noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il CDC ha scoperto che il Covid-19 era associato a quattro volte il rischio di natimortalità durante l’era delta

Letti vuoti per un neonato in un reparto di maternità dell'ospedale.

nato vuoto letto Nel reparto maternità dell’ospedale.
Foto: Sean Gallup (Getty Images)

Una nuova ricerca conferma il rischio aggiuntivo per le donne in gravidanza e le loro famiglie Il volto del covid-19. I dati rilasciati di recente dai Centers for Disease Control and Prevention mostrano che le donne in gravidanza infettate da COVID-19 sono a maggior rischio di natimortalità; Sembra che questo collegamento si stia ancora rafforzando L’emergere di una variabile delta.

Gli studi hanno indicato da tempo che il COVID-19 è più pericoloso per le donne in gravidanza. essi più probabilmente competenza malattia grave, morte, e complicazioni del parto. Questa nuova ricerca pubblicato dal Center for Disease Control (CDC) la scorsa settimana, offrendo uno sguardo più da vicino ai rischi di morte in utero posti dal coronavirus, in particolare variabile delta.

Lo studio ha esaminato più di un milione di nascite ospedaliere tra marzo 2020 e Settembre 2021. I nati morti – la perdita di un bambino prima o durante la nascita – sono stati generalmente bassi nel periodo di tempo. Ma gli individui infetti da covid-19 al momento della nascita avevano una probabilità significativamente maggiore di subire ancora un aborto spontaneo. Complessivamente, circa l’1,26% delle donne in gravidanza con un parto ha avuto un parto morto, rispetto allo 0,64% di quelle senza.

Il tipo delta di coronavirus è più trasmissibile rispetto ai ceppi originali di coronavirus che si sono diffusi per primi mondo l’anno scorso. Ma ci sono prove contrastanti per la capacità delta causare una malattia più grave. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ci sono dati che mostrano che le persone in generale possono avere maggiori probabilità di essere ricoverate in ospedale con un risultato delta, ma quelle persone ricoverate hanno esiti simili a quelli dei ceppi pre-delta. Sfortunatamente, questo non sembra essere il caso per persone incinte.

Durante il periodo da luglio 2021 a settembre 2021, quando la variante delta si è affermata come la forma dominante del virus, il tasso di natimortalità è aumentato notevolmente tra le persone infette dal virus. Persone, dallo 0,98% delle nascite pre-delta al 2,70%. Rispetto ai soggetti non infetti, ciò significava un rischio di infezione quadruplicato Nato morto.

I risultati sembrano confermare resoconti aneddotici Altri nati morti e altre complicazioni durante il picco della recente pandemia guidata da Deltae E non fanno ben sperare nel prossimo futuro, Quanto a. È innegabile che i casi di Covid-19 siano nuovamente in aumento, sebbene siano ancora concentrati tra i non vaccinati.

Tuttavia, rispetto alla popolazione generale, le donne in gravidanza hanno ancora meno probabilità di essere vaccinate contro il COVID-19, in parte a causa di idee sbagliate su Sicurezza dei vaccini. In effetti, gli studi non hanno mostrato un aumento del rischio di esiti avversi per la salute dalla vaccinazione delle donne in gravidanza. Gli esperti, compresi gli autori dell’attuale studio, continuano a esortarli a vaccinarsi il prima possibile.

«L’implementazione di strategie di prevenzione COVID-19 basate sull’evidenza, inclusa la vaccinazione prima o durante la gravidanza, è fondamentale per ridurre l’impatto di COVID-19 sui nati morti», hanno scritto gli autori.

READ  186 pastori dello zoo hanno chiesto di ottenere la rabbia causata dai pipistrelli selvatici