septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il Bhutan vaccina il 90% degli adulti idonei entro una settimana

Oggi, martedì, il Ministero della Salute ha dichiarato che il regno himalayano del Bhutan ha vaccinato il 90% della sua popolazione adulta ammissibile in soli sette giorni.

Il piccolo paese, stretto tra India e Cina e che ospita quasi 800.000 persone, ha iniziato a somministrare una seconda dose il 20 luglio in una campagna di massa salutata dall’UNICEF come “la campagna di vaccinazione più veloce mai effettuata durante una pandemia”.

Ad aprile, il Bhutan ha fatto notizia quando il suo governo ha affermato di aver vaccinato la stessa percentuale di adulti idonei con la prima dose in meno di due settimane dopo che l’India aveva donato 550.000 dosi del vaccino AstraZeneca.

Ma il paese ha dovuto affrontare carenze per diversi mesi dopo che l’India, uno dei principali fornitori di AstraZeneca, ha interrotto le esportazioni nel tentativo di soddisfare la crescente domanda interna mentre il numero di infezioni è aumentato vertiginosamente.

Il Bhutan è stato in grado di riavviare la sua campagna la scorsa settimana dopo che mezzo milione di dosi del vaccino di Moderna sono arrivate dagli Stati Uniti come donazione nell’ambito del programma COVAX sostenuto dalle Nazioni Unite, un’iniziativa progettata per dare ai paesi l’accesso ai vaccini contro il coronavirus indipendentemente dalla loro ricchezza.

Circa 5.000 istantanee sono state anche realizzate da Pfizer attraverso COVAX, che è co-guidato da Gavi, la Vaccine Alliance, l’Organizzazione mondiale della sanità e la Coalition for Epidemic Preparedness Innovation.

Ha anche ricevuto più di 400.000 round AstraZeneca da Danimarca, Croazia e Bulgaria nelle ultime due settimane.

“Il nostro obiettivo è raggiungere l’immunità di gregge nella nostra popolazione nel più breve tempo possibile per evitare una grave crisi di salute pubblica”, ha detto all’Associated Press Dishen Wangmu, ministro della salute del Bhutan.

READ  Decine di turisti multati dopo che la polizia ha sequestrato 200 chili di sabbia e conchiglie sottratte alle spiagge sarde

Molti paesi occidentali con molte più risorse dovranno ancora vaccinare un così alto tasso di adulti idonei.

Gli esperti sanitari affermano che la piccola popolazione del Bhutan ha aiutato, ma il paese ha anche beneficiato di messaggi forti ed efficaci da parte di alti funzionari e di un sistema di conservazione della catena del freddo.

Hanno partecipato più di 3.000 operatori sanitari e 1.200 centri di vaccinazione in tutto il paese hanno contribuito a garantire che i colpi raggiungessero ogni adulto idoneo. In alcuni casi, gli operatori sanitari hanno camminato per giorni attraverso frane e acquazzoni per raggiungere villaggi molto remoti su ripide montagne per somministrare dosi a coloro che non potevano raggiungere il centro, ha affermato il dott. Sonam Wangchuk, membro della squadra di vaccinazione del Bhutan.

“La vaccinazione è il pilastro della Bhutan Healthcare Initiative”, ha affermato.

Anche il governo del Bhutan è guidato da medici. Il Primo Ministro, il Ministro degli Affari Esteri e il Ministro della Salute sono tutti professionisti medici. I frequenti messaggi del governo, che risponde direttamente alle domande pubbliche sul coronavirus e sulle vaccinazioni su Facebook, hanno anche aiutato a combattere l’esitazione del vaccino tra i cittadini.

“In effetti, le persone sono molto ansiose di venire a vaccinarsi”, ha detto il dott. Wangchuk.

Il suo primo ministro, Lutai Tshering, e il re, Jigme Khesar Namgyel Wangchuck, furono i primi sostenitori del vaccino, placando i timori che circondavano la transizione. Il re ha anche fatto un giro del paese per sensibilizzare sulla campagna di vaccinazione.

Il Bhutan è l’ultimo regno buddista rimasto in Himalaya, ma è passato da una monarchia assoluta a una monarchia costituzionale democratica.

READ  Nigeria: uomini armati rilasciano decine di giovani studenti rapiti da scuola tre mesi fa

Un’altra componente importante della campagna vaccinale è la vasta rete di cittadini volontari nel paese chiamata “desuups”, ha affermato Will Parks, rappresentante dell’UNICEF in Bhutan. Ha affermato che circa 22.000 cittadini si sono offerti volontari durante l’ultimo anno e mezzo per aumentare la consapevolezza, dissipare la disinformazione, aiutare a condurre esami e test completi e persino trasportare vaccini attraverso il terreno accidentato del paese.

Il successo del Bhutan è un’anomalia nell’Asia meridionale, dove paesi come l’India e il Bangladesh lottano per aumentare i tassi di vaccinazione. Gli esperti dicono che questo sottolinea l’importanza dei paesi ricchi che donano vaccini al mondo in via di sviluppo e mette in evidenza la portata dell’impatto che il governo e la società possono avere.

“Forse questo piccolo regno himalayano potrebbe essere un faro di speranza in una regione in fiamme”, ha detto Parks.

___

Lekhi ha riferito da Nuova Delhi.