septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il fisico premio Nobel Stephen Weinberg muore a 88 anni

Il fisico Stephen Weinberg, vincitore del Premio Nobel 1979 insieme ad altri due scienziati per i loro contributi separati alla risoluzione dei misteri delle microparticelle e della loro interazione elettromagnetica, è morto all’età di 88 anni. Università del Texas Ad Austin ha detto sabato.

Weinberg, professore all’università dagli anni ’80, è morto venerdì ad Austin, in Texas, ha detto la portavoce dell’Università dello Utah, Kristin Sinatra. Il fisico è stato ricoverato in ospedale per diverse settimane, ma la causa della morte non è stata rivelata, secondo Sinatra.

“La morte di Steven Weinberg è una perdita per l’Università del Texas e per la comunità”, ha dichiarato il presidente dello Utah Guy Hartzel in una nota.

“Il professor Weinberg ha svelato i misteri dell’universo a milioni di persone, arricchendo il concetto di natura dell’umanità e il nostro rapporto con il mondo”, ha aggiunto Harzl.

Evitando le dimensioni della Piramide di Giza, il Taj Mahal passa “vicino” al suolo

Nel 1979, Weinberg ha condiviso il Premio Nobel per la fisica con gli scienziati Abdus Salam e Sheldon Lee Glashaw. Il loro lavoro migliora la comprensione di come tutto nell’universo è connesso, secondo una dichiarazione di UT.

Sean Carroll, fisico teorico del Caltech, ha affermato che il lavoro ha aiutato i fisici a unire due delle quattro forze della natura, le forze subatomiche note come forze nucleari.

“Si tratta di comprendere le leggi della natura a un livello profondo”, ha detto Carroll, “siamo creature curiose e vogliamo sapere come funziona l’universo intorno a noi”.

Il lavoro di Weinberg si basa su quello di Albert Einstein, secondo il fisico della teoria delle stringhe della Columbia University Brian Green.

READ  La NASA condivide le prime immagini del telescopio spaziale Hubble dopo il mistero

“L’idea era che tutte le forze della natura potessero in effetti essere la stessa forza… questo era il sogno di Einstein, che tutto potesse essere perfetto”, ha detto Green. Ha portato avanti questa idea. Ha spinto questa idea in avanti dimostrando (due forze) che erano la stessa forza. “

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

Weinberg, Salam e Glashaw, lavorando separatamente, sono stati premiati “per i loro contributi alla teoria dell’interazione elettromagnetica debole e unificata tra le particelle elementari, inclusa… la previsione della debole corrente neutra”, secondo il Premio Nobel. sito web.

un New York Nativo, Weinberg è stato ricercatore presso la Columbia University e l’Università della California, Berkeley, all’inizio della sua carriera. Ha poi fatto parte della facoltà di Harvard e del MIT prima di entrare a far parte della facoltà dell’UT nel 1982, dove ha insegnato fisica e astronomia.

Weinberg lascia la moglie e la figlia. I funerali non sono stati annunciati.