noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I risultati del test covid-19 falliti in Gran Bretagna portano a migliaia di casi aggiuntivi

unMONG THE Gli strumenti che i funzionari sanitari hanno utilizzato per combattere il COVID-19, gli effetti di blocchi, mascherine e vaccini sono stati ben studiati. Il test, il cui impatto è difficile da misurare perché coincide con altre politiche antiepidemiche, non ha ricevuto meno attenzione. Ma grazie a una triste esperienza naturale, ora sta iniziando a cambiare.

Ascolta questa storia

Goditi più audio e podcast iOS o Android.

A settembre, il Covid sembrava essersi fermato nel sud-ovest della Gran Bretagna. Durante la notte, il tasso di positività PCR I test vicino a Bath e Bristol sono scesi dal 3% all’1%. In nessun altro posto in Inghilterra c’è stato un declino simile.

Entro la metà del mese, un gruppo di volontari locali ha affermato che questo apparente calo potrebbe essere stato causato da test difettosi. Poche settimane dopo, il gruppo e gli scienziati locali hanno chiesto all’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) Indagare.

Il 12 ottobre UKHSA Chiusura di un laboratorio gestito dalla società di collaudo Immensa. L’agenzia ha affermato che la società ha erroneamente informato 43.000 persone infette che erano prive di virus. La causa dell’errore non è ancora chiara. Immensa ha rifiutato di commentare.

Una volta chiuso il laboratorio, il tasso di casi di virus nell’area è aumentato vertiginosamente. Un portavoce del Primo Ministro ha affermato che gli errori di laboratorio non hanno causato l’aumento. Tuttavia, il 14 novembre, Thiemo Fitzer dell’Università di Warwick ha pubblicato un documento che mostra che potrebbero aver fatto proprio questo. Non è ancora stato sottoposto a revisione paritaria, ma fornisce prove conclusive che test accurati rallentano effettivamente la diffusione del coronavirus, facendo sapere alle persone infette che dovrebbero essere isolate.

Per stimare cosa sarebbe successo se non fosse stato per lo snafu, il signor Fetzer ha costruito un «controllo artificiale»: un insieme di aree i cui precedenti tassi di vaccinazione, test, casi di virus e decessi corrispondevano a quelli delle 13 aree più colpite. La differenza era netta. Dal 2 settembre al 12 ottobre le regioni interessate hanno registrato 13.000 positivi in ​​meno rispetto al gruppo di controllo. Dopo di che, hanno segnato altri 21.000.

Ciò significa che ogni falso test potrebbe comportare ulteriori 0,6-1,6 casi (l’intervallo riflette l’incertezza su quante persone che sono risultate positive hanno ricevuto falsi negativi in ​​precedenza). Sulla base del tasso di mortalità della Gran Bretagna, questo si traduce in 400-1100 morti.

Sorprendentemente, queste perdite non sono le più alte che il signor Fetzer attribuisce a problemi tecnici. Nel 2020, un errore del foglio di calcolo ha impedito al servizio statistico britannico di segnalare 15.000 casi di coronavirus per contattare i traccianti. In uno studio precedente, Fetzer ha stimato che 1.500 persone sono morte di conseguenza.

Fonti: «Misurazione dell’impatto epidemiologico di un falso negativo: prove da un esperimento naturale», di T. Fetzer, 2021; Ufficio nazionale di statistica

Questo articolo è apparso nella sezione dei dettagli grafici dell’edizione cartacea sotto il titolo «An Immensa cock-up»

READ  Il rover Curiosity della NASA è stato progettato per strappare le proprie ruote