diciembre 5, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il dipendente di Canucks ringrazia il fan di Seattle Kraken per aver scoperto il cancro

SEATTLE (AP) – Brian «Reed» Hamilton era nel mezzo di attrezzature in movimento sulla panchina dei Vancouver Canucks alla Climate Pledge Arena tra i periodi del 23 ottobre contro il Seattle Kraken quando ha notato una donna dietro la panchina che premeva il telefono contro il plexiglass.

Il messaggio è stato scritto sul suo telefono con caratteri grandi e ha attirato l’attenzione di Hamilton, assistente responsabile delle attrezzature di Canucks. La lettera esprimeva la preoccupazione di Nadia Popovici che credeva che il neo sul retro del collo di Hamilton fosse canceroso e che avesse bisogno di essere esaminato.

Si scopre che aveva ragione.

«Mi sono sentito davvero male in questo momento perché mi sono alzato dal sedile e ho messo il suo telefono sul vetro e al telefono ha detto che il neo sulla nuca era un cancro», ha ricordato Hamilton sabato prima che i Canucks giocassero il loro secondo partita della stagione a Seattle. “Così ho alzato le spalle e sono andato avanti. . La mia prima risposta è stata quando ho scoperto che mi sentivo male perché sentivo di non averle dato l’ora del giorno. Sono emozionato perché lei lo sa perché ha bisogno di saperlo».

I Canucks hanno pubblicato sabato una lettera di Hamilton che racconta la storia di come tutto ciò è accaduto ed esprime il suo ringraziamento e il desiderio di incontrare la donna in questione.

Entro circa un’ora, i Canucks e il Seattle Kraken dissero Il 22enne Popovici è stato contattato Dopo aver passato il capodanno a lavorare su una hotline di emergenza. La coppia è riuscita a incontrarsi circa 90 minuti prima che Kraken e Canucks giocassero sabato sera.

READ  Se desvanecen las esperanzas de los escaladores desaparecidos tras el colapso del glaciar italiano

«Il fatto che l’ho guardato negli occhi e ho sentito cosa è successo dal suo punto di vista», ha detto Popovici, che si è laureato all’Università di Washington e intende frequentare la scuola di medicina il prossimo anno. “Immagina quanto sia doloroso essere al lavoro e qualcuno ti guarda e dice: ‘Ehi, forse vai dal dottore. «Non è quello che vuoi sentire. Quindi il fatto che sia stato in grado di vederlo e parlare con i membri della sua famiglia che sono stati davvero toccati dall’evitare un grosso proiettile è molto speciale. «

Il Kraken ha ammesso la storia di quello che è successo a metà del primo periodo con una standing ovation da parte del pubblico e ha annunciato che entrambi i franchise avrebbero dato a Popovici un regalo combinato di $ 10.000 per aiutare con le spese della scuola di medicina.

Hamilton è stato con i Canucks per quasi 20 anni, a partire dalla squadra nel 2002. Nel caos che circondava la panchina per una partita della National Hockey League, Hamilton si è detto sorpreso che Popovici fosse anche in grado di notare una talpa che non ne aveva idea era. .

«Il modo in cui l’ha visto mi sconcerta», ha detto Hamilton. «Non era troppo grande. Indosso una giacca. Indosso una radio sul retro della giacca che si appende in modo che i fili siano lì. «

Popovici ha affermato di aver svolto molto lavoro di volontariato negli ospedali, compreso il suo tempo ad aiutare nel reparto di oncologia.

READ  Una matemática de la NASA, diseñadora de moda y fundadora de una empresa de energía solar está en la lista 30 under 30.

«L’ho visto e mi sono detto, ‘Wow, questa è un’immagine perfetta di come appare il cancro della pelle'», ha detto Popovici.

La partita di Seattle in ottobre è stata l’ultima tappa del viaggio inaugurale dei Canucks. Entro due giorni dal ritorno a Vancouver, Hamilton ha chiesto al team di medici di esaminare il neo in questione. Quando hanno espresso preoccupazione, Hamilton lo ha rimosso pochi giorni dopo e lo ha inviato per una biopsia.

I risultati della biopsia hanno mostrato la presenza di cellule cancerose nella talpa. Quindi un’area più ampia di pelle intorno al neo è stata rimossa per l’esame e Hamilton ha affermato che il risultato era negativo.

Hamilton è stato detto dai suoi medici che il cancro nella talpa avrebbe potuto diventare pericoloso per la vita entro pochi anni se non fosse stato curato.

«Era solo sullo strato più esterno della mia pelle», ha detto Hamilton. «Non è penetrato nel secondo strato della mia pelle ed è perché l’abbiamo raccolto così presto».

Hamilton ha detto che l’intero scopo di raccontare la sua storia e pubblicare la lettera era di dare a Popvicci un apprezzamento per i suoi sforzi per attirare la sua attenzione e scrivere la lettera.

«Capisco di far parte della storia, ma ha bisogno di sapere che è la storia», ha detto Hamilton. «È lei quella che ha fatto questo. Ha salvato una vita. … Dovresti sapere che i suoi sforzi sono stati validi e benefici.»

Eddie: Seattle Kraken dovrebbe dare a Chris Dredger più tempo in rete