septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

‘Il calcio è come il cibo’: le calciatrici afgane trovano casa in Italia

Avisano, Italia – Due giorni dopo che i combattenti talebani hanno catturato Herat, la terza città dell’Afghanistan, il giornalista italiano Stefano Liberti ha ricevuto un messaggio via Facebook: “Salve signore, siamo nei guai. Potete aiutarci?”

Il messaggio è arrivato il mese scorso da Susan, 21 anni, ex capitano della squadra di calcio femminile di Bastan, che un tempo era stata oggetto di un documentario per il signor Liberty e il compagno di squadra Mario Boeta.

Susan in seguito disse: “Il calcio è come il cibo per me, e il timore che potesse non essere mai più giocato sotto i talebani mi ha fatto sentire come se fossi morto”. Come gli altri intervistati in questo articolo, solo il suo nome viene utilizzato per proteggere la sua identità.

Tredici giorni dopo aver contattato Mr. Liberty, Susan è arrivata in Italia con due suoi compagni di squadra, il loro allenatore e diversi membri della famiglia. Sono atterrati al principale aeroporto di Roma dopo un volo messo a disposizione dai due cronisti, A Organizzazione non governativa con sede a FirenzeMolti legislatori italiani e funzionari dei Ministeri della Difesa e degli Affari Esteri italiani.

Il gruppo di 16 persone di Herat è passato attraverso una tendopoli gestita dalla Croce Rossa Italiana ad Avizzano, nell’Appennino, dove nelle ultime settimane più di 1.400 afgani sono stati isolati in Italia.

Come molti afghani, i giocatori si sono lasciati alle spalle le vite che hanno costruito per intraprendere il viaggio. Susan ha interrotto i suoi studi universitari in letteratura inglese per lasciare il paese con i suoi genitori, due sorelle e un fratello.

READ  Haaland al Chelsea e dalla Barilla al Liverpool

Alle donne era proibito fare esercizio durante la prima era talebana. Anche dopo che il gruppo è stato estromesso dal potere nel 2001, praticare sport è rimasto una sfida per le donne afgane e gli uomini che le hanno aiutate.

in un “Squadra di calcio HeratIl documentario del 2017 dei reporter sulla squadra, Najibullah, l’allenatore, ha affermato di essere stato ripetutamente minacciato dai talebani per il suo addestramento di giovani donne.

Il ritorno al potere dei talebani ha sollevato preoccupazioni non solo sul fatto che le restrizioni allo sport verranno reintrodotte, ma anche sul fatto che le giocatrici emerse negli ultimi 20 anni dovranno affrontare rappresaglie.

Khaleda Popal, l’ex capitano della nazionale femminile che ha lasciato l’Afghanistan nel 2011 e ora vive a Copenaghen, era solita sociale e Media principali Il mese scorso per consigliare alle donne che si sono esercitate in Afghanistan di chiudere i loro account sui social media, rimuovere qualsiasi presenza online e persino bruciare le loro uniformi.

“Non hanno nessuno da cui andare a cercare protezione e cercare aiuto se sono in pericolo”, ha detto in un’intervista a Reuters.

Anche un’altra giocatrice di Herat, Fatima, 19 anni, ha abbandonato gli studi universitari in amministrazione pubblica e politica. È arrivata in Italia con suo fratello, ma suo padre si è ammalato mentre cercava di attraversare la folla all’aeroporto di Kabul, così lui e sua madre sono rimasti indietro.

“Mi hanno detto, vai, vai per il tuo futuro, il calcio, per la tua istruzione”, ha detto Fatima.

“Giocare a calcio mi fa sentire forte e un esempio per le altre ragazze, per dimostrare che puoi fare tutto ciò che vuoi”, ha detto Fatima. Sperava che fosse così anche in Italia. “Voglio farlo mio adesso”, ha detto.

READ  Non testa di serie James Madison sconvolge la testa di serie in Oklahoma nella sua prima apparizione ai Campionati del mondo universitario femminile

Maryam, 23 anni, la più anziana delle tre giocatrici, aveva già conseguito un diploma manageriale e lavorava come allenatore in una scuola guida di Herat. Si vedeva come un modello, ispirando le giovani donne con modelli “a causa del calcio, a causa della leadership”.

“Ero un membro attivo della società”, ha detto Maryam, un ruolo che era sicura di non poter svolgere sotto i talebani.

Mary è stata l’unica ad arrivare in Italia da sola, anche se ha detto di sperare che la sua famiglia si unisse a lei. “È difficile per me sorridere”, ha detto. “Ma spero che il mio futuro sarà buono, sicuramente migliore di quanto non fosse sotto i talebani”.

I giocatori dicono che molti dei loro compagni di squadra a Herat sono ancora a Kabul, sperando di trovarli Attraversando l’AustraliaAlcune delle giocatrici della nazionale femminile afghana sono state evacuate.

Venerdì scorso, le tre donne e le loro famiglie sono state portate nella città italiana di Firenze. In Italia, la federazione calcistica nazionale, alcune società calcistiche e il capitano della nazionale, Sarah Gama, hanno dato il loro sostegno ai giovani calciatori afgani.

“C’era molta solidarietà”, ha detto il documentarista Mr. Liberty.

E in un caldo pomeriggio della scorsa settimana, Fatima e Maryam hanno fatto qualcosa che non avevano mai fatto prima: calciare un pallone con due ragazzi.

Quando le è stato chiesto come si sentiva, ha sorriso e ha alzato il pollice.

“È stata una bella sensazione”, ha aggiunto Fatima. “La gente non ci guardava come se avessimo fatto qualcosa di sbagliato”.