riproduzione Lo scambio di geni e le tecnologie della pietra che hanno cambiato il corso dell’evoluzione della nostra specie. Ma queste nuove scoperte sottolineano ulteriormente la frequenza con cui tale mescolanza si è verificata negli ultimi 300.000 anni circa, dall’apparizione del primo gruppo conosciuto di esseri umani moderni.

«Ovunque guardiamo, il mixaggio non è affatto l’eccezione, ma la regola», ha detto Green.

Le prove genetiche suggeriscono che i nostri antenati si siano incrociati con misteriosi ominidi

Famiglia di Neanderthal

Una mostra che mostra la vita di una famiglia di Neanderthal in una grotta al Museo Neo-Neanderthal nella città settentrionale di Krapina, Croazia, 25 febbraio 2010.

Reuters / Nikola Sulic ل


Per costruire l’albero genealogico degli ominidi, il team di Greene ha sequenziato e confrontato i genomi di 279 umani moderni, campionati da persone provenienti da tutto il mondo, con gli antichi genomi di un Denisoviano e di due Neanderthal. Successivamente, i ricercatori hanno utilizzato un algoritmo informatico per determinare in che modo ciascuno di questi individui si relazionava tra loro.

Lo strumento di analisi, che Green ha affermato che ha impiegato anni per svilupparsi, ha aiutato a distinguere quali parti del genoma umano sono prive di mescolanza, il che significa che queste combinazioni di geni non si vedono nei Neanderthal o nei Denisova.

L’algoritmo ha anche evidenziato i geni che gli umani hanno ereditato dai loro antenati più anziani, vissuti circa 500.000 anni fa, e che alla fine hanno dato origine alla nostra specie, ai Neanderthal e ad altri ominidi.

Green ha aggiunto che i risultati dello studio indicano che misteriosi gruppi di antenati umani che non sono stati ancora scoperti dagli scienziati potrebbero essersi incrociati con Neanderthal e Denisova prima che queste specie si mescolassero con gli umani moderni.

I geni unici degli umani sono legati all’evoluzione del nostro cervello

Il lavoro del laboratorio mtDNA di Denisovan

Uno scienziato che lavora in un laboratorio del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology analizza il DNA antico.

Istituto Max Planck per l’antropologia evolutiva


I ricercatori hanno già identificato molti dei geni umani risultanti da tentativi tra specie diverse, ma questo è il primo studio a identificare con precisione regioni di geni che erano completamente prive di mescolanza, secondo Green.

Green ha affermato che il suo gruppo ha scoperto che queste regioni uniche del nostro genoma sono «incredibilmente ricche di geni coinvolti nel neurosviluppo».

Mentre i Neanderthal avevano teste altrettanto grandi, se non più grandi, degli umani, le dimensioni del cranio non ci dicono molto su quanto bene funzionasse il loro cervello rispetto al nostro.

«Ora sappiamo che le cose negli esseri umani hanno a che fare con la funzione cerebrale», ha detto Green.

Lo studio ha scoperto che la maggior parte di questi geni umani unici è emersa durante due diversi periodi di evoluzione: uno verificatosi 600.000 anni fa e l’altro 200.000 anni fa.

Una di quelle onde evolutive potrebbe aver posto le basi genetiche per la comunicazione umana, ha detto Green.

«È molto allettante ipotizzare che uno o più di questi impulsi abbiano avuto quello che fa lo straordinario comportamento sociale degli umani, mediato in gran parte dal nostro controllo esperto della parola e del linguaggio», ha detto.

READ  Strawberry Moon 2021: come fotografare una luna piena gigante sul tuo telefono o fotocamera | Fotografia