octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il capo della COP26 Alok Sharma invita i ritardatari del clima del G20 a “escalation”

Finora, ha affermato, Regno Unito, Francia, Italia, Germania, Unione Europea, Canada, Stati Uniti, Argentina, Giappone, Corea del Sud e Sudafrica hanno rafforzato gli impegni. Cina, India, Australia e Arabia Saudita sono tra quelle rimaste.

“E ora, il resto dovrebbe incontrarsi”, ha detto. “Quindi dico ai leader del G20, devono semplicemente farsi avanti prima della COP26”.

Ha aggiunto che i paesi che si sono impegnati a raggiungere emissioni nette pari a zero entro la metà del secolo “vogliono la stessa ambizione, lo stesso livello di impegno da parte dei paesi più grandi, i paesi del G20, che rappresentano circa l’80% delle emissioni globali”.

“La risposta del G20 sarà semplicemente un successo o una pausa per mantenere 1,5 a portata di mano”, ha affermato, chiedendo alle nazioni del G20 di “spingere il carbone nel passato” eliminando gradualmente l’uso di combustibili fossili a livello nazionale e terminando i finanziamenti per nuovi progetti. all’estero.

Con l’avvicinarsi del vertice della COP26, Sharma ha usato un linguaggio più energico nei confronti dei paesi con impegni deboli.

In un’intervista a Australia Sydney Morning Herald La scorsa settimana, Sharma ha invitato l’Australia a raddoppiare il suo impegno a ridurre le emissioni per allinearsi maggiormente con paesi come gli Stati Uniti e il Regno Unito, nonché l’Unione europea.

Alle parti dell’accordo di Parigi è stato chiesto di aggiornare i propri impegni, noti come contributi determinati a livello nazionale (NDC), entro il 31 luglio di quest’anno.

Più di 70 paesi hanno apportato questi aggiornamenti, ma dozzine non lo hanno fatto, inclusi forse membri del G-20.

L’Australia ha aggiornato i suoi contributi determinati a livello nazionale alla vigilia di Capodanno lo scorso anno, con poco clamore, e ha assunto lo stesso impegno di cinque anni fa: una riduzione del 26-28% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005, circa la metà di quella negli Stati Uniti, e molto meno. Piani UE e Regno Unito. Ma l’idea dell’Aggiornamento quinquennale è quella di prendere impegni più ambiziosi.

READ  Il volontario Marshall muore dopo Brands Hatch

L’Australia è anche il secondo esportatore di carbone e afferma che estrarrà combustibili fossili dopo il 2030.

Per motivi politici, anche il primo ministro australiano Scott Morrison ha resistito alle richieste di impegnarsi a zero emissioni nette entro la metà del secolo, anche se ogni stato e territorio del paese si è impegnato a farlo.

I paesi possono raggiungere lo zero netto quando le emissioni di gas serra scendono a zero attraverso una combinazione di riduzione delle emissioni attuali e rimozione delle emissioni passate dall’atmosfera. A metà del secolo, dozzine di paesi si sono impegnati a zero netto.

La scorsa settimana gli Emirati Arabi Uniti sono diventati il ​​primo paese petrolifero del Golfo Persico a impegnarsi a zero netto.

“La COP26 non è una sessione fotografica o un talk shop. Deve essere il forum in cui mettiamo il mondo sulla buona strada per raggiungere il clima. Dipende dai leader. Sono i leader che hanno fatto promesse al mondo in questa grande città sei anni fa, e i leader devono onorarli”.

“La responsabilità è di ogni nazione. E tutti noi dobbiamo fare la nostra parte. Perché nel clima, il mondo avrà successo o fallirà insieme”.

Sharma ha anche esposto i suoi piani per la prossima conferenza, inclusa una traccia su come i negoziatori possono “mantenere in vita 1,5”, un obiettivo chiave nella sua agenda. Per raggiungere questo obiettivo, Sharma farà pressione sui paesi affinché riducano il carbone, promuovano l’uso di veicoli elettrici, proteggano gli alberi e Ridurre le emissioni di metano. Spingerà inoltre i paesi sviluppati a mantenere l’impegno di trasferire $ 100 miliardi all’anno al Sud del mondo per aiutare con la transizione verde.
Gli scienziati hanno condotto più di 100.000 studi e hanno scoperto che il mondo soffre di una crisi climatica cieca

Sharma ha annunciato nuovi finanziamenti forniti dall’organismo delle Nazioni Unite per il cambiamento climatico per consentire ai partecipanti di autoisolarsi, qualora dovessero contrarre Covid-19 a Glasgow.

READ  L'esercito israeliano attacca il quartier generale di Hamas a Gaza in risposta al fuoco di un pallone aerostatico

Ha aggiunto che il Regno Unito finanzia gli hotel in quarantena per i delegati e fornisce vaccinazioni ai delegati accreditati che non possono accedervi nei propri paesi.

Ha detto: “Sarà una conferenza straordinaria in tempi straordinari. Ma collettivamente, dobbiamo unirci per renderlo un successo. Formare l’unità è raro. Perché non abbiamo altra scelta che consegnare”.

“Ogni paese deve farsi avanti. In qualità di presidente della COP26, mi assicurerò che ogni voce sia ascoltata. Che le nazioni più piccole si trovino faccia a faccia con le grandi potenze del mondo. Come parti uguali nel processo”.

Boris Johnson chiama i leader sauditi e indiani

Il discorso di Sharma arriva il giorno dopo che il primo ministro britannico Boris Johnson ha interrotto la sua vacanza in Spagna per parlare con i leader in India e Arabia Saudita per fare pressione sui loro obiettivi climatici, tra le altre questioni bilaterali.

Nella sua telefonata al primo ministro indiano Narendra Modi, Johnson “ha sottolineato l’importanza di compiere progressi tangibili sui cambiamenti climatici prima dell’imminente vertice COP26 e durante l’imminente vertice COP26”, si legge in una dichiarazione rilasciata al 10 di Downing Street.

Ha notato che l’India è già leader mondiale nella tecnologia rinnovabile e spera che si impegnino per un contributo più ambizioso determinato a livello nazionale e raggiungano emissioni nette pari a zero.

Secondo una lettura dell’appello di Johnson al principe ereditario saudita Mohammed bin Salman: “Il primo ministro aveva sperato di vedere un impegno netto zero e un ambizioso contributo determinato a livello nazionale dall’Arabia Saudita, rilevando la recente leadership del paese nell’affrontare il cambiamento climatico”.