septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il canadese Trudeau era sulla difensiva per aver chiamato le elezioni, ma alcuni grandi successi sono arrivati ​​nel primo dibattito

MONTREAL (Reuters) – Il primo ministro canadese Justin Trudeau, in difficoltà in vista delle elezioni del 20 settembre, è stato oggetto di critiche concertate nel dibattito di giovedì da parte degli oppositori che hanno affermato di non avere interesse a indire elezioni durante la pandemia di COVID-19.

Trudeau e i leader di altri tre partiti si sono impegnati in un acceso dibattito in lingua francese che a volte è durato due ore, spesso parlando l’uno dell’altro. Ma a differenza dei precedenti incontri, nessuno dei quattro sembrava aver sferrato un pugno da KO.

Trudeau ha scatenato il voto il mese scorso a soli due anni dall’inizio di un mandato di quattro anni, affermando che i canadesi devono decidere se il governo liberale ha ragione a spendere miliardi di dollari per proteggere individui e aziende dalla pandemia.

I liberali al potere di Trudeau avevano un governo di minoranza, che lo rendeva dipendente da altri partiti per governare. I sondaggi mostrano che i progressi dei primi liberali si sono sfilacciati, lasciando testa a testa con i conservatori di Irene O’Toole.

“Possiamo lavorare per fare grandi cose durante una pandemia, ma abbiamo bisogno di un mandato chiaro… per capire cosa vogliono i canadesi per i prossimi anni”, ha detto Trudeau.

“Questo non è il momento di avere un’elezione, durante una pandemia”, ha risposto O’Toole. Yves-François Blanchett, il leader del blocco separatista del Quebec, ha detto a Trudeau che il parlamento avrebbe potuto facilmente durare quattro anni.

Pochi minuti dopo, Trudeau ha affermato che se ottiene solo un’altra minoranza, potrebbero esserci altre elezioni in 18 mesi, diventando l’ottavo voto federale in 19 anni.

READ  La Cina annuncia un improvviso aumento dei casi di COVID-19 che causa la cancellazione dei voli

Jagmeet Singh, il leader dei Nuovi Democratici di sinistra, ha detto dopo la discussione che l’osservazione di Trudeau ha mostrato che non voleva lavorare con altri partiti. I liberali hanno spesso fatto affidamento sul sostegno dei Nuovi Democratici negli ultimi due anni.

Ha partecipato al dibattito – il primo di tre – a Montreal, la più grande città della potente provincia del Quebec, prevalentemente francofona.

Gli addetti ai lavori liberali affermano che il malcontento pubblico per le elezioni, che si sono svolte due anni fa, è in parte responsabile del lento avvio del partito.

Hanno anche notato la stanchezza degli elettori di Trudeau, che è entrato in carica alla fine del 2015 e ha ricoperto la carica con una minoranza nel 2019.

Il Quebec detiene 78 dei 338 seggi alla Camera dei Comuni ed è essenziale per qualsiasi partito in cerca di una posizione.

I quattro leader hanno trascorso molto tempo a discutere di questioni relative al Quebec, inclusa una legge del 2019 sulla laicità che vieta ai funzionari pubblici di indossare simboli religiosi come foulard e turbanti durante il lavoro.

I sondaggi mostrano che la legge, attualmente contestata nei tribunali del Quebec, è popolare. Ma i critici lo hanno giudicato razzista e Trudeau ha detto che sarebbe stato pronto, se necessario, a sfidarlo a livello federale, il che potrebbe costargli il sostegno politico.

O’Toole ha chiarito che non avrebbe agito come primo ministro.

Le discussioni possono essere cruciali. Durante il dibattito TVA del 2019, Trudeau e altri leader hanno accusato l’allora leader conservatore Andrew Scheer di aver complottato per imporre restrizioni all’aborto. Cher divenne confuso e la sua campagna non si riprese mai.

READ  Kim Jong-un afferma che l'epidemia ha causato una "grande crisi" in Corea del Nord ا

La prossima settimana, la Canadian Broadcasting Corporation ospiterà un dibattito in inglese e francese.

(David Leungren riferisce). Montaggio di Peter Cooney e Michael Perry

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.